Benessere

Lavori mentalmente stimolanti legati a un minor rischio di demenza in età avanzata

Le persone con lavori mentalmente stimolanti hanno un rischio inferiore di demenza in età avanzata rispetto a quelli con lavori non stimolanti, secondo uno studio pubblicato dal BMJ .

Una possibile spiegazione è che la stimolazione mentale sia legata a livelli più bassi di alcune proteine ??che possono impedire alle cellule cerebrali di formare nuove connessioni (processi chiamati assonogenesi e sinaptogenesi).

Pubblicità e progresso

Si presume che la stimolazione cognitiva prevenga o rimandi l’insorgenza della demenza . Ma i risultati degli studi sono variati e gli studi più recenti a lungo termine hanno suggerito che l’attività cognitiva nel tempo libero non riduce il rischio di demenza .

L’esposizione alla stimolazione cognitiva sul lavoro in genere dura molto più a lungo degli hobby che stimolano cognitivamente, ma anche gli studi basati sul lavoro non sono riusciti a produrre prove convincenti dei benefici.

Quindi un team internazionale di ricercatori ha deciso di esaminare l’associazione tra il lavoro di stimolazione cognitiva e il conseguente rischio di demenza e di identificare i percorsi proteici per questa associazione.

I loro risultati si basano su studi condotti nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti che esaminano i collegamenti tra fattori legati al lavoro e malattie croniche , disabilità e mortalità.

Sono state esaminate tre associazioni: stimolazione cognitiva e rischio di demenza in 107.896 partecipanti (42% uomini; età media 45 anni) da sette studi del consorzio IPD-Work, un progetto di ricerca collaborativa di 13 studi di coorte europei; stimolazione cognitiva e proteine ??in un campione casuale di 2.261 partecipanti da uno studio; e proteine ??e rischio di demenza in 13.656 partecipanti da due studi.

La stimolazione cognitiva sul lavoro è stata misurata all’inizio dello studio e i partecipanti sono stati monitorati per una media di 17 anni per vedere se hanno sviluppato la demenza.

I lavori “attivi” cognitivamente stimolanti includono compiti impegnativi e un’elevata latitudine decisionale sul lavoro (noto anche come controllo del lavoro), mentre i lavori “passivi” non stimolanti sono quelli con basse richieste e mancanza di controllo del lavoro.

Dopo aggiustamento per fattori potenzialmente influenti, tra cui età, sesso, livello di istruzione e stile di vita, il rischio di demenza è risultato essere inferiore per i partecipanti con stimolazione cognitiva alta rispetto a quella bassa sul lavoro (incidenza 4,8 per 10.000 anni-persona nel gruppo ad alta stimolazione e 7.3 nel gruppo a bassa stimolazione).

Questo risultato è rimasto dopo ulteriori aggiustamenti per una serie di fattori di rischio di demenza stabiliti nell’infanzia e nell’età adulta, malattie cardiometaboliche (diabete, malattia coronarica e ictus) e il rischio di morte in competizione.

L’associazione non differiva tra uomini e donne o tra quelli di età inferiore e superiore ai 60 anni, ma c’era un’indicazione che l’associazione fosse più forte per il morbo di Alzheimer rispetto ad altre demenze.

La stimolazione cognitiva è stata anche associata a livelli più bassi di tre proteine ??legate sia alla stimolazione cognitiva nell’età adulta che alla demenza, fornendo possibili indizi sui meccanismi biologici sottostanti.

Questo era uno studio osservazionale, quindi non è possibile stabilire la causa e i ricercatori non possono escludere la possibilità che parte del rischio di demenza osservato possa essere dovuto ad altri fattori non misurati.

Tuttavia, questo era uno studio ampio e ben progettato che utilizzava diversi tipi di analisi per fornire un certo grado di convalida per i risultati principali e i risultati sembrano essere generalizzabili tra diverse popolazioni.

Come tali, i ricercatori dicono che i loro risultati suggeriscono che le persone con cognitivamente stimolanti lavori hanno un minor rischio di demenza in età avanzata rispetto a quelli con i non-stimolante di posti di lavoro .

“I risultati secondo cui la stimolazione cognitiva è associata a livelli più bassi di proteine ??plasmatiche che potenzialmente inibiscono l’assonogenesi e la sinaptogenesi e aumentano il rischio di demenza potrebbero fornire indizi sui meccanismi biologici sottostanti”, concludono.

Nonostante le considerevoli ricerche precedenti, il ruolo dell’arricchimento mentale correlato al lavoro nella demenza è rimasto poco chiaro, afferma Serhiy Dekhtyar del Karolinska Institutet, in un editoriale collegato.

“Questo nuovo lavoro è un importante promemoria per tutti nella specialità della prevenzione della demenza che possiamo andare così lontano solo con studi di intervento che sono brevi, tardivi, piccoli e includono solo persone eterogenee nei loro profili di rischio per rivelare qualsiasi beneficio di arricchimento mentale sul rischio di demenza”, scrive.

“Studi accuratamente progettati, ampi e basati sulla popolazione con lunghi periodi di follow-up che mirano anche a fornire indizi biologici, possono essere un’aggiunta importante agli studi randomizzati controllati. Lo studio di Kivimäki e colleghi è un esempio eccezionale”, conclude.


Ulteriori informazioni: stimolazione cognitiva sul posto di lavoro, proteine ??plasmatiche e rischio di demenza: tre analisi di studi di coorte di popolazione, BMJ (2021). DOI: 10.1136/bmj.n1804

Categorie:Benessere

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.