Batticuore

Mangiare noci ogni giorno abbassa il colesterolo cattivo e può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

walnuts, shell, nut

Photo by Couleur on Pixabay

Mangiare circa ½ tazza di noci ogni giorno per due anni ha abbassato moderatamente i livelli di  colesterolo delle lipoproteine ??a bassa densità (LDL) , noto come “colesterolo cattivo”, e ha ridotto il numero di particelle LDL totali e piccole LDL particelle in adulti sani e anziani, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sulla rivista di punta Circulation dell’American Heart Association  .

Le noci  sono una ricca fonte di acidi grassi omega-3 (acido alfa-linolenico), che hanno dimostrato di avere un effetto benefico sulla  salute cardiovascolare .

Pubblicità e progresso

“Studi precedenti hanno dimostrato che le noci in generale, e le noci in particolare, sono associate a tassi più bassi di malattie cardiache e  ictus . Uno dei motivi è che abbassano i livelli di colesterolo LDL, e ora abbiamo un’altra ragione: migliorano la qualità delle particelle LDL”, ha affermato il coautore dello studio Emilio Ros, MD, Ph.D., direttore della Lipid Clinic presso il Servizio di Endocrinologia e Nutrizione dell’Ospedale Clinico di Barcellona in Spagna. “Le particelle di LDL sono disponibili in varie dimensioni. La ricerca ha dimostrato che le particelle di LDL piccole e dense sono più spesso associate  all’aterosclerosi, la placca oi depositi di grasso che si accumulano nelle arterie. Il nostro studio va oltre i livelli di colesterolo LDL per ottenere un quadro completo di tutte le lipoproteine ??e l’impatto del consumo quotidiano di noci sul loro potenziale di miglioramento del rischio cardiovascolare”.

In un sottostudio dello studio Walnuts and Healthy Aging, un ampia ricerca randomizzata controllata di due anni che esamina se le noci contribuiscono a un invecchiamento sano, i ricercatori hanno valutato se il consumo regolare di noci, indipendentemente dalla dieta di una persona o dal luogo in cui vive, ha effetti benefici sulle lipoproteine.

Questo studio è stato condotto da maggio 2012 a maggio 2016 e ha coinvolto 708 partecipanti di età compresa tra 63 e 79 anni (68% donne) che erano adulti sani e indipendenti residenti a Barcellona, ??Spagna, e Loma Linda, California.

I partecipanti sono stati divisi casualmente in due gruppi: intervento attivo e controllo. Quelli assegnati al gruppo di intervento hanno aggiunto circa mezza tazza di noci alla loro normale dieta quotidiana, mentre i partecipanti al gruppo di controllo si sono astenuti dal mangiare noci. Dopo due anni, sono stati testati i livelli di colesterolo dei partecipanti e la concentrazione e la dimensione delle lipoproteine ??sono state analizzate mediante spettroscopia di risonanza magnetica nucleare. Questo test avanzato consente ai medici di identificare in modo più accurato le caratteristiche delle lipoproteine ??note per essere correlate al rischio di malattie cardiovascolari.

Lo studio di due anni ha avuto un tasso di ritenzione del 90% (632 partecipanti hanno completato lo studio). Le analisi complete delle lipoproteine ??erano disponibili in 628.

Tra i risultati chiave di tutti i partecipanti allo studio:

  • A 2 anni, i partecipanti al gruppo delle noci avevano livelli di colesterolo LDL più bassi – in media di 4,3 mg/dL, e il colesterolo totale era abbassato in media di 8,5 mg/dL.
  • Il consumo giornaliero di noci ha ridotto il numero di particelle LDL totali del 4,3% e le particelle LDL piccole del 6,1%. Questi cambiamenti nella concentrazione e nella composizione delle particelle LDL sono associati a un minor rischio di malattie cardiovascolari.
  • Anche il colesterolo delle lipoproteine ??a densità intermedia (IDL) è diminuito. È noto che il colesterolo IDL è un precursore dell’LDL e si riferisce a una densità tra quella delle lipoproteine ??a bassa densità e quella a densità molto bassa. Nell’ultimo decennio, il colesterolo IDL è emerso come un importante fattore di rischio cardiovascolare lipidico indipendente dal colesterolo LDL.
  • Le variazioni del colesterolo LDL nel gruppo delle noci differivano per sesso; negli uomini il colesterolo LDL è diminuito del 7,9% e nelle donne del 2,6%.

“Anche se questa non è un’enorme diminuzione del colesterolo LDL, è importante notare che all’inizio dello studio tutti i nostri partecipanti erano abbastanza sani, privi di importanti malattie non trasmissibili. Tuttavia, come previsto in una popolazione anziana, quasi il 50% dei partecipanti era in trattamento sia per l’ipertensione che per l’ipercolesterolemia. Grazie in parte al trattamento con statine nel 32%, i livelli medi di colesterolo di tutte le persone nel nostro studio erano normali”, ha detto Ros. “Per gli individui con livelli elevati di colesterolo nel sangue, la riduzione del colesterolo LDL dopo una dieta arricchita di noci può essere molto maggiore”.

“Mangiare una manciata di noci ogni giorno è un modo semplice per promuovere la salute cardiovascolare. Molte persone sono preoccupate per l’aumento di peso indesiderato quando includono le noci nella loro dieta”, ha detto Ros. “Il nostro studio ha scoperto che i grassi sani nelle noci non hanno indotto i partecipanti ad aumentare di peso”.

Il principale limite di questa indagine è che sia i  partecipanti che i ricercatori sapevano chi mangiava e chi non mangiava le noci  Tuttavia, lo studio ha coinvolto due popolazioni molto diverse con diete distinte. “I risultati sono stati simili in entrambi i gruppi, quindi possiamo applicare in sicurezza i risultati di questo studio ad altre popolazioni”, ha detto Ros. Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche per chiarire i diversi risultati LDL negli uomini e nelle donne.

Secondo l’  American Heart Association , le noci sono particolarmente ricche di acidi grassi omega-3, lo stesso grasso salutare per il cuore che si trova nel pesce azzurro. Una porzione è una piccola manciata o 1,5 once di noci intere o 2 cucchiai di burro di noci.

I coautori sono Sujatha Rajaram, Ph.D.; Montserrat Cofán, D.Pharm., Ph.D.; Aleix Sala-Vila, D.Pharm., Ph.D.; Ella Haddad, RD, Dr.PH; Mercè Serra-Mir, RD; Edward Bitok, RD, Dr.PH; Irene Roth, RD, Ph.D.; Tania M. Freitas-Simoes, RD; Amandeep Kaur, MPH; Cinta Valls-Pedret, M.Sc.; Mónica Doménech, MD, Ph.D.; Keiji Oda, MPH; Dolores Corella, Ph.D.; e Joan Sabaté, MD, Dr.PH Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato finanziato dalla California Walnut Commission.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.