Terapie

Carenza nell’UE di farmaci per l’artrite a causa dell’uso come trattamento per casi gravi di COVID-19

L’Alleanza europea delle associazioni per la reumatologia, EULAR, desidera evidenziare la crescente carenza di farmaci antinfiammatori vitali utilizzati nel trattamento dell’artrite, della vasculite e di altri RMD infiammatori.

Sostienici con un acquisto o donazione

Il presidente dell’EULAR, la professoressa Annamaria Iagnocco, afferma che “EULAR è consapevole che sempre più Stati membri dell’UE stanno vivendo una carenza di farmaci antinfiammatori essenziali e che alcuni produttori hanno evidenziato la prospettiva di una carenza globale nei prossimi mesi.

Pur riconoscendo che molti farmaci tradizionalmente utilizzati per il trattamento delle malattie reumatiche e muscoloscheletriche (RMD) sono diventati le principali terapie per il COVID-19, i produttori e i governi devono adottare misure urgenti per garantire che questa maggiore domanda non influisca sulla vita e sui mezzi di sussistenza degli europei affetti da RMD.

Questi sono farmaci essenziali per molte persone affette da disturbi da reflusso gastroesofageo, come l’artrite e la vasculite, che non solo aiutano a mitigare la disabilità e gli impatti sociali e occupazionali associati ai disturbi da disturbi reumatici, ma anche lo sviluppo di comorbilità comuni come cancro, diabete e malattie cardiovascolari .

EULAR chiede parità di accesso a questi farmaci da parte degli operatori sanitari e dei relativi produttori; e ci uniamo al pilastro dell’appartenenza alla nostra associazione di pazienti, Persone con artrite e reumatismi in Europa, PARE, nell’invitare i produttori a migliorare rapidamente la produzione per soddisfare le crescenti esigenze cliniche.

Un approccio equilibrato è essenziale per garantire di soddisfare gli imperativi della pandemia in corso e rispettare le esigenze di coloro che già beneficiano dell’uso di questo medicinale, per alcuni dei quali è un farmaco essenziale”.

Per molti pazienti COVID-19, una risposta eccessivamente vigorosa crea uno stato infiammatorio sistemico grave, la cosiddetta tempesta di citochine, caratterizzato dalla creazione di molti prodotti infiammatori e che può provocare gravi danni polmonari e morte. È così che il COVID-19 tende a uccidere.

Quando è diventato ovvio che, oltre all’impatto diretto della malattia, il COVID-19 stava causando decessi attraverso stati iper-infiammatori molto simili agli RMD, gli operatori sanitari di reumatologia sono venuti alla ribalta. Durante la pandemia, molti farmaci antinfiammatori e immunosoppressori RMD sono stati riproposti per il trattamento di pazienti con gravi sintomi di COVID-19, in particolare una classe di farmaci chiamati glucocorticoidi.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Terapie

Con tag:,