Ricerca

L’esposizione ai PFAS può influenzare la capacità delle donne di allattare

Il latte di cammello viene consumato principalmente in Medio Oriente e in alcune parti dell’Africa, ma negli ultimi anni è diventato di moda in Occidente. Credito: Africa Studio / Shutterstock

Lo studio rileva che le sostanze chimiche dannose possono indurre le donne a interrompere l’allattamento al seno prematuramente

Sostienici con un acquisto o donazione

WASHINGTON— Le donne con livelli più alti di PFAS nel loro sistema potrebbero avere il 20% in più di probabilità di interrompere l’allattamento al seno in anticipo, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society .

Le sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) sono sostanze chimiche artificiali utilizzate come idrorepellenti e oleorepellenti e rivestimenti per prodotti comuni tra cui pentole, tappeti e tessuti. Queste sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino non si degradano quando vengono rilasciate nell’ambiente e continuano ad accumularsi nel tempo. Le sostanze chimiche PFAS possono influenzare gli esiti della gravidanza, i tempi della pubertà e altri aspetti della salute riproduttiva.

“I nostri risultati sono importanti perché quasi tutti gli esseri umani sul pianeta sono esposti a PFAS. Queste sostanze chimiche artificiali si accumulano nei nostri corpi e hanno effetti dannosi sulla salute riproduttiva”, ha affermato la prima autrice dello studio Clara Amalie Gade Timmermann, Ph.D., assistente professore dell’Università della Danimarca meridionale a Copenhagen, Danimarca. “Lo svezzamento precoce indesiderato è stato tradizionalmente attribuito a fattori psicologici, che sono senza dubbio importanti, ma si spera che la nostra ricerca aiuti a spostare l’attenzione e a evidenziare che non tutte le madri possono allattare nonostante le buone intenzioni e il sostegno della famiglia e degli operatori sanitari”.

I ricercatori hanno analizzato campioni di sangue per le concentrazioni di PFAS e prolattina da un massimo di 1.286 donne incinte della Odense Child Cohort. Le donne hanno fornito informazioni sulla durata dell’allattamento al seno in messaggi di testo settimanali o questionari a tre e diciotto mesi dopo il parto. I ricercatori hanno scoperto che le donne con livelli più alti di PFAS nel loro sistema avevano il 20% in più di probabilità di interrompere l’allattamento al seno in anticipo.

“Poiché l’allattamento al seno è fondamentale per promuovere la salute sia del bambino che della madre, gli effetti negativi del PFAS sulla capacità di allattare al seno possono avere conseguenze sulla salute a lungo termine”, ha affermato Timmermann.

Altri autori dello studio includono: Marianne Skovsager Andersen e Henriette Boye dell’ospedale universitario di Odense in Danimarca; Esben Budtz-Jørgensen dell’Università di Copenaghen; Flemming Nielsen dell’Università della Danimarca meridionale; Richard Christian Jensen, Steffen Husby e Tina Kold Jensen dell’Università della Danimarca meridionale e dell’ospedale universitario di Odense; Signe Bruun dell’ospedale universitario di Odense, dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Arla Foods Ingredients Group; e Philippe Grandjean dell’Università della Danimarca meridionale e della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts.

Lo studio ha ricevuto finanziamenti dal Fondo di ricerca indipendente Danimarca, dall’Ospedale universitario di Odense, dalla Regione della Danimarca meridionale, dal Comune di Odense, dal Servizio di salute mentale della Regione della Danimarca meridionale, dall’Odense Patient data Explorative Network, da Novo Nordisk e dal National Istituto di Scienze della Salute Ambientale.

Il manoscritto, “Esposizione in gravidanza a sostanze perfluoroalchiliche, concentrazioni di prolattina e allattamento al seno nella coorte di bambini di Odense”, è stato pubblicato online, prima della stampa.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Ricerca

Con tag: