Assistenza sociosanitaria

Il rischio di mortalità nelle persone transgender è doppio rispetto alle persone cisgender, lo indicano dati che coprono cinque decenni

  • L’analisi retrospettiva dei dati di 4.568 persone transgender nei Paesi Bassi registrati tra il 1972 e il 2018 indica un aumento del rischio di mortalità di circa due volte rispetto agli uomini e alle donne cis che non è diminuito nel tempo.
  • L’aumento della mortalità tra le donne transgender rispetto agli uomini e alle donne cis ha mostrato maggiori rischi di morte a causa di malattie cardiovascolari, malattie legate all’HIV, cancro ai polmoni e suicidio.
  • Negli uomini transgender, l’aumento della mortalità rispetto alle donne cis ha mostrato un maggiore rischio di mortalità a causa del suicidio e di altre cause di morte non naturali. Non sono state osservate differenze nel rischio di mortalità rispetto agli uomini cis.
  • La maggior parte delle cause di morte osservate non erano correlate al trattamento ormonale di affermazione del genere, evidenziando l’importanza di aumentare l’accettazione sociale e migliorare l’assistenza sanitaria per le persone transgender.

Le persone transgender hanno il doppio delle probabilità di morire rispetto agli uomini e alle donne cis, secondo un’analisi dei dati nazionali dei Paesi Bassi che abbracciano cinque decenni. I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology , indicano che l’aumento del rischio di mortalità tra le persone transgender non è diminuito tra il 1972 e il 2018, evidenziando la pressante necessità di agire per affrontare queste disparità di salute significative e di lunga data.

Studi precedenti hanno riportato un aumento dei tassi di mortalità tra le persone transgender, tuttavia, non era noto se questa tendenza fosse cambiata negli ultimi decenni.

Pubblicità e progresso

L’autore principale, il professor Martin den Heijer, di Amsterdam UMC, Paesi Bassi, ha dichiarato: “I risultati del nostro ampio studio nazionale evidenziano un rischio di mortalità sostanzialmente aumentato tra le persone transgender che persiste da decenni. L’aumento dell’accettazione sociale e il monitoraggio e il trattamento delle malattie cardiovascolari, del consumo di tabacco e dell’HIV continueranno a essere fattori importanti che possono contribuire a ridurre il rischio di mortalità nelle persone transgender.

“Si ritiene che il trattamento ormonale di affermazione del genere sia sicuro e la maggior parte delle cause di morte nella coorte non erano correlate a questo. Tuttavia, poiché al momento non ci sono prove sufficienti per determinare la loro sicurezza a lungo termine, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire pienamente se influenzino in qualche modo il rischio di mortalità per le persone transgender». [1]

Le persone transgender possono sottoporsi a terapie mediche che determinano cambiamenti fisici che si avvicinano maggiormente alla loro identità di genere. Questi includono tipicamente la terapia ormonale e la chirurgia che affermano il genere. Gli uomini transgender che ricevono una terapia ormonale di affermazione del genere sono solitamente trattati con testosterone per promuovere lo sviluppo delle caratteristiche maschili, mentre le donne transgender in genere ricevono antiandrogeni ed estrogeni, che inducono caratteristiche fisiche femminili.

La coorte dello studio era composta da 4.568 persone transgender adulte (2.927 donne transgender e 1.641 uomini transgender) che avevano frequentato la clinica per l’identità di genere presso l’UMC di Amsterdam tra il 1972 e il 2018 e stavano ricevendo un trattamento ormonale per l’affermazione del genere. I dati sono stati raccolti da file medici sull’età dei partecipanti all’inizio del trattamento ormonale, il tipo di trattamento, l’abitudine al fumo, l’anamnesi e l’ultima data di follow-up. L’età media all’inizio del trattamento ormonale era di 30 anni nelle donne transgender e di 23 anni negli uomini transgender. Il tempo medio di follow-up nelle donne transgender era di 11 anni e di 5 anni negli uomini transgender.

Il rapporto tra i decessi tra uomini e donne transgender rispetto ai tassi per la popolazione olandese adulta è stato calcolato utilizzando i dati detenuti da Statistics Netherlands (CBS), che detiene un record di tutti i decessi dei residenti nei Paesi Bassi. Ove possibile, il rischio di mortalità è stato suddiviso in categorie che includevano malattie cardiovascolari, infezioni, cancro e cause non naturali, inclusi i suicidi. I dati sulla causa della morte (se nota) erano disponibili dal 1996 in poi.

Durante il follow-up, sono morte 317 (10,8%) donne transgender e 44 (2,7%) uomini transgender, con una mortalità complessiva di 628 decessi ogni 100.000 persone all’anno.

Il rischio di mortalità era quasi doppio tra le donne transgender rispetto agli uomini nella popolazione generale olandese e quasi tre volte maggiore rispetto alle donne cis (rapporti rispettivamente di 1,8 e 2,8). Il rischio di mortalità non è diminuito nei cinque decenni inclusi nell’analisi.

Rispetto agli uomini cis, le donne transgender avevano un rischio di morte 1,4 volte maggiore a causa di malattie cardiovascolari (rapporto di mortalità 1,4). Il rischio di mortalità era quasi doppio per il cancro del polmone (rapporto 2,0), più di cinque volte maggiore per l’infezione (rapporto 5,4) e quasi tre volte più alto per le cause di morte non naturali (rapporto 2,7). Il maggior rischio di mortalità per infezione era associato alla malattia correlata all’HIV, quasi 15 volte superiore a quello degli uomini cis (rapporto 14,7). Per le cause di morte non naturali, il rischio maggiore era il suicidio, tre volte maggiore rispetto agli uomini cis (rapporto 3,1).

