Sport e movimento

L’esercizio migliora la salute attraverso i cambiamenti del DNA

Mentre è ampiamente noto che l’esercizio fisico regolare riduce il rischio di quasi tutte le malattie croniche, i meccanismi in gioco non sono completamente noti. Ora gli scienziati dell’Università di Copenhagen hanno scoperto che gli effetti benefici dell’esercizio fisico possono in parte derivare da cambiamenti nella struttura del nostro DNA. Questi cambiamenti sono indicati come “epigenetici”.

Il DNA è il manuale di istruzioni molecolare che si trova in tutte le nostre cellule. Alcune sezioni del nostro DNA sono geni, che sono istruzioni per la costruzione delle proteine, i mattoni del corpo, mentre altre sezioni chiamate potenziatori regolano quali geni vengono attivati ??o disattivati, quando e in quale tessuto. Gli scienziati hanno scoperto, per la prima volta, che l’ esercizio ricabla i potenziatori nelle regioni del nostro DNA che sono note per essere associate al rischio di sviluppare malattie.

Pubblicità e progresso

“I nostri risultati forniscono un meccanismo per i noti effetti benefici dell’esercizio. Collegando ciascun potenziatore con un gene, forniamo inoltre un elenco di bersagli diretti che potrebbero mediare questo effetto”, afferma il professor Romain Barrès del Novo Nordisk Foundation Center for Basic Metabolic Research, l’autore senior della ricerca, che è stata pubblicata su Molecular Metabolism .

L’esercizio migliora la salute degli organi compreso il cervello

Il team di scienziati ha ipotizzato che l’ allenamento con esercizi di resistenza rimodella l’attività dei potenziatori genici nel muscolo scheletrico . Hanno reclutato giovani uomini sani e li hanno sottoposti a un programma di esercizi di resistenza di sei settimane. Gli scienziati hanno raccolto una biopsia del muscolo della coscia prima e dopo l’intervento di esercizio e hanno esaminato se si sono verificati cambiamenti nella firma epigenetica del loro DNA dopo l’allenamento.

Gli scienziati hanno scoperto che dopo aver completato il programma di allenamento di resistenza, la struttura di molti stimolatori nel muscolo scheletrico dei giovani era stata alterata. Collegando i potenziatori ai database genetici, hanno scoperto che molti dei potenziatori regolamentati sono già stati identificati come hotspot di variazione genetica tra individui, hotspot che sono stati associati a malattie umane .

Gli scienziati ipotizzano che gli effetti benefici dell’esercizio su organi distanti dai muscoli, come il cervello, possano essere in gran parte mediati dalla regolazione della secrezione di fattori muscolari. In particolare, hanno scoperto che l’esercizio rimodella l’attività del potenziatore nel muscolo scheletrico che è collegata alle capacità cognitive , il che apre all’identificazione dei fattori muscolari secreti indotti dall’esercizio fisico che prendono di mira il cervello.

“I nostri dati forniscono prove di un legame funzionale tra il ricablaggio epigenetico dei potenziatori per controllare la loro attività dopo l’esercizio fisico e la modulazione del rischio di malattia negli esseri umani”, afferma l’assistente professoressa Kristine Williams, l’autore principale di questo studio.

Categorie:Sport e movimento

Con tag: