Educazione

Suggerimenti per aiutare i diabetici con limitazioni fisiche a diventare più attivi

Dal Congresso 2021 USA dell’Associazione degli Specialisti nell’Educazione e Cura del Diabete.

Gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete, anche quelli senza formazione in terapia fisica, possono aiutare una persona con diabete e limitazioni fisiche ad aumentare l’attività e migliorare la funzione fisica, secondo un oratore.

Pubblicità e progresso

“Questo è importante quanto quello che facciamo in aree come un’alimentazione sana, il monitoraggio o l’assunzione di farmaci”, Karen Kemmis, PT, RN, DPT, MS, GCS, CDCES, FADCES, leader del team educativo presso l’affiliato del Joslin Diabetes Center presso SUNY Upstate Medical University, ha detto. “Aiutare una persona a funzionare meglio nelle attività quotidiane e ad essere in grado di esercitare può avere un impatto positivo sulla sua vita”.

Le persone con diabete e altre condizioni cardiometaboliche croniche, inclusa l’obesità, possono avere problemi ad alzarsi da una sedia, salire le scale, accovacciarsi, inginocchiarsi e allungare la mano, il che può limitare la loro capacità di lavarsi e vestirsi, fare i lavori domestici e partecipare ad attività ricreative ed esercizio fisico, tra le altre attività.

Quattro condizioni chiave spesso portano a limitazioni fisiche, secondo Kemmis. La gamma limitata di movimento può essere il risultato di capsulite adesiva della spalla o dell’anca oa causa della rigidità delle mani o di altre articolazioni. Il dolore può essere il risultato dell’osteoartrite ed esacerbato dall’eccesso di peso. La diminuzione della forza può sia contribuire sia derivare dal dolore e dalla ridotta gamma di movimento. La disfunzione dell’equilibrio può derivare da una diminuzione della vista e della propriocezione sensoriale – comuni comorbidità del diabete – così come da una diminuzione della forza.

Valutare i limiti
Durante la sua presentazione, Kemmis ha delineato i passaggi per esaminare una persona con diabete e valutarne i limiti con l’obiettivo di sviluppare un programma di esercizi personalizzato.

“Fare alcune domande e osservare come un individuo si muove può dare una visione approfondita delle sfide e dei limiti fisici”, ha detto Kemmis. “Questo può guidare gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete mentre assistiamo nello sviluppo di un piano di attività fisica/esercizio che può essere incredibilmente utile per il modo in cui la persona si muove e vive”.

Innanzitutto, chiedi informazioni sulla mobilità e sul dolore limitate: quando e come sono iniziate le limitazioni? Chi altro ne è a conoscenza? La condizione è stata diagnosticata e trattata? Cosa aiuta o fa male?

Quindi osserva la persona mentre si muove attraverso una serie di manovre per la parte superiore e inferiore del corpo e per l’equilibrio, come camminare, sedersi, alzarsi da un sedile, indossare e togliere una giacca, salire le scale o un marciapiede e stare in piedi su una gamba sola. .

Opzioni per aumentare l’attività fisica
Un rinvio alla terapia fisica o occupazionale può essere appropriato per le persone con una gamma limitata di movimento, dolore e disfunzione dell’equilibrio, ha detto Kemmis. Inoltre, ha raccomandato di includere sia l’allenamento aerobico che quello di resistenza in un programma di esercizi personalizzato.

Le attività aerobiche possono includere camminare, andare in bicicletta, nuotare o allenarsi a intervalli a intensità da moderata a vigorosa per almeno 150 minuti a settimana suddivisi in 3-7 giorni a settimana, senza più di 2 giorni di non allenamento tra i giorni di allenamento.

L’allenamento di resistenza con da otto a 10 esercizi – come con macchine per pesi o pesi liberi, bande di resistenza o esercizi a corpo libero – dovrebbe essere eseguito a giorni alterni, iniziando a intensità moderata e progredendo con aumento del peso o della resistenza, quindi aumento del numero di serie e aumento della frequenza .

I bambini con diabete dovrebbero impegnarsi in attività aerobiche da moderata a vigorosa per almeno un’ora ogni giorno e attività vigorose di rafforzamento muscolare e osseo almeno 3 giorni alla settimana.

Gli anziani possono migliorare la flessibilità e l’equilibrio con lo yoga o il tai chi due o tre volte alla settimana.

Qualcuno con problemi di movimento può essere aiutato con lo yoga e il tai chi, nonché con l’allenamento di resistenza che richiede di muoversi attraverso l’intera gamma di movimento. Tai chi e yoga, cyclette e nuoto possono alleviare lo stress sulle articolazioni per le persone con dolore.

Kemmis ha consigliato il sito web NIDDK Staying Active at Any Size www.niddk.nih.gov/health per ulteriori informazioni sull’esercizio fisico per le persone con obesità.

“Dovremmo chiedere alle persone con diabete e capacità fisiche limitate del loro esercizio. Come hanno avuto successo? Quali opzioni per l’esercizio hanno trovato? Che cosa hanno fatto nella loro casa o nella loro comunità?” Kemmis ha detto. “Questo può fornire grandi opzioni per gli altri in situazioni simili.”