Batticuore

Dieta arricchita con noci pecan ha dimostrato di ridurre il colesterolo

pecans, nuts, cracked

Photo by tseiu on Pixabay

Le persone a rischio di malattie cardiovascolari hanno mostrato miglioramenti

Mentre la corretta pronuncia del pecan rimane oggetto di dibattito, i ricercatori dell’Università della Georgia hanno dimostrato che la noce dell’albero può migliorare notevolmente i livelli di colesterolo di una persona.

Pubblicità e progresso

I partecipanti a rischio di malattie cardiovascolari che hanno mangiato noci pecan durante un intervento di otto settimane hanno mostrato miglioramenti significativi del colesterolo totale, dei trigliceridi e delle lipoproteine ??a bassa densità (LDL) o colesterolo “cattivo”, in uno studio condotto da ricercatori dell’UGA College of Family e Scienze del Consumo.

“Questo intervento dietetico, se inserito nel contesto di diversi studi di intervento, ha avuto un enorme successo”, ha affermato Jamie Cooper, professore nel dipartimento di scienze nutrizionali FACS e uno degli autori dello studio. “Abbiamo avuto alcune persone che in realtà sono passate dall’avere il colesterolo alto all’inizio dello studio a non essere più in quella categoria dopo l’intervento”.

I ricercatori hanno visto un calo medio del 5% del colesterolo totale e tra il 6% e il 9% di LDL tra i partecipanti che hanno consumato noci pecan.

Per il contesto, i ricercatori hanno fatto riferimento a una precedente meta-analisi di 51 interventi di esercizio progettati per abbassare il colesterolo che hanno riportato una riduzione media dell’1% del colesterolo totale e del 5% del colesterolo LDL.

“L’aggiunta di noci pecan alla dieta non solo ha prodotto una riduzione maggiore e più consistente del colesterolo totale e delle LDL rispetto a molti altri interventi sullo stile di vita, ma può anche essere un approccio più sostenibile per la salute a lungo termine”, ha affermato Cooper. “Alcune ricerche mostrano che anche una riduzione dell’1% di LDL è associata a una piccola riduzione del rischio di malattia coronarica, quindi queste riduzioni sono decisamente significative dal punto di vista clinico”.

I ricercatori hanno assegnato 52 adulti di età compresa tra 30 e 75 anni che erano a più alto rischio di malattie cardiovascolari a uno dei tre gruppi.

Un gruppo ha consumato 68 grammi o circa 470 calorie di noci pecan al giorno come parte della loro dieta regolare; un secondo gruppo ha sostituito le noci pecan con una quantità simile di calorie dalla loro dieta abituale e un gruppo di controllo non ha consumato noci pecan.

A otto settimane, i partecipanti hanno consumato un pasto ricco di grassi per determinare i cambiamenti nei lipidi nel sangue e la quantità di glucosio, o zucchero, nel sangue.

I lipidi nel sangue a digiuno hanno mostrato miglioramenti simili tra i due gruppi di noci pecan, mentre i trigliceridi post-pasto sono stati ridotti nel gruppo che ha aggiunto le noci pecan. Il glucosio post-pasto è stato abbassato nel gruppo che ha sostituito le noci pecan.

“Indipendentemente dal fatto che le persone li aggiungano o sostituiscano altri alimenti nella dieta, abbiamo comunque riscontrato miglioramenti e risposte abbastanza simili nel colesterolo totale e nel colesterolo LDL in particolare”, ha affermato Cooper, che è anche direttore dell’UGA Obesity Initiative.

I ricercatori hanno indicato le note proprietà bioattive delle noci pecan per i possibili meccanismi che guidano i miglioramenti.

Le noci pecan sono ricche di acidi grassi sani e fibre, entrambe collegate all’abbassamento del colesterolo.

Il documento, “Le diete arricchite con pecan alterano i profili di colesterolo e i trigliceridi negli adulti a rischio di malattie cardiovascolari in uno studio randomizzato e controllato”, è apparso su The Journal of Nutrition e può essere visualizzato qui: https://academic.oup.com /jn/advance-article/doi/10.1093/jn/nxab248/6349277

Liana Guarneiri, dottoranda nel dipartimento di scienze nutrizionali FACS, è la prima autrice. Chad Paton, professore associato in FACS che ha un appuntamento congiunto con il College of Agricultural and Environmental Sciences, è anche un autore.