Benessere

L’esposizione all’inquinamento atmosferico durante la gravidanza ha un impatto a lungo termine sulla salute e sullo sviluppo dei bambini

industry, pollution, smog

Photo by SD-Pictures on Pixabay

Gli effetti negativi dell’esposizione prenatale all’inquinamento atmosferico includono basso peso alla nascita, asma, problemi cognitivi e comportamentali, obesità e diabete

Il particolato (PM) è una componente importante dell’inquinamento atmosferico che è sempre più associato a conseguenze a lungo termine per la salute e lo sviluppo dei bambini. In uno studio recentemente pubblicato su Nature’s  Environmental Health and Preventive Medicine , Natalie Johnson, PhD, professore associato presso la  Texas A&M University School of Public Health, e i suoi coautori hanno sintetizzato i risultati di studi precedenti, revisioni e meta-analisi sugli effetti negativi sulla salute dei due tipi più piccoli di particolato (PM): fine (particelle con un diametro aerodinamico inferiore a 2,5 ?m) e ultrafine ( particelle con diametro aerodinamico inferiore a 1 ?m). Entrambi i tipi di PM possono essere inalati in profondità nel polmone. È stato recentemente dimostrato che le particelle ultrafini entrano in circolo e attraversano anche la barriera placentare, raggiungendo direttamente il feto in via di sviluppo.

Pubblicità e progresso

Negli studi e nelle revisioni dei dati sull’uomo è stata riportata una serie di esiti negativi per la salute associati all’esposizione al PM fine, tra cui basso peso alla nascita, asma e altre condizioni respiratorie croniche, problemi cognitivi e comportamentali, obesità e diabete. La ricerca sugli effetti dell’esposizione prenatale al PM ultrafine non è stata così ampia, ma un numero crescente di prove mostra somiglianze con gli effetti associati all’esposizione al PM fine. Gli studi e le revisioni dei dati ottenuti da modelli animali hanno supportato i risultati degli studi sull’uomo.

Inoltre, alcuni studi hanno esaminato i possibili modi in cui il PM potrebbe causare gli effetti negativi sulla salute osservati. I due ampi meccanismi documentati in letteratura sono diretti (il PM ultrafine attraversa la placenta ed entra nella circolazione fetale) e indiretto (il PM provoca interazioni che provocano stress ossidativo, infiammazione, alterazioni epigenetiche e disturbi endocrini).

I ricercatori hanno anche esaminato possibili trattamenti e politiche che potrebbero ridurre al minimo o addirittura annullare i danni associati all’esposizione prenatale al PM. Gli spazi verdi come i parchi e altre aree con alberi e fogliame offrono una serie di vantaggi per le comunità che li hanno, inclusa una minore esposizione al PM. Gli interventi nutrizionali, compresi i cambiamenti nella dieta materna e l’integrazione di antiossidanti e vitamine, possono fornire effetti protettivi che sono anche associati a  migliori risultati di salute per i bambini  con esposizione prenatale all’inquinamento atmosferico.

“È importante rivedere il corpo della letteratura su un’esposizione ambientale così importante e comune. Questo aiuta nello sviluppo delle politiche e nelle strategie di intervento. Il momento dell’esposizione, come durante la gravidanza, viene riconosciuto come un’importante finestra di suscettibilità. Quindi, proteggere i più vulnerabili può avere un enorme impatto sulla salute pubblica”, ha affermato Johnson.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.