Rispetto alle donne cis, le donne transgender avevano più di due volte più probabilità di morire di malattie cardiovascolari (rapporto 2,6). Avevano tre volte più probabilità di morire di cancro ai polmoni (rapporto 3,1), quasi nove volte più probabilità di morire di infezione (rapporto 8,7) e sei volte più probabilità di morire per cause non naturali (rapporto 6,1). Gli attacchi di cuore rappresentavano il maggior rischio di morte per malattie cardiovascolari, tre volte superiore a quello delle donne cis (rapporto 3,0). Il rischio di mortalità per malattia correlata all’HIV era quasi 50 volte superiore a quello delle donne cis (rapporto 47,6), mentre il rischio di suicidio era quasi 7 volte maggiore (rapporto 6,8).

Il rischio di mortalità negli uomini transgender era simile agli uomini cis (rapporto 1,1) ma quasi doppio rispetto alle donne cis (rapporto 1,6). Il rischio di mortalità per gli uomini transgender non è diminuito nei cinque decenni studiati. Il rischio di mortalità negli uomini transgender che hanno iniziato il trattamento ormonale tra il 1990 e il 2000 era due volte e mezzo più alto delle donne cis (rapporto 2,6). Rispetto alle donne cis, il rischio di mortalità per gli uomini transgender è stato più del doppio dal 2000 al 2010 e dal 2010 al 2018 (rispettivamente 2,1 e 2,4). Gli uomini transgender avevano un rischio tre volte maggiore di morte per cause non naturali (rapporto 3,3) rispetto alle donne cis. Non è stato osservato un aumento del rischio di mortalità rispetto agli uomini cis.

Il primo autore Christel de Blok, di Amsterdam UMC, Paesi Bassi, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che la maggior parte dei suicidi e dei decessi correlati all’HIV si sono verificati nei primi decenni che abbiamo studiato, suggerendo che una maggiore accettazione sociale e accesso al supporto e migliori trattamenti per l’HIV, potrebbe aver svolto un ruolo importante nel ridurre i decessi correlati a queste cause tra le persone transgender negli ultimi anni. È stato sorprendente che il rischio di mortalità fosse più alto nelle persone transgender che hanno iniziato un trattamento ormonale per l’affermazione del genere negli ultimi due decenni, ma ciò potrebbe essere dovuto a cambiamenti nella pratica clinica. In passato, gli operatori sanitari erano riluttanti a fornire cure ormonali a persone con una storia di comorbidità come le malattie cardiovascolari. Tuttavia, a causa dei numerosi vantaggi di consentire alle persone di accedere alla terapia ormonale, al giorno d’oggi questo raramente si traduce nel negare il trattamento”. [1]

Gli autori riconoscono alcune limitazioni. L’evento e le cause di morte sono stati ben documentati, tuttavia non si può escludere che altri fattori non registrati nelle cartelle cliniche possano contribuire ad aumentare il rischio di mortalità. Poiché c’erano relativamente pochi decessi tra gli uomini transgender nella coorte, l’analisi sulla causa della morte era limitata. Sebbene la coorte comprendesse persone con un’ampia fascia d’età, la popolazione era relativamente giovane. Anche l’analisi dei dati sulla gioventù transgender non è stata possibile in quanto i giovani della coorte erano molto diversi, iniziando la terapia ormonale a diverse età e fasi della pubertà. Poiché questo studio si è concentrato solo sulle persone transgender che hanno ricevuto cure nei Paesi Bassi, oltre il 90% delle quali erano bianche, gli autori affermano che i dati dovrebbero essere interpretati con cautela in altre regioni.

Scrivendo in un commento collegato, il dott. Vin Tangpricha della Emory University, USA, che non è stato coinvolto nello studio, affronta il tema della terapia ormonale per l’affermazione del genere, dicendo: “Una maggiore pubblicazione di dati sulla sicurezza della terapia ormonale per l’affermazione del genere in la popolazione transgender, che salva la vita a molte persone, è incoraggiante. Il continuo perfezionamento dell’assistenza alle persone transgender contribuirà a migliorare la vita di una popolazione in crescita clinicamente vulnerabile”.

Sulle disparità osservate tra donne transgender e uomini transgender, il dott. Tangpricha afferma: “Gli uomini transgender non sembrano avere una comorbidità significativamente aumentata dopo aver ricevuto una terapia ormonale di affermazione del genere rispetto alle donne transgender. Questi risultati potrebbero riflettere l’uso di un regime stabilito di somministrazione di testosterone estrapolato da uomini ipogonadici. Le differenze potrebbero anche riflettere disparità nell’accesso all’assistenza sanitaria, differenze nell’effetto degli ormoni sessuali sul profilo di rischio cardiometabolico, differenze nella composizione corporea o fattori sociali. Gli studi futuri dovrebbero esaminare quali fattori – regime ormonale, concentrazioni ormonali, accesso all’assistenza sanitaria o altri fattori biologici – spiegano l’aumento del rischio di morbilità e mortalità osservato nelle donne transgender rispetto agli uomini transgender”.


[1] Citazione diretta dall’autore e non reperibile nel testo dell’articolo.


Ulteriore risorse a corredo:

Negli Stati Uniti, è possibile contattare la National Suicide Prevention Lifeline al numero 1-800-273-8255 o visitare https://suicidepreventionlifeline.org/ . 
Nel Regno Unito, Samaritans può essere contattato al 116 123, o inviare un’e-mail: jo@samaritans.org o visitare www.samaritans.org
Per coloro al di fuori degli Stati Uniti e del Regno Unito, anche Befrienders Worldwide fornisce supporto: http://www.befrienders.org /

Guida all’uso appropriato del linguaggio quando si parla di salute transgender: https://epath.eu/wp-content/uploads/2019/03/language-and-trans-health.pdf

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.