Mangiare e bere

Una ulteriore conferma dalla ricerca scientifica: lo yo-yo con il peso fa male specie per chi è nefropatico

slimming, diet, health

Photo by JerzyGorecki on Pixabay

  • Negli individui con malattie renali, quelli con un’elevata variabilità dell’indice di massa corporea hanno affrontato rischi maggiori di aver bisogno di una terapia sostitutiva renale, di avere un infarto, di avere un ictus e di morire prematuramente.

Un recente studio ha collegato le fluttuazioni di peso, o la variabilità dell’indice di massa corporea, a maggiori rischi di problemi cardiovascolari e morte prematura negli adulti con malattia renale cronica (CKD). I risultati appaiono in un prossimo numero di JASN .

La variabilità dell’indice di massa corporea è associata a maggiori rischi di sviluppare malattie cardiache nella popolazione generale. Poiché la malattia cardiovascolare è la principale causa di morte negli individui con CKD, un team guidato da Dong Ki Kim, MD, PhD, Sehoon Park, MD e Kyungdo Han, PhD ha esaminato se la variabilità del BMI può influenzare la prognosi dei pazienti con disfunzione renale.

Pubblicità e progresso

Lo studio ha incluso 84.636 pazienti con CKD che sono stati elencati in un database nazionale di screening sanitario in Corea del Sud. Durante un follow-up mediano di 4 anni, il 6% degli individui è morto, il 4% ha avuto bisogno di terapia sostitutiva renale come la dialisi, il 2% ha avuto un infarto e il 3% ha avuto un ictus.

Rispetto agli individui con la più bassa variabilità dell’indice di massa corporea, quelli con la più alta variabilità dell’indice di massa corporea hanno affrontato un rischio maggiore di morire del 66%, un rischio maggiore del 20% di aver bisogno di terapia sostitutiva renale, un rischio maggiore del 19% di subire un infarto, e un rischio maggiore del 19% di subire un ictus.

“Questo studio ha dimostrato che le persone che avevano una compromissione della funzione renale con un recente indice di massa corporea fluttuante avevano un rischio più elevato di malattie cardiovascolari o morte, indipendentemente dal loro indice di massa corporea attuale”, ha affermato il dott. Kim, del Seoul National University Hospital. “Questo risultato suggerisce che le persone con compromissione della funzionalità renale dovrebbero prestare attenzione al loro stato di peso fluttuante, e quelle con peso fluttuante possono trarre beneficio dal ricevere uno screening appropriato e una gestione dei fattori di rischio per prevenire le malattie cardiovascolari o la progressione della loro disfunzione renale”.

I risultati sono stati simili nei sottogruppi suddivisi in base all’andamento positivo/negativo dell’IMC durante il periodo di valutazione dell’esposizione. Inoltre, le variabilità in alcuni componenti della sindrome metabolica erano anche significativamente associate alla prognosi dei pazienti con insufficienza renale cronica predialitica. Inoltre, quelli con un numero maggiore di componenti della sindrome metabolica con elevata variabilità avevano una prognosi peggiore.

I coautori dello studio includono Semin Cho, MD, Soojin Lee, MD, Yaerim Kim, MD, PhD, Sanghyun Park, Yong Chul Kim, MD, PhD, Seung Seok Han, MD, PhD, Hajeong Lee, MD, PhD, Jung Pyo Lee, MD, PhD, Kwon Wook Joo, MD, PhD, Chun Soo Lim, MD, PhD, e Yon Su Kim, MD, PhD.

Divulgazioni: questo lavoro è stato eseguito nell’ambito di un progetto associato al memorandum d’intesa tra la Società coreana di nefrologia e il NHIS della Corea. Lo studio ha utilizzato il database del NHIS della Repubblica di Corea (NHIS-2020-1-462). Questo lavoro è stato sostenuto dal Programma di sviluppo tecnologico strategico industriale – Sviluppo della tecnologia biocore (10077474, Sviluppo della tecnologia di diagnosi precoce per insufficienza renale acuta/cronica) finanziato dal Ministero del commercio, dell’industria e dell’energia (MOTIE, Corea). Gli autori non hanno dichiarato conflitti di interesse.

L’articolo, intitolato “The Prognostic Significance of Body Mass Index and Metabolic Parameter Variabilities in Predialysis Chronic Kidney Disease: A Nationwide Observational Cohort Study”, apparirà online all’indirizzo http://jasn.asnjournals.org/ il 12 agosto 2021.

Categorie:Mangiare e bere, Reni

Con tag:,