Equilibrio

La melatonina è un aiuto per dormire sicuro negli adulti con malattie metaboliche

La melatonina può essere un aiuto sicuro per dormire per le persone con malattie metaboliche e per gli adulti sani, e i dati suggeriscono un effetto benefico sul glucosio, secondo i risultati pubblicati su Clinical Endocrinology .

“Il trattamento con melatonina non influisce in modo significativo sui livelli di glucosio plasmatico a digiuno in un’analisi combinata di 603 adulti sani e pazienti con malattie metaboliche del glucosio”, Esben Stistrup Lauritzen, MD, studente di dottorato presso lo Steno Diabetes Center e l’ospedale universitario di Aarhus, Danimarca, e hanno scritto i colleghi. “Allo stesso modo, un’analisi di sottogruppo con partecipanti sani in un gruppo e pazienti con malattie metaboliche del glucosio in un altro gruppo ha rivelato che il trattamento con melatonina non ha influenzato i livelli di glucosio a digiuno in nessuno dei due gruppi. È interessante notare che i livelli di insulina a digiuno erano significativamente ridotti nei 278 individui inclusi, sebbene l’effetto fosse piccolo. Inoltre, la sensibilità all’insulina e l’IMC tendevano a migliorare con il trattamento con la melatonina”.

Pubblicità e progresso

In una revisione sistematica e una meta-analisi, Lauritzen e colleghi hanno valutato l’effetto di almeno 2 settimane di trattamento giornaliero con melatonina su glucosio a digiuno, insulina, sensibilità all’insulina e livelli di HbA1c in 11 studi randomizzati e controllati con placebo (n = 603). I ricercatori hanno calcolato le differenze g di Hedges per i parametri metabolici ei modelli a effetti casuali per le meta-analisi.

Rispetto al placebo, il trattamento a lungo termine con melatonina non ha modificato la glicemia a digiuno ( g = -0,07; IC 95%, da -0,22 a 0,08), ma ha ridotto leggermente i livelli di insulina a digiuno ( g = -0,27; IC 95%, da -0,5 a –0,04) e tendeva a una valutazione del modello di omeostasi ridotta della resistenza all’insulina (HOMA-IR; g = -0,2; 95% CI, da -0,44 a 0,03) tra 278 adulti.

I livelli di HbA1c non sono stati in gran parte influenzati dal trattamento con melatonina rispetto al placebo; tuttavia, solo due studi hanno valutato i livelli di HbA1c.

“Dati gli ampi intervalli di confidenza, sono necessari studi più ampi per confermare l’effetto del trattamento con melatonina sui livelli di insulina a digiuno ed esplorare ulteriormente l’effetto della melatonina sui livelli di HbA1c e sulla sensibilità all’insulina, ma con le attuali prove e letteratura disponibili, sembra che la melatonina a rilascio immediato essere un aiuto per dormire sicuro per il metabolismo del glucosio”, hanno scritto i ricercatori. “Il miglioramento dei livelli di insulina a digiuno e la tendenza verso una migliore sensibilità all’insulina avrebbero potuto essere mediati da una riduzione dell’IMC dopo il trattamento con melatonina, ma un’analisi per sottogruppi dell’IMC nei cinque studi che hanno misurato l’insulina e l’HOMA-IR ha mostrato un effetto trascurabile della melatonina su BMI, rendendo questo suggerimento meno probabile.


Divulgazioni: La Danish Diabetes Academy, l’Independent Research Fund Denmark e la Novo Nordisk Foundation hanno sostenuto questo studio. Gli autori non riportano informazioni finanziarie rilevant

Categorie:Equilibrio, Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.