Mangiare e bere

Attenti al lupino

Semi di Lupino
Credito: Università Edith Cowan

Come stiamo prendendo l’ultimo superfood mainstream, con la scienza?
I lupini sono stati a lungo pubblicizzati come il prossimo superalimento, in grado combattere le malattie cardiache, il diabete e l’obesità e una nuova ricerca della Edith Cowan University ha compiuto un passo importante per trasformarlo in realtà.

Sostienici con un acquisto o donazione

Ci sono diversi ostacoli significativi prima che i lupini possano diventare il prossimo cavolo riccio o acai e tutti tornino alle proteine

Queste proteine ??possono influenzare il gusto, le proprietà nutritive e la produzione dei lupini sia dal punto di vista della resa che della redditività.

Inoltre, non sono conosciuti come prodotti per il consumo umano con la stragrande maggioranza del raccolto annuale australiano viene utilizzato come mangime per le scorte.

I lupini sono uno dei soli 10 alimenti soggetti all’etichettatura obbligatoria degli allergeni in Australia. Ora i ricercatori dell’ECU e dell’agenzia scientifica nazionale australiana, il CSIRO, stanno sviluppando metodi che possono aiutare i produttori di alimenti a fornire ingredienti ad alto contenuto proteico a valore aggiunto nel rispetto delle normative sull’etichettatura degli alimenti.

Lo sviluppo di strumenti per selezionare le varietà di lupino con caratteristiche alimentari ideali vedrà il lupino trasformato da mangime a superalimento.

La ricerca mira anche a favorire le strategie di allevamento del lupino identificando varietà di lupini ipoallergenici (a basso contenuto di allergeni).

Portare i test al livello successivo

Arineh Tahmasian, dottoranda in ECU, ha guidato lo sviluppo di un nuovo regime di test per identificare più di 2.500 proteine ??diverse nei lupini.

“Mentre i precedenti studi di proteomica del lupino si sono concentrati solo sulle proteine ??dei semi più abbondanti, siamo stati in grado di identificare e quantificare migliaia di proteine ??dai semi di lupino”, ha affermato.

“Esaminando queste proteine, possiamo ottenere informazioni sui processi che influenzano il profilo nutrizionale, il gusto e il contenuto allergenico dei semi di lupino.

“Possiamo anche scoprire le proteine ??chiave responsabili di importanti tratti agricoli come la tolleranza ambientale, la resistenza alle malattie e l’aumento della resa”.

Questo lavoro consentirà al team di identificare caratteristiche importanti in diverse varietà di lupino per consentire agli allevatori di selezionare o sviluppare varietà adatte a nuovi mercati.

Liberare i lupini

Circa un terzo degli australiani aggiunge alla propria dieta i legumi come fonte di proteine ??vegetali e prive di glutine, insieme alle fonti proteiche tradizionali come la carne.

La signora Tahmasian ha affermato che i semi di lupino sono incredibilmente nutrienti; tuttavia, solo il 4% circa del raccolto annuale viene consumato dall’uomo.

“I semi di lupino sono molto nutrienti, con un alto contenuto di proteine ??e fibre alimentari e bassi livelli di carboidrati e grassi”, ha detto.

“Sono comunemente usati nei prodotti senza glutine e sempre più come booster proteico nei prodotti a base di carne a base vegetale”.

“La ricerca ha anche dimostrato che i lupini possono ridurre il rischio di obesità e di sviluppare malattie cardiache e diabete di tipo 2”.

Un mercato alle strette

L’Australia rappresenta circa il 55% del raccolto globale di lupini, che viene coltivato principalmente nell’Australia occidentale.

Circa 550.000 tonnellate di lupini sono state coltivate in WA nel 2020-2021, ma meno di 10.000 tonnellate sono state utilizzate per il consumo umano.

I lupini sono utilizzati principalmente come mangime per bovini, suini, pollame e acquacoltura e nella rotazione delle colture per le fattorie di grano.

La ricerca di ECU in collaborazione con CSIRO mira ad aumentare l’adozione di fonti proteiche complementari attraverso la Future Protein Mission .

La missione mira ad aiutare i produttori, i coltivatori e i trasformatori australiani a guadagnare ulteriori 10 miliardi di dollari sfruttando la crescente domanda globale di proteine ??di alta qualità.

“Valutazione dei metodi di estrazione delle proteine ??per l’analisi approfondita del proteoma dei semi di lupino a foglia stretta ( Lupinus angustifolius )” è stato pubblicato sulla rivista Food Chemistry .

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: