Batticuore

Smettere di fumare dopo un infarto migliora l’umore

I fumatori con depressione al momento di un attacco di cuore che smettono di fumare hanno maggiori probabilità di migliorare il loro umore rispetto a quelli che continuano l’abitudine. Questo è il risultato della ricerca presentata al Congresso ESC 2021. 1,2

Il fumo e la depressione spesso vanno di pari passo ed entrambi sono considerati fattori di rischio per un infarto. 3,4 Questo studio ha esaminato se i pazienti depressi che smettono di fumare dopo un infarto hanno un miglioramento della loro salute mentale rispetto a quelli che continuano a fumare.

Pubblicità e progresso

Lo studio ha arruolato 1.822 pazienti con sindrome coronarica acuta dalla coorte svizzera SPUM-ACS. La sindrome coronarica acuta includeva sia attacchi cardiaci che angina instabile.

Lo status di fumatore è stato valutato tramite questionario al momento del ricovero per sindrome coronarica acuta e un anno dopo. Ad un anno, lo stato di fumatore è stato confermato con un’analisi del respiro del monossido di carbonio. Un totale di 1.076 pazienti erano non fumatori al momento del ricovero e un anno dopo. Pertanto, gli autori hanno suddiviso i restanti 746 fumatori in “fumatori continuativi” (392 pazienti che fumavano al momento del ricovero e un anno dopo, 21,5%) e “smettere di fumare” (354 pazienti che hanno smesso di fumare nell’anno successivo all’evento cardiaco, 19,4 %).

La depressione è stata valutata utilizzando la scala del Centro per gli studi epidemiologici sulla depressione (CES-D) e l’uso di farmaci antidepressivi. I partecipanti sono stati classificati come “depressi” o “non depressi” al basale e ad un anno. Al basale, 411 (22,6%) pazienti erano depressi e 1411 (77,4%) non erano depressi. Ad un anno, 461 (25,3%) pazienti erano depressi e 1361 (74,7%) non erano depressi.

I ricercatori hanno analizzato le associazioni tra fumo e depressione dopo aver aggiustato per età, sesso, indice di massa corporea, istruzione, stato civile, attività fisica, consumo di alcol, diabete, storia di malattie cardiovascolari, frequenza di riabilitazione cardiaca e statine ad alte dosi alla dimissione.

L’analisi è stata condotta sui 411 fumatori depressi al momento del ricovero. I ricercatori hanno esaminato se coloro che smettevano l’anno successivo avevano maggiori probabilità di migliorare i propri sintomi depressivi rispetto a coloro che continuavano a fumare. Rispetto ai fumatori che hanno continuato l’abitudine nell’anno successivo all’evento cardiaco, quelli che hanno smesso di fumare avevano maggiori probabilità di vedere un miglioramento dei loro sintomi depressivi e di essere classificati come “non depressi” (odds ratio aggiustato 2,10; 95% CI 1,07-4,09). ).

L’autrice dello studio, la signora Kristina Krasieva, una studentessa di medicina presso l’Università di Losanna, in Svizzera, ha dichiarato: “Ricerche precedenti hanno dimostrato che la cessazione del fumo è associata a benefici per la salute mentale 5 e il nostro studio estende questo modello ai sopravvissuti a un attacco di cuore. Speriamo che i risultati incoraggino i fumatori che hanno subito un infarto a liberarsi dal vizio».

Riferimenti e note

1 Titolo dell’abstract: Impatto della cessazione del fumo sulla depressione dopo sindrome coronarica acuta.

2 Conferenza stampa: “Heart health made easy” giovedì 26 agosto dalle 17:00 alle 18:00 CEST.

3 Luger TM, Suls J, Vander Weg MW. Quanto è solida l’associazione tra fumo e depressione negli adulti? Una meta-analisi che utilizza modelli lineari a effetti misti. Addict Behav . 2014;39:1418–1429.

4 Rajan S, McKee M, Rangarajan S, et al . Associazione dei sintomi della depressione con le malattie cardiovascolari e la mortalità nei paesi a basso, medio e alto reddito. JAMA Psychiatry . 2020;77:1052-1063.

5 Taylor GMJ, Lindson N, Farley A, et al . Smettere di fumare per migliorare la salute mentale. Cochrane Database Syst Rev . 2021;3:CD013522.

 

Categorie:Batticuore, Benessere

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.