Compliance

Trasmetti consapevolezza, aspettative realistiche per i “perfezionisti del diabete”

sexy, lips, fashion

Photo by thisisprabha on Pixabay

Dal Congresso 2021 USA dell’Associazione degli Specialisti nell’Educazione e Cura del Diabete.

Gli specialisti del diabete vogliono che le persone a loro affidate facciano del loro meglio per raggiungere obiettivi relativi alla salute, ma una mentalità perfezionista può controintuitivamente portare a risultati peggiori e a una cattiva salute mentale, secondo due oratori.

Pubblicità e progresso

I “perfezionisti del diabete” possono stabilire standard rigorosi per se stessi o possono percepire aspettative non realistiche stabilite da altri, ad esempio un altro significativo, un operatore sanitario o istituzioni sociali. Quando gli obiettivi non vengono raggiunti, una mentalità perfezionista può contribuire a sentimenti di fallimento e vergogna e portare a depressione, disturbi alimentari e altri problemi di salute mentale, Kersti Spjut , PhD, psicologa clinica e assistente professore clinico presso la Brigham Young University di Provo, Utah , ha affermato durante una presentazione alla conferenza virtuale dell’Association of Diabetes Care & Education Specialists.

Il perfezionismo non è essere perfetti, ma piuttosto credere che essere perfetti possa prevenire conseguenze negative.

“Sappiamo che non possiamo evitare ogni giudizio, non possiamo evitare tutto il dolore, tutta la vergogna, ed è per questo che il perfezionismo ci prepara al fallimento”, ha detto Spjut.

Inoltre, lo stress della ricerca della perfezione può rendere ancora meno probabile il raggiungimento degli obiettivi del diabete. I livelli di glucosio aumentano in risposta allo stress, che a sua volta crea più stress per un perfezionista.

“Metti insieme i due – diabete e perfezionismo – e le probabilità di aver bisogno di supporto per la salute mentale aumentano un po’”, ha detto Spjut.

Eccesso ed evitamento
Gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete dovrebbero considerare il perfezionismo quando una persona ha una mentalità “eccessiva” – ricerca eccessiva, analisi eccessiva, lavoro eccessivo, stress eccessivo – Alexis Skelley , LISW-CP, LCSW, CDCES, proprietario e terapista della salute mentale a Diabetes and Obesity Treatment Strategies a Myrtle Beach, South Carolina, ha detto durante la presentazione.

“Il diabete stesso pone le basi per il perfezionismo”, ha detto Skelley. “Il quadro per le aspettative elevate o irrealistiche, il sentirsi giudicati o vergognosi, è integrato nei meccanismi con cui misuriamo quanto bene è controllato il diabete, come gli esiti della glicemia e dell’HbA1c”.

I perfezionisti del diabete si presentano spesso ad ogni appuntamento, contano ogni carboidrato, controllano costantemente la glicemia.

In alternativa, possono evitare questi comportamenti per sfuggire a sentimenti di vergogna e fallimento quando non raggiungono gli obiettivi.

“Il perfezionismo si presenta spesso come un evitamento o una procrastinazione delle responsabilità di cura di sé e di gestione del diabete”, ha detto Skelley. “Molti potrebbero identificare questo come una generale mancanza di preoccupazione e scriverlo come non conformità. È l’esitazione a impegnarsi in qualcosa quando non si è sicuri di poter ottenere risultati “perfetti”, come spesso accade nel diabete”.

Contrasta con compassione, aspettative realistiche
Gli operatori sanitari dovrebbero incoraggiare un perfezionista del diabete a praticare l’auto-compassione, a riconoscere senza giudizio che il diabete è difficile da gestire.

Dì: “Non è difficile perché lo stai facendo male, è solo difficile perché è difficile”, ha detto Spjut.

Una seconda strategia è quella che Spjut chiamava “il coraggio di essere nella media”. Suggerisci che un perfezionista del diabete di tanto in tanto allenti consapevolmente il proprio controllo, ad esempio, con un “pisolino del diabete” in cui si autorizza a non controllare i livelli di glucosio nel sangue per un pomeriggio.

Incoraggiare una mentalità di crescita, il che significa che la propria capacità di gestire il diabete può migliorare e diventare più facile nel tempo. Fai sapere al perfezionista del diabete che “non è l’aspettativa che cambi tutta la tua vita durante la notte o che sei perfetto ogni volta o che il diabete ti consumi la vita”, ha detto Skelley.

Infine, rafforzare le aspettative realistiche distinguendo tra comportamenti di controllo ottimali, accettabili e pericolosi. Fai sapere al perfezionista del diabete che la maggior parte delle persone con diabete non soddisfa gli obiettivi di glicemia ottimali definiti dall’American Diabetes Association e che obiettivi ragionevoli possono cambiare con il mutare delle circostanze della vita.

Il tempo nell’intervallo può essere un obiettivo più utile per un perfezionista del diabete, secondo Skelley.

“Ciò rafforza il fatto che gli obiettivi di zucchero nel sangue non dovrebbero essere una prescrizione; piuttosto è una discussione e deve essere individualizzata per ogni persona con diabete”, ha detto Skelley.