Ricerca

L’esposizione a tossine ambientali persistenti nei prodotti di uso quotidiano può aumentare il rischio di diabete negli adolescenti

Chemicals in cookware, non stick frying pan. PFAs ie polytetrafluoroethylene, perfluoroalkyl and polyfluoroalkyl aka PFOA,PFNA, PFTE.

Lo studio dei ricercatori della Keck School of Medicine of USC trova il legame tra “sostanze chimiche persistenti” e cambiamenti nel metabolismo del glucosio

Un nuovo studio USC rileva che una classe di inquinanti ambientali noti come “sostanze chimiche persistenti” può aumentare il rischio di diabete di tipo 2 nelle ragazze latine. Gli inquinanti, chiamati  sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) , sono un gruppo di sostanze chimiche artificiali utilizzate negli Stati Uniti in una vasta gamma di prodotti industriali e di consumo, tra cui pentole, repellenti per macchie e scatole per pizza.

Pubblicità e progresso

“Poiché i PFAS sono così diffusi e non si rompono, si sono fatti strada nell’acqua potabile di circa 200 milioni di americani”, ha affermato la ricercatrice Leda Chatzi, professore di scienze della popolazione e della salute pubblica presso la Keck School of Medicina dell’USC e direttore del nuovo Centro USC per la ricerca traslazionale sulla salute ambientale. “Questo è il primo studio per misurare il loro potenziale impatto sul metabolismo del glucosio nel tempo tra adolescenti e giovani adulti”.

Lo studio appare in  Environmental Health Perspectives .

I ricercatori hanno esaminato più di 310 bambini latinoamericani di età compresa tra gli otto e i 13 anni da SOLAR (Studio sugli adolescenti latini a rischio di diabete di tipo 2). Ogni partecipante è stato testato per i livelli di alcuni PFAS all’inizio dello studio e poi seguito fino a 12 anni, con controlli annuali su come i loro corpi hanno metabolizzato il glucosio. 

PFAS e metabolismo del glucosio

I dati dello studio hanno mostrato che, a partire dalla tarda pubertà, le ragazze che avevano alti livelli nell’infanzia di un PFAS chiamato perfluoroesano solfonato (PFHxS) tendevano ad avere un metabolismo del glucosio più povero rispetto alle ragazze che avevano bassi livelli di PFHxS da bambini. L’associazione tra alti livelli di PFHxS e metabolismo del glucosio disregolato è aumentata dopo la pubertà e persisteva fino ai 18 anni di età. I ricercatori hanno replicato i loro risultati in un gruppo separato di giovani adulti del Southern California Children’s Health Study, dimostrando che questo collegamento può persistere fino all’età adulta.

Lo studio non ha trovato alcuna associazione coerente tra alti livelli di PFAS e metabolismo del glucosio disregolato nei ragazzi. 

“Abbiamo visto i maggiori cambiamenti nel metabolismo del glucosio durante la pubertà e ci sono molte differenze nella pubertà tra ragazzi e ragazze”, ha detto Jesse Goodrich, uno studioso post-dottorato presso la Keck School of Medicine della USC e primo autore dello studio. “Un’ipotesi è che i PFAS possano interagire con gli ormoni sessuali. Abbiamo in programma di dare seguito a questo studio esaminando il meccanismo biologico alla base dell’associazione tra PFAS e diabete di tipo 2.

Giovani latinoamericani a più alto rischio di diabete di tipo 2

I tassi di diabete nei bambini latini negli Stati Uniti sono cinque volte superiori a quelli dei bianchi non ispanici; negli adulti latini, il tasso è dell’80% superiore a quello dei bianchi non ispanici. Eppure la dieta e lo stile di vita da soli non spiegano la differenza.

“Il diabete di tipo 2 è potenzialmente prevenibile e un’area chiave di attenzione dovrebbe essere quella delle influenze ambientali”, ha affermato Chatzi. “Le esposizioni PFAS sono modificabili attraverso comportamenti individuali, come evitare pentole antiaderenti e contenitori di plastica per la conservazione degli alimenti. Ma non siamo solo esposti in un posto o una fonte: i PFAS sono ovunque. Il governo può svolgere un ruolo importante nella regolamentazione dell’uso dei PFAS”.

Sebbene alcune sostanze chimiche PFAS non siano più prodotte negli Stati Uniti, sono ancora prodotte a livello internazionale e possono essere importate negli Stati Uniti in beni di consumo come tappeti, pelle e abbigliamento, tessuti, carta e imballaggi, rivestimenti, gomma e plastica, secondo l’Agenzia per la protezione dell’ambiente. Alcune settimane fa, la Camera ha approvato il PFAS Action Act, che richiederebbe all’Agenzia per la protezione dell’ambiente di stabilire standard nazionali per l’acqua potabile per questi cosiddetti “prodotti chimici per sempre”.

Categorie:Ricerca

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.