Comunicazione

Calo drastico dei trapianti d’organo causa pandemia in tutto il mondo

organ donation, heart, finger

Photo by geralt on Pixabay

I trapianti di organi sono diminuiti di un terzo in tutto il mondo durante la prima ondata di pandemia di Covid-19, lo mostra un nuovo studio: il numero di trapianti di organi solidi eseguiti durante la prima ondata di Covid-19 nel 2020 è crollato del 31% rispetto all’anno precedente.

(Milano, martedì 31 agosto 2021) Il numero di trapianti di organi solidi eseguiti durante la prima ondata di Covid-19 nel 2020 è crollato del 31% rispetto all’anno precedente, secondo un nuovo studio globale presentato oggi alla European Society for Organ Congresso sui trapianti (ESOT) 2021 1 .

Pubblicità e progresso

Secondo i calcoli dei modelli, il rallentamento dei trapianti ha provocato oltre 48.000 anni di perdita della vita dei pazienti.

La ricerca ha sfruttato i dati internazionali provenienti da 22 paesi in quattro continenti e ha rivelato importanti variazioni nella risposta dei programmi di trapianto alla pandemia di Covid-19, con un calo dell’attività di trapianto di oltre il 90% in alcuni paesi.

Il trapianto di rene ha mostrato la maggiore riduzione in quasi tutti i paesi durante il 2020 rispetto al 2019, con lo studio che ha riscontrato una diminuzione dei trapianti di rene (-40%) e fegato (-33%). Per i trapianti di donatori deceduti si è registrata una riduzione dei trapianti di rene (-12 per cento), fegato (-9 per cento), polmone (-17 per cento) e cuore (-5 per cento).

La ricerca, pubblicata oggi su Lancet Public Health , ha evidenziato come alcuni paesi siano riusciti a sostenere il ritmo delle procedure di trapianto mentre altri hanno registrato gravi riduzioni del numero di trapianti rispetto all’anno precedente e, in alcune aree, di rene e fegato da donatore vivente. cessato del tutto. Nel complesso, c’è stata una forte associazione temporale tra l’aumento del tasso di infezione da Covid-19 e la riduzione dei trapianti di organi solidi deceduti e viventi.

Il dottor Olivier Aubert, assistente professore presso il Centro di ricerca traslazionale di Parigi per i trapianti di organi e autore principale dello studio, ha commentato: “La prima ondata di Covid-19 ha avuto un impatto devastante sul numero di trapianti in molti paesi, colpendo le liste di attesa dei pazienti e purtroppo portando a una sostanziale perdita di vite umane”. 

Il professor Alexandre Loupy, capo del Centro di ricerca traslazionale di Parigi per il trapianto di organi e ultimo autore dello studio, ha proseguito: “Il trapianto da donatore vivente, che si è ridotto in modo più sostanziale, richiede risorse e pianificazione significative rispetto al trapianto da donatore deceduto. Questo è estremamente difficile durante una pandemia quando le risorse sono ridotte e il personale ridistribuito. Ci sono anche importanti preoccupazioni etiche per il benessere e la sicurezza del donatore”.

“È chiaro che ci sono molte morti indirette associate a Covid-19 e il nostro studio conferma che la pandemia ha conseguenze di vasta portata su molte specialità mediche”. ha aggiunto il prof. Loupy.

Il numero stimato di anni di vita persi era di 37.664 anni per i pazienti in lista d’attesa per un rene, 7.370 per un fegato, 1.799 anni per un polmone e 1.406 per un cuore, corrispondenti a un totale di 48.239 anni di vita persi.

Il dottor Aubert ha aggiunto: “Oltre alla riduzione quasi universale dell’attività di trapianto, alcuni paesi e regioni sono riusciti a eseguire procedure nonostante le grandi sfide presentate dalla pandemia. Questi risultati giustificano ulteriori analisi a livello regionale, nazionale e globale per capire perché le riduzioni si sono verificate o meno”.

“Capire come diversi paesi e sistemi sanitari hanno risposto alle sfide legate al Covid-19 può facilitare una migliore preparazione alla pandemia e come mantenere in sicurezza i programmi di trapianto per fornire procedure salvavita ai pazienti”.

Per facilitare la comprensione delle tendenze temporali e delle conseguenze della pandemia sulle attività di trapianto di organi solidi a livello mondiale, nazionale e regionale per ricercatori, medici e autorità sanitarie pubbliche, gli autori hanno creato un dashboard ad accesso aperto che presenta i dati in modo interattivo per le attività di trapianto di organi solidi. e casi COVID-19.

