Batticuore

Una ulteriore conferma: il lavoro a turni di notte è legato a un aumento del rischio di problemi cardiaci

Questo studio dimostra che sia le esposizioni notturne attuali che quelle permanenti erano associate ad un aumento del rischio di fibrillazione atriale e malattia coronarica.
CREDITO: European Heart Journal

Secondo una ricerca pubblicata sull’European Heart Journal, le persone che lavorano i turni di notte corrono un rischio maggiore di sviluppare un ritmo cardiaco irregolare e spesso anormalmente veloce chiamato fibrillazione atriale (FA) .

Lo studio è il primo a indagare i collegamenti tra il lavoro notturno e la FA. Utilizzando le informazioni di 283.657 persone nel database della Biobanca del Regno Unito , i ricercatori hanno scoperto che più a lungo e più frequentemente le persone lavoravano nei turni di notte nel corso della loro vita, maggiore era il rischio di fibrillazione atriale. Anche il lavoro notturno era collegato a un aumento del rischio di malattie cardiache, ma non a ictus o insufficienza cardiaca.

Pubblicità e progresso

Inoltre, i ricercatori, guidati dal professor Yingli Lu, dello Shanghai Ninth People’s Hospital e della Shanghai JiaoTong University School of Medicine, Shanghai, Cina, e dal professor Lu Qi, della Tulane University School of Public Health and Tropical Medicine, New Orleans, USA, studiato se la predisposizione genetica alla FA potrebbe svolgere un ruolo nell’aumento del rischio. Hanno valutato il rischio genetico complessivo sulla base di 166 variazioni genetiche note per essere associate alla condizione, ma hanno scoperto che i livelli di rischio genetico non influenzavano il legame tra i turni di lavoro notturni e il rischio di FA, indipendentemente dal fatto che i partecipanti avessero un basso, medio o alto rischio genetico.

Il prof. Lu ha affermato: “Sebbene uno studio come questo non possa mostrare un nesso causale tra i turni di notte e la fibrillazione atriale e le malattie cardiache, i nostri risultati suggeriscono che il lavoro di turno di notte attuale e permanente può aumentare il rischio di queste condizioni.

“I nostri risultati hanno implicazioni sulla salute pubblica per prevenire la fibrillazione atriale. Suggeriscono che ridurre sia la frequenza che la durata del lavoro notturno può essere benefico per la salute del cuore e dei vasi sanguigni”.

Lo studio ha incluso 286.353 persone che avevano un lavoro retribuito o autonomo. Un totale di 283.657 di questi partecipanti non aveva AF quando si sono iscritti alla Biobanca del Regno Unito e 276.009 non hanno avuto insufficienza cardiaca o ictus. Le informazioni sulle varianti genetiche erano disponibili per 193.819 partecipanti senza AF e 75.391 di loro hanno risposto a domande approfondite sulla loro occupazione a vita in un questionario inviato nel 2015. Tra i partecipanti liberi da malattie cardiache e ictus quando hanno aderito allo studio, 73.986 hanno fornito informazioni sulla loro storia lavorativa. Durante un follow-up medio di oltre dieci anni, ci sono stati 5.777 casi di AF.

I ricercatori hanno aggiustato le loro analisi per fattori che potrebbero influenzare i risultati, come età, sesso, etnia, istruzione, stato socioeconomico, fumo, esercizio fisico, dieta, indice di massa corporea, pressione sanguigna, durata del sonno e cronotipo (se qualcuno era un ‘ mattina’ o una persona ‘sera’).

Hanno scoperto che le persone che attualmente lavoravano di notte su base abituale o permanente avevano un rischio di fibrillazione atriale aumentato del 12% rispetto alle persone che lavoravano solo durante il giorno. Il rischio è aumentato al 18% dopo dieci o più anni per coloro che avevano turni di notte per tutta la vita. Tra le persone che hanno lavorato in media da tre a otto turni di notte al mese per dieci anni o più, il rischio di FA è aumentato al 22% rispetto ai lavoratori diurni.

Tra i partecipanti che attualmente lavorano nei turni di notte, o lavorano nei turni di notte per dieci o più anni, o lavorano da tre a otto turni di notte al mese, il rischio di malattia coronarica è aumentato rispettivamente del 22%, 37% e 35% rispetto al giorno lavoratori.

Il prof. Qi ha detto: “Ci sono state altre due scoperte interessanti. Abbiamo scoperto che le donne erano più suscettibili alla fibrillazione atriale rispetto agli uomini quando lavoravano nei turni di notte per più di dieci anni. Il loro rischio è aumentato significativamente del 64% rispetto ai lavoratori a giornata. Le persone che segnalavano una quantità ideale di attività fisica di 150 minuti a settimana o più di intensità moderata, 75 minuti a settimana o più di intensità vigorosa, o una combinazione equivalente, avevano un rischio inferiore di fibrillazione atriale rispetto a quelle con attività fisica non ideale quando esposto a una vita di turni di notte. Pertanto, le donne e le persone meno attive fisicamente possono beneficiare in particolare di una riduzione del lavoro a turni di notte”.

Un punto di forza dello studio è la sua dimensione, con informazioni dettagliate su oltre 283.000 persone. Inoltre, è il primo studio a collegare questi dati con le informazioni genetiche in una popolazione che dispone anche di storie dettagliate disponibili sul lavoro a turni attuale e sull’occupazione a vita.

I limiti dello studio includono il fatto che non può mostrare che il lavoro a turni causa problemi cardiaci, solo che è associato ad essi; alcuni casi di fibrillazione atriale potrebbero essere stati persi; l’occupazione a vita è stata valutata solo quando le persone si sono iscritte alla UK Biobank, è stata autodichiarata e, pertanto, potrebbe essere cambiata o essere soggetta ad alcuni errori; potrebbero esserci fattori sconosciuti che potrebbero influenzare i risultati; e le persone in UK Biobank erano principalmente bianchi britannici e quindi potrebbe non essere possibile generalizzare i risultati ad altri gruppi etnici.

Il prof. Lu ha dichiarato: “Abbiamo in programma di analizzare l’associazione tra lavoro notturno e fibrillazione atriale in diversi gruppi di persone. Ciò può rafforzare l’affidabilità di questi risultati e servire da avvertimento per i gruppi che lavorano in determinati tipi di occupazioni per far controllare il loro cuore in anticipo se sentono dolore o disagio al petto”.


[1] “Il lavoro notturno a lungo termine è associato al rischio di fibrillazione atriale e malattia coronarica”, di Ningjian Wang et al. Giornale europeo del cuore . doi:10.1093/eurheartj/ehab505

Categorie:Batticuore

Con tag:,