Donne e diabete

I bambini di madri con diabete durante la gravidanza hanno un aumentato rischio di problemi agli occhi

Un nuovo studio pubblicato su Diabetologia (la rivista dell’Associazione europea per lo studio del diabete [EASD]) rileva che le madri che hanno il diabete prima o durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di avere figli che continuano a sviluppare problemi agli occhi.

La ricerca è del dottor Jiangbo Du, State Key Laboratory of Reproductive Medicine, Nanjing Medical University, Nanjing, Cina, e del dottor Jiong Li, Aarhus University, Aarhus, Danimarca, e colleghi. Ha analizzato le associazioni tra diabete materno prima o durante la gravidanza e il rischio di alto errore di rifrazione (RE): condizioni in cui si verifica un’incapacità dell’occhio di mettere a fuoco correttamente le immagini sulla retina.

Pubblicità e progresso

L’IR è una delle forme più comuni di disabilità visiva e comprende sia l’ipermetropia che la miopia e l’astigmatismo. Collettivamente queste condizioni sono la seconda forma più comune di disabilità a livello globale, e mentre le RE di basso grado possono essere corrette otticamente usando occhiali o lenti a contatto, le RE di alto grado più gravi possono svilupparsi in disabilità visive gravi e irreversibili che possono ridurre la qualità di un individuo vita.

Negli ultimi decenni c’è stato un rapido aumento della prevalenza di RE, indicando che fattori non genetici possono svolgere un ruolo importante nel suo sviluppo. Una maggiore tendenza a svolgere lavori ravvicinati come l’uso del computer per lunghi periodi, così come la mancanza di attività all’aperto, sono stati stabiliti come i principali fattori di rischio acquisiti per lo sviluppo dell’IR basso e moderato nei bambini in età scolare e nei giovani adulti. Le cause dei difetti ad alto RE, tuttavia, non sono ancora completamente comprese.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che gli individui con grave RE possono avere difetti oculari congeniti prima della nascita, suggerendo che le condizioni a cui è esposto il feto nell’utero possono svolgere un ruolo nello sviluppo di RE più gravi in ??età avanzata. L’iperglicemia materna (glicemia alta) durante la gravidanza può portare a livelli elevati di glucosio nel sangue fetale, che possono danneggiare la retina e il nervo ottico e possono portare a cambiamenti nella forma degli occhi che alla fine causano RE.

Gli autori ritenevano che l’esposizione agli effetti del diabete materno mentre si trovava nell’utero potesse influenzare negativamente lo sviluppo del feto e portare a un alto RE in età avanzata. Hanno anche anticipato che le associazioni più pronunciate si sarebbero osservate tra le madri con complicanze diabetiche poiché di solito rappresentano casi più gravi della malattia.

Il team ha condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione utilizzando diversi registri medici nazionali danesi e ha incorporato i dettagli di tutti i nati vivi in ??Danimarca dal 1977 al 2016. Il follow-up è iniziato alla nascita ed è continuato fino alla prima diagnosi di RE elevato (ove applicabile), il morte del soggetto, la loro emigrazione, il loro 25 ° anno di età o la fine del periodo di studio il 31 dicembre 2016, a seconda di quale evento si è verificato per primo. Le madri sono state considerate affette da diabete se è stata loro diagnosticata la malattia prima o durante la gravidanza e quelle con diabete pre-gestazionale che avevano sviluppato problemi relativi alla loro condizione sono state raggruppate in base al fatto che avessero una o più complicanze.

Gli autori hanno analizzato sia il verificarsi di un alto RE nella prole sia il tipo specifico di problema agli occhi. Su 2.470.580 nati vivi inclusi nello studio, 56.419 (2,3%) sono stati esposti al diabete materno con lo 0,9% e lo 0,3% rispettivamente di tipo 1 e diabete pre-gestazionale di tipo 2 (che significa diabete già presente prima della gravidanza) e l’1,1% che coinvolge Diabete gestazionale.

La percentuale di nascite da madri con diabete è aumentata durante il periodo di studio dallo 0,4% nel 1977 al 6,5% nel 2016 e il diabete è stato associato al fatto che la madre è più anziana, più istruita, ha avuto più gravidanze e ha maggiori probabilità di vivere da sola.

Durante il periodo di follow-up, un alto RE è stato diagnosticato in 533 figli di madri con diabete e 19.695 figli di quelli senza la malattia. L’esposizione al diabete materno era associata a un rischio maggiore del 39% di RE elevato rispetto alla prole non esposta.

I ricercatori hanno osservato una differenza nel rischio di RE tra le forme di diabete di tipo 1 e di tipo 2 con tassi di RE elevata rispetto agli individui non esposti rispettivamente del 32% e del 68% più alti. Inoltre, i figli di madri con complicazioni derivanti dal diabete avevano il doppio delle probabilità di avere problemi agli occhi, rispetto a un aumento del 18% dell’alto rischio di RE nei figli di madri che non avevano complicanze della malattia.

Gli autori affermano: “È stato interessante osservare che l’ipermetropia (ipermetropia) si verificava più frequentemente nell’infanzia e la miopia (miopia) era più frequente nell’adolescenza e nella giovane età adulta”.

Suggeriscono che la differenza potrebbe essere dovuta al processo naturale di emmetropizzazione in cui l’occhio cambia forma durante la prima infanzia per ottenere una visione normale diventando meno presbite e che potrebbe correggere la maggior parte dell’ipermetropia nella prima infanzia nel tempo. Inoltre, sottolineano che il numero crescente di anni e l’intensità dell’istruzione scolastica potrebbero aumentare il rischio di miopia dalla prima infanzia alla prima età adulta.

I punti di forza di questo studio sono che ha utilizzato dati di alta qualità che coprono l’intera popolazione danese per un lungo periodo di follow-up, riducendo così al minimo la possibilità di bias di selezione e bias di richiamo. La disponibilità di informazioni sociodemografiche e mediche ha consentito al team di adeguarsi a un’ampia gamma di fattori che potrebbero influenzare gli esiti medici studiati e l’ampia dimensione del campione ha consentito loro di indagare su dettagli come i tipi specifici di RE coinvolti.

Gli autori affermano: “In questo studio di coorte nazionale basato sulla popolazione, abbiamo osservato che i bambini nati da madri con diabete pre-gestazionale o gestazionale avevano un rischio maggiore di sviluppare un alto RE in generale, così come tipi specifici di alto RE, che persiste dal periodo neonatale alla prima età adulta. I bambini nati da madri con complicanze diabetiche avevano il rischio più alto di alto RE”.

I ricercatori suggeriscono: “Dal momento che molte IR nei bambini piccoli sono curabili, l’identificazione e l’intervento precoci possono avere un impatto positivo per tutta la vita. Sebbene l’aumento del rischio del 39% sia una dimensione dell’effetto relativamente bassa, dal punto di vista della salute pubblica, considerando l’elevata prevalenza globale di RE, qualsiasi piccolo miglioramento in questo fattore prevenibile a basso rischio contribuirà a un’enorme riduzione del numero assoluto di queste condizioni oculari .”

Consigliano che lo screening precoce per i disturbi oculari nei figli di madri con diabete possa svolgere un ruolo importante nel mantenimento di una buona salute della vista.