Mangiare e bere

Yogurt e formaggio trionfano sul latte fluido nel sopprimere l’appetito e l’assunzione di cibo

Uno studio pubblicato di recente e pubblicato su The Journal of Nutrition ha riportato che il consumo di latticini prima di un pasto riduceva l’appetito, ma yogurt e formaggio erano più efficaci del latte liquido.

Molti fattori determinano quanto siamo affamati e quanto mangiamo, compresi i nostri schemi dietetici generali e cosa abbiamo consumato nel pasto precedente. In effetti, la ricerca mostra che, rispetto a una controparte ad alto contenuto di carboidrati o ad alto contenuto proteico, un “prepasto” ad alto contenuto proteico può ridurre la quantità di cibo consumata al pasto successivo. È stato anche dimostrato che i latticini alterano l’appetito, il che potrebbe essere particolarmente importante perché vi sono prove crescenti che un maggiore consumo di latticini (anche quando è della varietà ad alto contenuto di grassi) è correlato a minori rischi di obesità e diabete di tipo 2. Tuttavia, si sa poco se il tipo di prodotto lattiero-caseario influenzi l’appetito, se l’effetto sia lo stesso negli uomini e nelle donne e se cambi con l’avanzare dell’età. Per aiutare a rispondere a queste domande, il Dr. G. Harvey Anderson (Università di Toronto) e colleghi hanno condotto uno studio di intervento dietetico controllato. I loro risultati che mostrano una complessa interazione tra tipo di latte, sesso ed età, sono brevemente descritti qui.

Pubblicità e progresso

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno arruolato 31 giovani adulti sani di età compresa tra 20 e 30 anni e 39 anziani sani e sovrappeso di età compresa tra 60 e 70 anni. Ogni partecipante allo studio ha riferito al laboratorio di ricerca 5 volte, durante le quali ha consumato acqua o 2 porzioni di un prodotto lattiero-caseario (latte scremato, latte intero, yogurt greco o formaggio cheddar). Due ore dopo, hanno avuto accesso a un pasto a base di pizza illimitato. I partecipanti allo studio hanno anche completato sondaggi progettati per documentare l’appetito e hanno fornito campioni di sangue ripetuti che sono stati analizzati per una varietà di sostanze, tra cui glucosio e una batteria di ormoni.

Rispetto a quando consumavano acqua, tutte le forme di latticini hanno ridotto l’appetito, la quantità di pizza consumata e l’aumento della glicemia che si è verificato dopo aver consumato la pizza. Tuttavia, i cambiamenti negli ormoni che possono scatenare la fame e la sazietà (p. es., insulina) dipendevano dall’età e dal sesso dei soggetti. Ad esempio, gli anziani avevano una glicemia circolante più alta. La soppressione dell’appetito era maggiore dopo il consumo di yogurt, ma l’effetto era minore negli adulti più anziani che nei giovani adulti e nei maschi che nelle femmine. Rispetto al dopo consumo di acqua, l’assunzione di pizza è stata ridotta di 175 kcal dopo il consumo di yogurt e formaggio e di 82 kcal dopo il consumo di entrambi i tipi di latte.

In un editoriale di accompagnamento , la dott.ssa Connie Weaver (Purdue University) esprime un “bravo” a questo gruppo di ricerca per aver iniziato a svelare come la complessa matrice che costituisce i latticini possa influire su importanti risultati fisiologici. In effetti, decenni di ricerche suggeriscono che i benefici dei latticini sono più della somma delle loro parti. Comprendere questi effetti matrice degli alimenti integrali rappresenta un’importante frontiera nella ricerca nutrizionale e promette di gettare una luce importante sulla nutrizione ottimale per tutta la durata della vita.

Riferimenti

Vien S, Fard S, El Khoury D, Luhovyy B, Fabek H, Anderson GH. Età e sesso interagiscono per determinare gli effetti dei prodotti lattiero-caseari comunemente consumati sulla glicemia postprandiale, sulla sazietà e sull’assunzione di cibo successivo al pasto negli adulti. The Journal of Nutrition , Volume 151, Numero 8, agosto 2021, pagine 2161–2174,  https://doi.org/10.1093/jn/nxab122.

Tessitore CM. Un invito a concentrarsi maggiormente sulla ricerca sulla matrice lattiero-casearia. The Journal of Nutrition , volume 151, numero 8, agosto 2021, pagine 2092–2093,  https://doi.org/10.1093/jn/nxab212 .

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,