 

Variazione conti trapianto di organo solido complessivo osservati tra il 2020 dalla data della prima 100 ha segnalato cumulativi COVID-19 casi fino alla fine del follow-up (ultima data di dati disponibili fino al 31 dicembre st 2020) e lo stesso periodo di tempo in 2019, per paese e organo
Nazione Globale Rene Fegato Polmone Cuore
Argentina, N. (%)* -564 (-60,91%) -429 (-64·32%) -107 (-56,61%) -8 (-47,06%) -20 (-37,74%)
Austria, N. (%) -56 (-10,22%) -53 (-17,91%) 6 (5,08%) 0 (0%) -9 (-16,36%)
Belgio, N. (%) -166 (-22,46%) -78 (-22,67%) -49 (-20,68%) -16 (-17,39%) -23 (-34,85%)
Brasile, N. (%) -2174 (-28,9%) -1735 (-32,89%) -307 (-16,51%) -50 (-56,82%) -82 (-27,42%)
Canada, N. (%) -227 (-9,86%) -229 (-16,29%) 5 (1.09%) 4 (1,47%) -7 (-4,24%)
Cile, N. (%)* -47 (-54,02%) -23 (-46,94%) -10 (-45,45%) -6 (-85,71%) -8 (-88,89%)
Croazia, N. (%) -85 (-37,28%) -35 (-36,84%) -34 (-33,01%) 0 (NaN%) -16 (-53,33%)
Finlandia, N. (%) -48 (-13,68%) -38 (-15,38%) 5 (9,26%) -5 (-20,83%) -10 (-38,46%)
Francia, N. (%) -1410 (-28,96%) -1041 (-34,28%) -219 (-19,04%) -101 (-31,27%) -49 (-13,65%)
Germania, N. (%) -328 (-100,53%) -236 (-13,15%) -46 (-6,5%) -36 (-11,32%) -10 (-3,4%)
Grecia, N. (%)* -11 (-12,22%) -6 (-8,7%) -2 (-14,29%) 1 (Inf%)† -4 (-57·14%)
Ungheria, N. (%) -132 (-37,29%) -79 (-37,26%) -27 (-39,71%) 0 (0%) -26 (-43,33%)
Italia, N. (%) -525 (-16,18%) -296 (-16,17%) -162 (-15·25%) -40 (-30,08%) -27 (-12,27%)
Giappone, N. (%) -1413 (-66,71%) -1112 (-69,63%) -257 (-67,45%) -18 (-26,47%) -26 (-36,11%)
Paesi Bassi, N. (%) -187 (-17,64%) -166 (-21,15%) -7 (-4,46%) -19 (-21·35%) 5 (17,24%)
Norvegia, N. (%) -24 (-7,12%) -6 (-2,99%) 3 (4,11%) -6 (-22,22%) -15 (-41,67%)
Portogallo, N. (%) -156 (-24,19%) -67 (-19,76%) -75 (-33,63%) -10 (-15,62%) -4 (-21,05%)
Slovenia, N. (%) 7 (8,43%) 7 (21,21%) -2 (-9,52%) 6 (66,67%) -4 (-20%)
Spagna, N. (%) -1033 (-24,02%) -745 (-26,89%) -176 (-18,6%) -88 (-26,19%) -24 (-9,68%)
Svizzera, N. (%) -6 (-1,34%) -7 (-2,69%) -15 (-11,63%) 6 (20%) 10 (34,48%)
Regno Unito, N. (%) -1298 (-31,31%) -1076 (-35,54%) -147 (-17,95%) -69 (-47,92%) -6 (-3,87%)
Stati Uniti, N. (%) -1370 (-4,13%) -1110 (-5,44%) -91 (-1,23%) -237 (-10,18%) 68 (2,25%)
Complessivamente, N. (%) -11253 (-15,92%) -8560 (-19,14%) -1714 (-10,57%) -692 (-15,51%) -287 (-5,44%)

 

*Il follow-up di Argentina, Cile e Grecia è terminato prima rispetto ad altri paesi a causa della disponibilità dei dati. L’Argentina termina il 18.08.2020, il 27.05.2020 il Cile e il 28.07.2020 la Grecia. I restanti paesi includono fino al 31 dicembre st 2020. † Non ci sono stati trapianti di polmone in Grecia nel 2019.

Riferimenti:

  1. Conseguenze della pandemia di COVID-19 sul trapianto di organi in tutto il mondo: uno studio basato sulla popolazione. Presentato al Congresso ESOT 2021.

Categorie:Comunicazione

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.