Benessere

Impacco caldo o impacco freddo: quale applicare quando sei ferito o dolorante

Quando ti fai male, puoi prendere un impacco caldo o freddo. Quale opzione è migliore dipende dalla natura del tuo dolore, da cosa lo ha causato e da quanto tempo lo hai avuto.

La terapia del calore, a volte chiamata termoterapia, prevede l’applicazione di calore su una lesione o un’area dolente del corpo. Vengono comunemente utilizzate borse dell’acqua calda o assorbenti che possono essere riscaldati in un forno a microonde. La terapia del freddo, o crioterapia, può presentarsi sotto forma di bottiglie d’acqua o assorbenti raffreddati in frigorifero o congelatore.

Pubblicità e progresso

Posizionare qualcosa di freddo nel sito della lesione provoca il restringimento dei vasi sanguigni, delle arterie e delle vene. Questo riduce il flusso sanguigno attraverso l’area e aiuta a ridurre l’infiammazione e il gonfiore. L’aggiunta di calore all’area ha l’effetto opposto: apre i vasi sanguigni e aumenta il flusso sanguigno attraverso il tessuto danneggiato.

Questi effetti opposti sono utili in diverse situazioni.

Raffreddare per prevenire l’infiammazione

Possiamo trattare lesioni o dolori tissutali con un impacco caldo o freddo, o talvolta alternare i due.

La terapia del freddo deve essere utilizzata per lesioni che provocano gonfiore e infiammazione come distorsioni articolari, stiramenti muscolari o contusioni. L’obiettivo è rallentare il flusso sanguigno nell’area e prevenire gli effetti della lesione. Le confezioni di gel che possono essere conservate nel congelatore, gli spray refrigeranti o anche un sacchetto di verdure surgelate faranno il lavoro.

È importante evitare di tenere il ghiaccio a diretto contatto con la pelle per lunghi periodi poiché ciò può causare danni alla pelle. È meglio avvolgere il ghiaccio in un panno e poi applicarlo.

La terapia del freddo è più efficace nella fase immediata o acuta del dolore, quando il gonfiore e l’infiammazione iniziano a manifestarsi. In genere, il trattamento va applicato per circa 20 minuti e può essere riapplicato ogni due ore per alcuni giorni. Dopodiché, la lesione dovrebbe essere nella fase di guarigione e il gonfiore e l’infiammazione diminuiranno.

La terapia del freddo, o l’applicazione del ghiaccio, viene spesso utilizzata in combinazione con il riposo, la compressione e l’elevazione, nota in pronto soccorso con l’acronimo RICE .

Quindi, il ghiaccio può essere utile quando si vuole limitare il gonfiore e il dolore iniziali, poiché un gonfiore eccessivo o prolungato può ostacolare il processo di guarigione. Ma con lesioni meno gravi come distorsioni e stiramenti minori, l’infiammazione fa parte del processo di guarigione del corpo e la terapia del freddo continua può essere una barriera al recupero.

Quando riscaldarsi

La terapia del calore è generalmente considerata secca o umida.

La terapia del calore secco include borse dell’acqua calda o cuscinetti riscaldati. Questi sono facili da applicare e sono efficaci per ridurre il dolore. La terapia del calore umido include un bagno caldo, un asciugamano caldo umido e impacchi caldi umidi.

La terapia del calore non è raccomandata per la gestione acuta di distorsioni, stiramenti o contusioni poiché favorisce il flusso sanguigno e può aumentare il gonfiore e il dolore.

La terapia del calore può aiutare condizioni croniche come dolori articolari ricorrenti, dolore al collo o alla schiena.

Se il dolore è dovuto a uno stiramento oa una distorsione, la terapia del freddo deve essere applicata immediatamente, ma la terapia del calore può aiutare ad alleviare il dolore a partire da 72 ore dopo l’infortunio.

L'uomo tiene la caviglia, seduto sul marciapiede

Raffreddare un infortunio subito dopo che si è verificato può ridurre il gonfiore, ma non farlo per troppo tempo. Shutterstock

La terapia del calore non significa applicare qualcosa di molto caldo, piuttosto dovrebbe essere caldo, piacevole e facilmente tollerabile per lunghi periodi.

La terapia del calore può essere molto efficace per la tensione muscolare o la rigidità articolare: aumento del flusso sanguigno e riscaldamento di muscoli o articolazioni per circa 15 minuti prima dell’attività fisica come una sorta di riscaldamento. Questo approccio può anche aiutare le persone a impegnarsi in attività che potrebbero aggravare una lesione cronica allentando e rilassando i muscoli feriti.

 

Il calore viene utilizzato in modo diverso per le punture di bluebottle. Questi sono trattati al meglio da un medico in un pronto soccorso ospedaliero. Ma, come intervento di primo soccorso, il dolore può essere ridotto applicando acqua calda (42-45°C) sull’area per 30-90 minuti.

L’alternanza di caldo e freddo con un’area di dolore è stata utilizzata per decenni, ma non c’è stata una grande quantità di ricerche che valutassero la pratica. Uno studio ha valutato i pazienti ricoverati in ospedale con dolore al tallone e ha riscontrato un maggiore miglioramento della funzione del piede dopo la terapia caldo/freddo rispetto a un gruppo sottoposto a terapia standard.

Ammollo in esso

Gli atleti usano comunemente la terapia ad immersione in acqua per il recupero.

Tuttavia, anche questa pratica non è esente da controversie. Una revisione delle prove ha rilevato che l’immersione in acqua fredda ha migliorato le prestazioni, misurate dal salto e dalla capacità di sprint a tutto campo 24 ore dopo un evento sportivo. Anche la fatica è stata ridotta a 48-72 ore dopo gli eventi sportivi.

Questo tipo di terapia per il controllo della temperatura può anche aiutare con il recupero dopo aver intrapreso uno sforzo fisico prolungato come una giornata di escursioni.

uomini in mare

Le squadre sportive, come questi giocatori di Collingwood a St Kilda Beach nel 2011, usano l’acqua fredda per riprendersi dalle partite importanti. AAP/Julian Smith

 

Quindi, prima il freddo e poi forse il caldo

Il messaggio da portare a casa è che gli impacchi freddi funzionano bene per ridurre il dolore e l’infiammazione nella fase acuta di uno stiramento, distorsione o livido, specialmente se usati come parte del metodo RICE.

Gli impacchi termici sono utili per ridurre tensione e rigidità muscolare e dolori articolari, ma mai nella fase iniziale di un infortunio. Non ci sono prove sufficienti per dimostrare che l’alternanza dei due è particolarmente utile, mentre la terapia ad immersione in acqua fredda può aiutare il recupero dopo lo sport o uno sforzo fisico prolungato.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Benessere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.