Comunicazione

Le emoji sono proposte come un potente mezzo di comunicazione per pazienti e medici

I simboli colorati che fanno parte del dialogo tradizionale potrebbero fornire ai pazienti un nuovo modo per essere ascoltati dai loro medici.

Emoji, quel lessico universale di simboli colorati e intelligenti destinati a sostituire la parola scritta e parlata, potrebbe essere uno strumento prezioso nel campo della medicina, consentendo ai pazienti di comunicare meglio sintomi, preoccupazioni e altre informazioni clinicamente rilevanti, sostiene un Massachusetts medico dell’ospedale generale (MGH) e altri. In un commento sul Journal of the American Medical Association , l’autore senior Shuhan He, MD, un dipartimento di emergenza che frequenta, suggerisce che ogni disciplina medica avvii discussioni sulla creazione del proprio set unico di iconografia per l’adozione ufficiale e l’incorporazione nella pratica quotidiana.

Pubblicità e progresso

“La necessità di ascoltare i pazienti è al centro della nostra missione di medici e l’uso delle emoji è una grande opportunità per portare la comunicazione a un altro livello”, afferma He, direttore della crescita per il MGH Center for Innovation in Digital HealthCare e membro del Lab of Computer Science di MGH. “Le emoji potrebbero essere particolarmente importanti nel trattamento di bambini con abilità linguistiche ancora in via di sviluppo, persone con disabilità che compromettono la loro capacità di comunicare e molti pazienti che parlano una lingua diversa”.

Emoji (che significa “carattere dell’immagine”) è nato in Giappone più di dieci anni fa e oggi si stima che cinque miliardi siano utilizzati ogni giorno solo su Facebook e Facebook Messenger. Mentre circa 3.500 emoji sono attualmente all’interno del dominio dell’Unicode Consortium – l’organizzazione senza scopo di lucro che mantiene gli standard di testo su tutti i computer e che deve approvare ogni emoji prima che possa essere utilizzata digitalmente – solo circa 45 emoji possono essere considerati rilevanti per la medicina. I primi, introdotti nel 2015, sono stati la siringa e la pillola. Nel 2017, Apple ha aggiunto emoji per rappresentare le persone con disabilità, seguite dai simboli dello stetoscopio, dell’osso, del dente e del microbo nel 2019. È stato co-creatore del cuore anatomico e dell’emoji del polmone introdotti a livello globale nel 2020 e ora sta lavorando con co -autori Debbie Lai e Jennifer 8. Lee, che sono attivi nel campo,

“Si è tentati di liquidare le emoji come una moda millenaria, ma possiedono il potere di standardizzazione, universalità e familiarità, e nelle mani di medici e altri operatori sanitari potrebbero rappresentare un modo nuovo e altamente efficace per comunicare in modo pittorico con i pazienti”, afferma Lui. In contesti medici di emergenza in cui il tempo è fondamentale, le emoji potrebbero portare a una forma di comunicazione point-and-tap che potrebbe facilitare importanti decisioni cliniche, aggiunge. I minuscoli simboli grafici che ora abbracciano tutte le piattaforme digitali – dal mobile al tablet al desktop – potrebbero anche avere utilità come annotazioni alle istruzioni di dimissione ospedaliera, che spesso risultano confuse se non incomprensibili per alcuni pazienti.

Inoltre, la recente crescita della telemedicina potrebbe essere una ricca opportunità per le emoji di fare breccia nella medicina. La piattaforma interattiva è considerata particolarmente adatta per consentire ai pazienti di trasmettere agli operatori sanitari informazioni visive che tracciano l’intensità del dolore che hanno sperimentato in un periodo di giorni, settimane o mesi, e per quei fornitori di renderli parte del digitale del paziente. cartella clinica per il trattamento in corso.

Sta continuando la sua ricerca per capire meglio come le emoji potrebbero aiutare i pazienti e i medici a comunicare sintomi comuni – come mobilità, umore, durata e qualità del dolore  associati a varie malattie e condizioni. “È chiaro che le emoji sono diventate parte della conversazione globale e mainstream e che le società mediche, i comitati e le organizzazioni di medici devono prenderle sul serio”, afferma He. “Il che significa che dovrebbero determinare ora quale emoji servirebbe meglio gli interessi dei loro pazienti, costruendo consenso sull’accuratezza medica di queste emoji, quindi lavorare per farle approvare attraverso l’organismo di definizione degli standard globali e lavorare attraverso il lungo adattamento e implementazione. processi.”

La co-autrice Jennifer 8. Lee è la fondatrice di Emojination, un gruppo di base che ha condotto campagne di successo per oltre 100 nuove emoji negli ultimi cinque anni. La coautrice Debbie Lai è direttore operativo della Act Now Coalition, un’organizzazione no-profit che fornisce visualizzazioni di dati su COVID-19 e cambiamenti climatici.

Categorie:Comunicazione

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.