Mangiare e bere

La dieta a basso indice glicemico mostra miglioramenti significativi per le persone con diabete

I benefici possono andare oltre ciò che si può ottenere con i farmaci o la sola insulina

er le persone con diabete, attenersi a una dieta a basso indice glicemico si traduce in piccoli ma importanti miglioramenti dei livelli di zucchero nel sangue, colesterolo, peso e altri fattori di rischio, secondo uno studio pubblicato oggi dal BMJ .

Pubblicità e progresso

Questi miglioramenti sono stati osservati al di là della terapia farmacologica o insulinica esistente, suggerendo che una dieta a basso indice glicemico potrebbe essere particolarmente utile come trattamento aggiuntivo per aiutare le persone con diabete a raggiungere meglio i loro obiettivi, affermano i ricercatori.

L’indice glicemico (GI) valuta la rapidità con cui cibi diversi influenzano i livelli di zucchero nel sangue e la ricerca ha dimostrato che gli alimenti a basso indice glicemico, come le verdure, la maggior parte della frutta, i legumi e i cereali integrali, possono aiutare a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il rischio di malattie cardiache nelle persone con diabete.

Una dieta a basso indice glicemico o GL (carico glicemico) è quindi raccomandata per le persone con diabete dalle linee guida cliniche di tutto il mondo. Tuttavia, le ultime linee guida dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) sono state pubblicate oltre 15 anni fa e da allora sono stati pubblicati numerosi studi.

Quindi i ricercatori hanno deciso di riassumere l’effetto dei modelli dietetici a basso indice glicemico/glicemico sul controllo della glicemia e altri fattori di rischio noti nel diabete per aiutare a informare l’aggiornamento delle linee guida EASD per il trattamento nutrizionale.

I loro risultati si basano su 27 studi randomizzati controllati pubblicati fino a maggio 2021 che studiano l’effetto delle diete con basso indice glicemico/glicemia nel diabete per tre o più settimane.

Gli studi hanno coinvolto un totale di 1.617 partecipanti con diabete di tipo 1 o 2, prevalentemente di mezza età, sovrappeso o obesi con diabete di tipo 2 moderatamente controllato trattati con farmaci o insulina. 

Gli studi erano di qualità variabile, ma i ricercatori sono stati in grado di valutare la certezza delle prove utilizzando il sistema GRADE riconosciuto.

I risultati mostrano che i modelli dietetici a basso indice glicemico sono stati associati a piccole ma clinicamente significative riduzioni dei livelli di zucchero nel sangue (HbA1c) rispetto alle diete di controllo con indice glicemico più alto.

Riduzioni si sono verificate anche in altri fattori di rischio tra cui glicemia a digiuno (livelli di zucchero nel sangue dopo un periodo di digiuno), colesterolo LDL, peso corporeo e proteina C-reattiva (una sostanza chimica associata all’infiammazione), ma non i livelli di insulina nel sangue, colesterolo HDL, circonferenza o pressione sanguigna. 

La certezza dell’evidenza era elevata per la riduzione dei livelli di zucchero nel sangue e moderata per la maggior parte degli altri esiti, suggerendo che l’evidenza disponibile fornisce una buona indicazione del probabile beneficio in questa popolazione.

I ricercatori indicano alcune limitazioni che potrebbero aver influenzato i loro risultati, come l’imprecisione nell’evidenza dell’effetto di modelli dietetici a basso indice glicemico sul colesterolo LDL e sulla circonferenza della vita, e il piccolo numero di confronti di prova disponibili per la pressione sanguigna e i marcatori infiammatori .

Tuttavia, affermano che i loro risultati mostrano che i modelli dietetici a basso indice glicemico “sono considerati una strategia dietetica accettabile e sicura che può produrre piccole riduzioni significative dell’obiettivo primario per il controllo glicemico nel diabete, HbA1c, glucosio a digiuno e altri fattori di rischio cardiometabolico accertati”. .”

“La nostra sintesi supporta le raccomandazioni esistenti per l’uso di modelli dietetici a basso indice glicemico/glicemico nella gestione del diabete”, concludono. 

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,