Mangiare e bere

Una nuova ricerca dimostra che la dieta può portare alla remissione del diabete di tipo 2

Il dottor Jonathan Little è professore associato presso la School of Health and Exercise Sciences di UBC Okanagan
CREDITO: UBC Okanagan

Il cibo a basso contenuto calorico e a basso contenuto di carboidrati, sotto la supervisione del farmacista, può eliminare le medicine

Un cambiamento nella dieta si sta rivelando uno strumento chiave nell’inversione del diabete di tipo 2.

Pubblicità e progresso

Un team di ricercatori della University of British Columbia e della Teesside University in Inghilterra ha pubblicato uno studio che dimostra che le persone possono controllare efficacemente il diabete di tipo 2 attraverso la dieta e che i farmacisti sono ben posizionati per supervisionare la transizione.

La ricerca, pubblicata questa settimana su Nature Communications , faceva parte di uno studio di 12 settimane che coinvolgeva una dieta specializzata gestita da farmacisti locali. Ai partecipanti allo studio, tutti affetti da diabete di tipo 2, è stato somministrato un piano alimentare a basso contenuto calorico, a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto proteico e si sono verificati regolarmente con il loro farmacista che poteva monitorare i loro farmaci.

“Il diabete di tipo 2 può essere trattato, e talvolta invertito, con interventi dietetici”, afferma il coautore dello studio, il dott. Jonathan Little. “Tuttavia, avevamo bisogno di una strategia per aiutare le persone a implementare questi interventi tenendo d’occhio i cambiamenti dei farmaci”.

I farmacisti sono generalmente più accessibili di un medico di famiglia, afferma Little, osservando che le persone con diabete di tipo 2 spesso fanno più visite all’anno dal proprio farmacista rispetto al proprio medico. Ciò è particolarmente vero nelle zone rurali.

“I farmacisti di comunità hanno esperienza nella gestione dei farmaci e possono svolgere un ruolo importante nella cura generale del diabete”, afferma il dott. Little, professore associato presso la School of Health and Exercise Sciences dell’UBC Okanagan. “Quando i pazienti con diabete di tipo 2 seguono una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati o ipocaloriche, è necessario ridurre o eliminare i farmaci ipoglicemizzanti. I farmacisti di comunità sono nella posizione ideale per fornire in modo sicuro ed efficace interventi mirati a ridurre i farmaci per il diabete, promuovendo al contempo la remissione del diabete di tipo 2.

La metà dei partecipanti allo studio ha seguito la dieta ipocalorica, a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto proteico, controllando regolarmente con il proprio farmacista. Dopo 12 settimane, più di un terzo dei partecipanti con diabete di tipo 2 aveva interrotto tutti i farmaci per il diabete, rispetto a nessuno nel gruppo di controllo. Il Dr. Little afferma anche che il primo gruppo ha anche notato miglioramenti sostanziali nel controllo del glucosio, nel peso corporeo medio, nella pressione sanguigna sistolica e nella salute generale.

Il co-investigatore Dr. Alan Batterham, professore presso la School of Health and Life Sciences della Teesside University, presso la Teesside University, afferma che la chiave era un approccio nutrizionale mirato, supervisionato da un farmacista di comunità in grado di monitorare i farmaci prescritti.

“L’intervento è stato efficace nel ridurre la necessità di farmaci ipoglicemizzanti per molti nel nostro studio”, afferma il dott. Batterham. “Ciò indica che i farmacisti di comunità sono un’opzione praticabile e innovativa per implementare interventi nutrizionali a breve termine per le persone con diabete di tipo 2, in particolare quando la gestione dei farmaci è un problema di sicurezza”.

###

La ricerca è stata una collaborazione con Pharmasave, l’Istituto no-profit per la nutrizione terapeutica personalizzata, la Teesside University, insieme alla School of Health and Exercise Sciences dell’UBC, al Life Sciences Institute e al Center for Health Evaluation and Outcome Sciences. I prodotti alimentari sono stati forniti in natura alle farmacie da Ideal Protein. Lo studio è stato parzialmente finanziato da Mitacs con il sostegno salariale fornito al Dr. Little dai Canadian Institutes for Health Research e dalla Michael Smith Foundation for Health Research.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.