Batticuore

Ormoni dello stress elevati legati a un rischio più elevato di ipertensione ed eventi cardiaci

Una donna che sembra stressata alla sua scrivania
copyright American Heart Association

Gli adulti con pressione sanguigna normale e livelli elevati di ormoni dello stress avevano maggiori probabilità di sviluppare la pressione alta e sperimentare eventi cardiovascolari rispetto a coloro che avevano livelli di ormone dello stress più bassi, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su  Hypertension , una rivista dell’American Heart Association.

Gli studi hanno dimostrato che l’esposizione cumulativa a fattori di stress quotidiani e l’esposizione a stress traumatico possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. Un numero crescente di ricerche fa riferimento alla connessione  mente-cuore-corpo , che suggerisce che la mente di una persona può influenzare positivamente o negativamente la salute cardiovascolare, i fattori di rischio cardiovascolare e il rischio di eventi di malattie cardiovascolari, nonché la prognosi cardiovascolare nel tempo.

Pubblicità e progresso

“Gli ormoni dello stress norepinefrina, epinefrina, dopamina e cortisolo possono aumentare con lo stress da eventi della vita, lavoro, relazioni, finanze e altro. E abbiamo confermato che lo stress è un fattore chiave che contribuisce al rischio di ipertensione ed eventi cardiovascolari”, ha affermato l’autore dello studio Kosuke Inoue, MD, Ph.D., assistente professore di epidemiologia sociale presso l’Università di Kyoto a Kyoto, in Giappone. Inoue è anche affiliato al dipartimento di epidemiologia della Fielding School of Public Health dell’Università della California, Los Angeles.

“La ricerca precedente si è concentrata sulla relazione tra i livelli di ormone dello stress e l’ipertensione o gli eventi cardiovascolari in pazienti con ipertensione esistente. Tuttavia, mancavano studi su adulti senza ipertensione”, ha detto Inoue. “È importante esaminare l’impatto dello stress sugli adulti nella popolazione generale perché fornisce nuove informazioni sulla necessità di prendere in considerazione la misurazione di routine degli ormoni dello stress per prevenire l’ipertensione e gli eventi cardiovascolari”.

I soggetti dello studio facevano parte dello studio MESA Stress 1, un sottostudio del Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA), un ampio studio sui fattori di rischio dell’aterosclerosi condotto su oltre 6.000 uomini e donne di sei comunità statunitensi. Come parte degli esami MESA 3 e 4 (condotti tra luglio 2004 e ottobre 2006), i partecipanti bianchi, neri e ispanici con pressione sanguigna normale delle sedi di New York e Los Angeles sono stati invitati a partecipare al sottostudio MESA Stress 1. In questo sottostudio , i ricercatori hanno analizzato i livelli di noradrenalina, epinefrina, dopamina e cortisolo, ormoni che rispondono ai livelli di stress. I livelli ormonali sono stati misurati in un test delle urine notturno di 12 ore. Il sottostudio ha incluso 412 adulti di età compresa tra 48 e 87 anni. Circa la metà erano donne, il 54% erano ispanici, il 22% erano neri e il 24% erano bianchi.

I partecipanti sono stati seguiti per altre tre visite (tra settembre 2005 e giugno 2018) per lo sviluppo di ipertensione ed eventi cardiovascolari come dolore toracico, necessità di una procedura di apertura delle arterie o infarto o ictus.

Noradrenalina, epinefrina e dopamina sono molecole note come catecolamine che mantengono la stabilità in tutto il sistema nervoso autonomo, il sistema che regola le funzioni involontarie del corpo come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la respirazione. Il cortisolo è un ormone steroideo rilasciato quando si sperimenta stress ed è regolato dall’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, che modula la risposta allo stress. 

“Sebbene tutti questi ormoni siano prodotti nella ghiandola surrenale, hanno ruoli e meccanismi diversi per influenzare il sistema cardiovascolare, quindi è importante studiare la loro relazione con l’ipertensione e gli eventi cardiovascolari, individualmente”, ha detto Inoue. 

La loro analisi della relazione tra gli ormoni dello stress e lo sviluppo dell’aterosclerosi ha trovato:

  • In un periodo di follow-up mediano di 6,5 anni, ogni volta che i livelli dei quattro ormoni dello stress sono raddoppiati è stato associato a un aumento del 21-31% del rischio di sviluppare ipertensione.
  • Durante una mediana di 11,2 anni di follow-up, c’è stato un aumento del rischio di eventi cardiovascolari del 90% con ogni raddoppio dei livelli di cortisolo. Non c’era alcuna associazione tra eventi cardiovascolari e catecolamine.

“È difficile studiare lo stress psicosociale poiché è personale e il suo impatto varia da individuo a individuo. In questa ricerca, abbiamo utilizzato una misura non invasiva – un singolo test delle urine – per determinare se tale stress potrebbe aiutare a identificare le persone che necessitano di uno screening aggiuntivo per prevenire l’ipertensione e possibilmente eventi cardiovascolari”, ha detto Inoue.

“La prossima domanda chiave della ricerca è se e in quali popolazioni potrebbe essere utile un aumento dei test sugli ormoni dello stress. Attualmente, questi ormoni vengono misurati solo quando si sospetta l’ipertensione con una causa sottostante o altre malattie correlate. Tuttavia, se uno screening aggiuntivo potrebbe aiutare a prevenire l’ipertensione ed eventi cardiovascolari, potremmo voler misurare questi livelli ormonali più frequentemente”.

Un limite dello studio è che non includeva persone che soffrivano di ipertensione all’inizio dello studio, il che avrebbe portato a una popolazione di studio più ampia. Un’altra limitazione è che i ricercatori hanno misurato gli ormoni dello stress solo tramite un test delle urine e non sono stati utilizzati altri test per la misurazione dell’ormone dello stress.

I coautori sono Tamara Horwich, MD; Roshni Bhatnagar, medico; Karan Bhatt; Deena Goldwater, MD, Ph.D.; Teresa Seeman, Ph.D.; e Karol E. Watson, MD, Ph.D.

Lo studio è stato finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute of the National Institutes of Health, dal Barbara Streisand UCLA Women’s Health Program, dal National Institutes of Health, dal Toffler Award dell’UCLA e dalla borsa di studio della Honjo International Foundation.

Categorie:Batticuore

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.