Assistenza sociosanitaria

Diabete di tipo 2: perché i piani di trattamento potrebbero dover essere diversi per gli anziani

L’invecchiamento può influenzare il controllo della glicemia.

Circa il 6% della popolazione mondiale soffre di diabete di tipo 2. Persone di qualsiasi età possono sviluppare la condizione, ma il numero di anziani con diabete di tipo 2 è in rapido aumento in tutto il mondo . In effetti, gli adulti di età superiore ai 65 anni rappresentano ormai quasi la metà di tutti i casi adulti.

Sostienici con un acquisto o donazione

Esistono molti modi per gestire il diabete di tipo 2, incluso il controllo del peso attraverso la dieta e l’esercizio fisico o l’assunzione di un farmaco per gestire i livelli di zucchero nel sangue. Ma molte persone potrebbero non rendersi conto che il diabete di tipo 2 negli anziani può essere più complicato da gestire . Ciò significa che le persone con più di 65 anni potrebbero dover essere gestite in modo diverso quando si tratta di diabete di tipo 2.

Ci sono una serie di ragioni per cui il diabete di tipo 2 può essere più difficile da gestire negli anziani. In primo luogo, l’invecchiamento può influire sul controllo della glicemia , poiché gli organi del corpo (come il pancreas , che controlla i livelli di insulina e di zucchero nel sangue) perdono la capacità di funzionare come prima.

Inoltre, alcune ricerche hanno dimostrato che il diabete può far invecchiare più velocemente le persone . Si pensa che ciò sia dovuto agli alti livelli di zucchero nel sangue che invecchiano prematuramente le cellule del corpo. Questo invecchiamento precoce potrebbe portare a malattie associate al declino legato all’età (come l’artrite o la demenza) che si verificano prima .

La fragilità – uno stato di salute che è associato a una ridotta capacità di recupero fisico e mentale negli anziani – colpisce anche più persone con diabete di tipo 2 rispetto al resto della popolazione. In effetti, si stima che anche il 25% degli anziani con diabete di tipo 2 sia fragile. Le persone fragili e con diabete di tipo 2 hanno una salute peggiore e un rischio maggiore di morte per tutte le cause rispetto a coloro che non sono fragili. La fragilità è associata a funzioni fisiche e cognitive ridotte e a un aumento del rischio di ipoglicemia. Entrambi questi fattori possono rendere più complicato il trattamento del diabete di tipo 2.

La demenza, che è più comune negli anziani, può anche rendere più difficile la gestione del diabete di tipo 2. Questo perché i problemi di memoria causati da questa condizione possono rendere più difficile per i pazienti ricordarsi di assumere i farmaci o assumere il dosaggio corretto del farmaco. Inoltre, il diabete di tipo 2 negli anziani è in realtà un fattore di rischio per lo sviluppo di demenza, incluso il morbo di Alzheimer . Sebbene il legame tra i due non sia completamente compreso, sono stati suggeriti come cause elevati livelli di zucchero nel sangue e insulina che non funziona correttamente .

Avere altre condizioni di salute può anche rendere più difficile il trattamento del diabete . Fino al 40% degli anziani con diabete di tipo 2 ha quattro o più malattie coesistenti, come malattie cardiache o demenza. Queste condizioni possono rendere impossibile il raggiungimento dei normali obiettivi di trattamento e i farmaci usati per curarli possono interagire con quelli usati per curare il diabete, il che potrebbe causare danni se non gestiti con attenzione. Oltre a questo, lo scarso accesso a cure mediche adeguate e l’essere più suscettibili all’ipoglicemia in età avanzata sono anche ragioni per cui il trattamento del diabete può essere così difficile in questa fascia di età.

Gestire il diabete di tipo 2

La maggior parte dei trattamenti medici per il diabete di tipo 2 lavora per mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue e prevenirne il picco. Ma gli anziani con diabete di tipo 2 possono effettivamente avere un rischio maggiore di sviluppare livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi . Questo di solito accade se il farmaco non viene utilizzato alla dose corretta o in persone che hanno il diabete da molto tempo.

Medico donna che misura i livelli di zucchero nel sangue di un uomo anziano.
Anche gli anziani possono essere soggetti a bassi livelli di zucchero nel sangue. Syda Productions/ Shutterstock

Avere livelli di zucchero nel sangue molto bassi è pericoloso in quanto può aumentare il rischio di cadute , un problema serio e talvolta pericoloso per la vita negli anziani. Livelli di zucchero nel sangue molto bassi aumentano anche il rischio di problemi cardiaci . Ciò significa che gli operatori sanitari devono stare attenti a non essere troppo aggressivi nei piani di trattamento per gli anziani per evitare di causare altri problemi di salute.

L’invecchiamento può anche alterare la risposta dell’organismo all’ipoglicemia . Questo è significativo, poiché quando la glicemia scende troppo è estremamente pericoloso e può persino essere fatale .

Gli anziani possono anche essere meno in grado di riconoscere i sintomi di ipoglicemia rispetto ai giovani adulti. Questo perché sintomi come vertigini e confusione sono spesso meno specifici negli anziani e possono essere confusi con la demenza . Gli anziani possono anche impiegare più tempo per riprendersi da un basso livello di zucchero nel sangue.

Dato che ripetuti attacchi di ipoglicemia possono significare che le persone anziane sono meno in grado di percepire quando accadrà in futuro, è importante che i farmaci prescritti agli anziani per il diabete di tipo 2 siano somministrati alle dosi corrette. È necessario prestare particolare attenzione nel prescrivere l’insulina, l’ormone del controllo della glicemia nel corpo, agli adulti molto anziani poiché ciò aumenta significativamente il rischio di ipoglicemia.

Dato l’invecchiamento della popolazione, si prevede che in futuro più anziani avranno il diabete di tipo 2. Ciò rende particolarmente importante migliorare il modo in cui trattiamo il diabete in questa fascia di età. Sebbene siano state sviluppate linee guida specifiche per il trattamento , alcune prove suggeriscono che gli approcci di cura devono essere più cauti e personalizzati per ciascun paziente, tenendo conto delle altre condizioni di salute e che i trattamenti considerano la qualità della vita di ciascun paziente.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione