Mangiare e bere

Quanto sono salutari i melograni?

I melograni possono intimidire un po’. Tagliarne uno aperto richiede una certa precisione. E valgono anche il lavoro per liberare tutti quei piccoli boccioli rosso rubino all’interno? I nutrizionisti la pensano così.

“I melograni sono ricchi di fibre alimentari e antiossidanti”, ha affermato Penny Kris-Etherton, professore di scienze nutrizionali della Evan Pugh University presso la Penn State University di University Park, in Pennsylvania.

Pubblicità e progresso

Il colore rosso del frutto deriva da pigmenti vegetali chiamati polifenoli presenti in molti alimenti a base vegetale che funzionano come antiossidanti nel corpo e aiutano a combattere l’infiammazione e l’invecchiamento.

Quando apri un melograno, trovi una quantità di arilli rossi e rotondi che hanno un sapore dolce ma aspro. All’interno di ogni arillo c’è un piccolo seme.

Va bene mangiare gli arilli interi o attaccare con il succo e sputare i semi. Ma non mangiare la scorza e le aree bianche, chiamate membrane, intorno agli arilli.

Mezza tazza di arilli ha 72 calorie, 16 grammi di carboidrati e tre grammi di fibre. I melograni hanno anche molti folati, potassio e vitamina K.

Originari dell’Iran e dell’India, i “gioielli dell’autunno”, come vengono chiamati i melograni, sono in realtà considerati una bacca.

Crescono principalmente nel Mediterraneo, nel Medio Oriente, nell’Asia meridionale e in alcune parti dell’Arizona e della California. Anche molto tempo fa, i melograni erano associati all’abbondanza, alla fertilità e alla fortuna.

Si ritiene che i melograni aumentino la salute del cuore, anche se secondo il National Institutes of Health, finora la ricerca sulla bacca è ancora limitata.

Kris-Etherton ha affermato che il contenuto di antiossidanti nei melograni potrebbe aiutare a ridurre l’infiammazione e, di conseguenza, a promuovere la salute delle arterie. Tuttavia, il modo in cui i melograni influenzano le malattie cardiache non è noto e richiede ulteriori studi.

Una recensione del 2017 pubblicata su Pharmacological Research su otto studi clinici ha mostrato che il succo di melograno ha ridotto la pressione sanguigna sistolica e diastolica.

L’effetto è rimasto anche quando si consumava succo di melograno in quantità diverse. Gli autori hanno concluso che “potrebbe essere prudente includere questo succo di frutta in una dieta sana per il cuore”.

I risultati, tuttavia, sono contrastanti sul fatto che il succo di melograno aiuti a ridurre il colesterolo. Ricercatori in una recensione del 2019 pubblicata su Complementary

Therapies in Medicine ha esaminato 17 studi, ma non ha riscontrato effetti significativi sul colesterolo. I ricercatori hanno affermato che era difficile confrontare gli studi perché erano progettati in modo diverso e non utilizzavano quantità consistenti di melograno.

Tieni a mente alcune precauzioni prima di impazzire per il melograno.

Poiché può abbassare la pressione sanguigna, Kris-Etherton avverte di consultare prima il medico se si assumono medicinali per la pressione sanguigna. I due insieme potrebbero abbassare troppo la pressione sanguigna.

Inoltre, i melograni potrebbero rallentare la velocità con cui il fegato scompone alcuni tipi di medicinali. Questo include farmaci per abbassare il colesterolo come le statine.

I melograni possono anche interagire con il warfarin, fluidificante del sangue, diminuendo l’effetto fluidificante del sangue e aumentando la possibilità di coagulazione.

Per sicurezza, parla con un operatore sanitario prima di consumare regolarmente frutta di melograno o succo di melograno.

Un piccolo numero di persone può avere problemi digestivi come la diarrea dal consumo di melograni, riporta il NIH.

Anche se probabilmente non mangerai la radice, il gambo e la buccia, consumare troppo di queste parti del frutto potrebbe non essere sicuro.

Per la maggior parte delle persone, i melograni offrono un’altra gustosa opzione per mangiare più frutta. Al negozio, cerca i melograni che sembrano pesanti e hanno la pelle soda. Goditi la frutta da sola o aggiungila a frullati, zuppe e insalate.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.