Mangiare e bere

Gli acquirenti scelgono generi alimentari più sani quando la disposizione delle merci del supermercato promuove frutta e verdura rispetto alle caramelle

Rimuovere dolciumi e altri prodotti non salutari dalle casse e dalla fine dei corridoi vicini e posizionare frutta e verdura vicino agli ingressi dei negozi spinge i clienti a fare acquisti di cibo più sani, suggerisce un nuovo studio condotto da Christina Vogel e Janis Baird dell’Università di Southampton che pubblica il 7 settembre in la rivista ad accesso aperto PLOS Medicine .

Condotto in collaborazione con la catena di supermercati nazionale Iceland Foods Ltd, lo studio si è svolto in una selezione di negozi islandesi in Inghilterra e ha monitorato le vendite nei negozi, nonché gli acquisti e le abitudini alimentari di un campione di clienti abituali.

Pubblicità e progresso

Gli autori hanno riscontrato che le vendite di dolciumi in tutto il negozio sono diminuite e le vendite di frutta e verdura sono aumentate quando gli articoli non alimentari e l’acqua sono stati collocati alle casse e alla fine delle corsie opposte e una sezione espansa di frutta e verdura è stata riposizionata vicino all’ingresso del negozio. Sono stati osservati anche effetti benefici per l’acquisto domestico di frutta e verdura e per la qualità della dieta individuale.

Questa ricerca è più completa rispetto a studi precedenti che verificano se le strategie di collocamento possono promuovere acquisti di cibo più sani che sono stati di portata limitata (ad esempio, valutando solo una singola posizione (cioè, casse) o mettendo insieme prodotti sani e non salutari). Questo studio è stato in grado di misurare gli effetti dei cambiamenti di layout in tutto il negozio con l’obiettivo di ridurre l’esposizione degli acquirenti a cibi a basso contenuto nutritivo sulle vendite dei negozi, sui modelli di acquisto delle carte fedeltà dei clienti e sulle diete di più di un membro della famiglia.

Il dott. Vogel conclude: “La modifica della disposizione dei supermercati potrebbe aiutare le persone a fare scelte alimentari più sane e spostare la dieta della popolazione verso le raccomandazioni dietetiche del governo. I risultati del nostro studio suggeriscono che un layout di negozio più sano potrebbe portare a circa 10.000 porzioni in più di frutta e verdura e circa 1.500 porzioni in meno di dolciumi vendute su base settimanale in ogni negozio”.  

Il professor Baird ha aggiunto: “Questi risultati forniscono nuove prove per suggerire che il previsto divieto del governo del Regno Unito sul posizionamento prominente di alimenti non salutari nei punti vendita al dettaglio potrebbe essere vantaggioso per la dieta della popolazione e che gli effetti potrebbero essere ulteriormente migliorati se i requisiti per una sezione di prodotti agricoli vicino agli ingressi dei supermercati sono stati inseriti nel regolamento”.

 

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.