Ricerca

Puoi perdere peso? Chiedi al tuo microbioma

Le associazioni più forti con il successo o il fallimento della perdita di peso, indipendentemente dal BMI, si trovano nella capacità genetica del microbioma intestinale, mostra una nuova ricerca dell’Institute for Systems Biology (ISB)

Le associazioni più forti con il successo o il fallimento della perdita di peso, indipendentemente dall’IMC, si trovano nella capacità genetica del microbioma intestinale. Queste nuove scoperte aprono la porta a test diagnostici in grado di identificare le persone che potrebbero perdere peso con cambiamenti nello stile di vita sano e coloro che potrebbero aver bisogno di interventi più drastici. 

Pubblicità e progresso

I ricercatori dell’ISB hanno esaminato 105 persone che hanno partecipato a un programma di benessere dei consumatori. Circa la metà della coorte ha mostrato una perdita di peso consistente e un miglioramento dei marker di salute metabolica. L’altra metà non ha risposto all’intervento e ha mantenuto un peso stabile. I microbiomi di coloro che hanno perso peso avevano tassi di crescita batterica più elevati ed erano arricchiti di geni che deviano i nutrienti della dieta verso la crescita delle cellule batteriche. Al contrario, i microbiomi in quelli resistenti alla perdita di peso avevano tassi di crescita inferiori, combinati con una maggiore capacità di scomporre le fibre e gli amidi non assorbibili in zuccheri assorbibili. Anche i microbiomi resistenti alla perdita di peso sono stati preparati per affrontare un ambiente intestinale più infiammato. 

“I nostri risultati sottolineano il fatto che il nostro microbioma intestinale è un importante filtro tra il cibo che consumiamo e il nostro flusso sanguigno. La perdita di peso può essere particolarmente difficile quando i nostri batteri intestinali rallentano la propria crescita, scomponendo anche le fibre alimentari in zuccheri ricchi di energia che si fanno strada nel nostro flusso sanguigno prima che possano essere fermentati in acidi organici dal microbiota “, ha affermato il dott. Christian Diener, l’autore principale del giornale.

È importante sottolineare che il team ha esaminato i determinanti della perdita di peso di successo che erano indipendenti dall’IMC. Le persone con un BMI basale più alto tendono a perdere più peso a seguito di un intervento, una condizione nota come effetto “regressione alla media”.

I ricercatori hanno scoperto batteri specifici ( Prevotella e altri generi Bacteroidetes) che sembrano essere più efficienti nell’utilizzare i prodotti di degradazione di amidi e fibre complessi per alimentare la crescita, probabilmente superando la concorrenza del corpo per queste piccole molecole ricche di energia e riducendo la raccolta di energia calorica dal consumo cibo. Garantire che i nostri microbi intestinali possano convertire in modo efficiente gli zuccheri staccati dalle fibre alimentari in acidi grassi a catena corta e/o ridurre l’abbondanza di geni batterici che degradano le fibre nel nostro intestino può aiutare a garantire migliori risposte alla perdita di peso agli interventi sullo stile di vita e un migliore metabolismo Salute.

“Come minimo, questo lavoro può portare alla diagnostica per identificare gli individui che risponderanno bene a moderati cambiamenti nello stile di vita sano e coloro che potrebbero richiedere misure più drastiche per ottenere la perdita di peso”, ha affermato l’ assistente professore dell’ISB Dr. Sean Gibbons , autore corrispondente su la carta. “Capendo quali microbi e processi metabolici aiutano a promuovere la perdita di peso nel microbioma intestinale, possiamo iniziare a progettare interventi prebiotici e probiotici mirati che potrebbero spingere un microbioma resistente alla perdita di peso ad assomigliare più a un microbioma permissivo alla perdita di peso”. 

Categorie:Ricerca

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.