Batticuore

Mangia meno grassi, più fibre e vitamina C per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari a seguito della diagnosi di diabete di tipo 2

casserole dish, vegetables, mushrooms

Photo by Engin_Akyurt on Pixabay

Adulti con nuova diagnosi di diabete di tipo 2 ha avuto un minor rischio a lungo termine per le malattie cardiovascolari se avessero minore assunzione di grassi e maggiore assunzione di fibre e vitamina C, secondo i dati pubblicati in Diabetic Medicine .

“Questo studio sottolinea l’importanza di una sana assunzione di vitamina C, fibre e grassi e la prevenzione del fumo nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari tra le persone con diabete di tipo 2 “, Jean Strelitz, MSPH, PhD , borsista post-dottorato presso l’Unità di epidemiologia dell’MRC presso il L’Università di Cambridge, nel Regno Unito, ha detto. “Inoltre, questi risultati supportano la raccomandazione a coloro che hanno appena diagnosticato il diabete di ridurre l’assunzione di grassi, poiché ciò potrebbe mitigare gli effetti di una dieta ricca di grassi sul rischio di CVD a lungo termine. Questa prova può destare preoccupazione per quanto riguarda le diete a basso contenuto di carboidrati nel trattamento del diabete, poiché queste diete in genere portano ad un aumento dell’assunzione di grassi.

Pubblicità e progresso

Strelitz e colleghi hanno analizzato i dati di 867 partecipanti a ADDITION-Cambridge, un programma basato sulla popolazione in cui gli adulti di età compresa tra 40 e 69 anni ad alto rischio di diabete non diagnosticato sono stati sottoposti a screening per il diabete di tipo 2. Tutti i partecipanti all’analisi avevano il diabete di tipo 2 rilevato dallo screening e sono stati arruolati tra il 2002 e il 2006. I dati su fumo, consumo di alcol, attività fisica e fibre, energia totale e assunzione di grassi sono stati ottenuti tramite autovalutazione. La vitamina C plasmatica è stata misurata mediante dosaggio fluorometrico. I valori di vitamina C, fibre e apporto energetico totale e la percentuale di energia totale dai grassi sono stati raggruppati in quartili. Gli esiti CVD sono stati ottenuti dalla data della diagnosi di diabete di tipo 2 fino al 31 dicembre 2014. Eventi CVD non fatali sono stati identificati dai registri nazionali, dai registri ospedalieri e di medicina generale e i dati sulla mortalità sono stati ottenuti dall’Ufficio di statistica nazionale.

Durante il periodo di studio, i partecipanti hanno sperimentato 126 eventi CV, di cui 31 morti per CVD, 21 infarti del miocardio, 33 ictus, 40 rivascolarizzazioni e un’amputazione.

Rispetto a coloro che non hanno mai fumato, gli ex fumatori (HR = 1,61; 95% CI, 1,07-2,42) e gli attuali fumatori (HR = 1,73; 95% CI, 1,04-2,87) presentavano rischi maggiori di CVD. I partecipanti al quartile più alto di assunzione di grassi avevano un rischio cardiovascolare più elevato rispetto a quelli nel quartile più basso di assunzione di grassi (HR = 1,7; 95% CI, 1,02-2,85). Le persone nel quartile più alto per il livello plasmatico di vitamina C avevano un rischio più basso di CVD rispetto a quelle nel quartile più basso (HR = 0,44; 95% CI, 0,22-0,87) e gli adulti con il più alto apporto di fibre avevano un rischio di CVD inferiore rispetto con quelli con il più basso apporto di fibre (HR = 0,6; 95% CI, 0,36-0,99).

L’assunzione di grassi nell’anno successivo alla diagnosi di diabete di tipo 2 ha modificato le associazioni con CVD. Tra i partecipanti con il più alto apporto di grassi, un aumento del 6,48% di energia dai grassi era associato a un rischio più elevato di CVD (HR = 4,2; 95% CI, 1,48-11,89), mentre una diminuzione del 6,48% di energia dai grassi non era associata con CVD.

“Pochi studi hanno valutato gli impatti sulla salute a lungo termine dei cambiamenti nella dieta e altri comportamenti di salute a seguito della diagnosi di diabete, e sono necessarie ulteriori ricerche per supportare i nostri risultati”, ha affermato Strelitz. “Sono necessarie ricerche future che incorporino dati sulle fonti di assunzione di grassi per informare le raccomandazioni dietetiche per le persone con diabete”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.