Mangiare e bere

Un nuovo studio smentisce l’affermazione “i carboidrati veloci fanno ingrassare”

Un nuovo studio conclude che i “carboidrati veloci” non hanno più probabilità dei “carboidrati lenti” di portare a un aumento di peso e non meno probabilità di portare a una perdita di peso indotta dalla dieta.
CREDITO: Fondazione Grain Foods

Un’analisi approfondita mostra che l’indice glicemico alimentare non è determinante per l’aumento o la perdita di peso

 Uno studio recentemente pubblicato su  Advances in Nutrition , una rivista nutrizionale sottoposta a revisione paritaria dell’American Society for Nutrition, conclude che gli alimenti ad alto indice glicemico (alto indice glicemico) (spesso chiamati “carboidrati veloci”) non hanno più probabilità degli alimenti a basso indice glicemico (spesso chiamati “carboidrati lenti”) di portare a un aumento di peso e non meno probabilità di portare a una perdita di peso indotta dalla dieta. 

Pubblicità e progresso

Intrapreso per valutare l’ipotesi che gli alimenti ad alto indice glicemico promuovano l’accumulo di grasso e aumentino il rischio di obesità causando un rapido aumento della glicemia e della secrezione di insulina, e che gli alimenti a basso indice glicemico facciano il contrario, lo studio completo ha analizzato i dati su 43 coorti da 34 pubblicazioni (che comprendono quasi due milioni di adulti) per valutare se l’indice glicemico alimentare influisce sul peso corporeo.

“Questo studio è il primo a dimostrare in modo definitivo che i carboidrati veloci non fanno ingrassare”, afferma il coautore dello studio Glenn Gaesser, PhD, professore di scienze motorie presso il College of Health Solutions dell’Arizona State University. “Contrariamente alla credenza popolare, coloro che consumano una dieta di cibi ad alto indice glicemico non hanno maggiori probabilità di essere obesi o ingrassare rispetto a quelli che consumano una dieta di cibi a basso indice glicemico. Inoltre, non hanno meno probabilità di perdere peso”.

In termini più semplici, la conclusione generale dello studio è stata che “l’IG, come misura della qualità dei carboidrati, sembra essere relativamente irrilevante come determinante dell’IMC o della perdita di peso indotta dalla dieta”. 

Più specificamente:

  • Nei 27 studi di coorte che hanno riportato risultati di confronti statistici, il 70% ha mostrato che l’IMC non era diverso tra i gruppi con IG dietetico più alto e più basso (12 su 27 coorti) o che l’IMC era più basso nel gruppo con IG dietetico più alto (7 su 27). coorti). 
  • I risultati di 30 meta-analisi di RCT di 8 pubblicazioni hanno dimostrato che le diete a basso indice glicemico non erano generalmente migliori delle diete ad alto indice glicemico per ridurre il peso corporeo o il grasso corporeo.
  • Sebbene le diete a basso indice glicemico con un indice glicemico dietetico inferiore di almeno 20 unità rispetto alla dieta di confronto abbiano determinato una maggiore perdita di peso negli adulti con normale tolleranza al glucosio, ciò non è avvenuto negli adulti con ridotta tolleranza al glucosio.

Dando uno sguardo ampio ai dati, i coautori Julie Miller Jones, PhD, LN, CNS e Siddhartha Angadi, PhD, evidenziano i punti chiave per i consumatori nel contesto della ricerca nutrizionale in continua evoluzione.

“La recensione mette in dubbio la premessa che le diete a basso indice glicemico portino a risultati di controllo del peso sostanzialmente migliori e ci ricorda le molte altre qualità dei carboidrati che sono molto più importanti da considerare: ad esempio, densità dei nutrienti, fibra alimentare e contenuto di cereali integrali e percentuale di zucchero aggiunto”, afferma Angadi.

Secondo gli autori, lo studio evidenzia anche la necessità che sia i ricercatori che i comunicatori nutrizionali siano consapevoli dei molti nutrienti positivi che i carboidrati di base contribuiscono alla qualità della dieta, così come i nutrienti detrattori che spesso gli alimenti indulgenti contengono, quando caratterizzano o comunicano la qualità dei carboidrati.

“Il punto chiave è che i carboidrati, indipendentemente dal tipo, possono far parte di una dieta sana e avere un posto in un piatto sano”, afferma Miller Jones. “Negli ultimi decenni, abbiamo assistito alla totale diffamazione dei carboidrati, degli alimenti trasformati e degli alimenti realizzati con cereali raffinati. La scienza ha dimostrato che questi alimenti nel giusto equilibrio possono far parte di un modello alimentare in grado di promuovere un peso sano e ridurre il rischio di malattie. La verità è che mangiare un’ampia varietà di carboidrati, dal pane bianco con carboidrati veloci ai fiocchi di crusca a basso contenuto di carboidrati e abbinarli a scelte intelligenti di tutti i gruppi alimentari può fornire i benefici nutrizionali che i carboidrati sani, in particolare i cereali integrali e arricchiti. cibi, può offrire”.

Il nuovo studio pubblicato su  Advances in Nutrition  può essere trovato  qui . 

La Grain Foods Foundation ha fornito supporto finanziario per questa ricerca. Per ulteriori informazioni sui risultati della ricerca e per saperne di più sul ruolo degli alimenti a base di cereali in una dieta salutare, visitare  www.GrainFoodsFoundation.org .

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: