Benessere

Diabete: non mi torna in mente

note, office, business

Photo by geralt on Pixabay

Il test di tolleranza al glucosio di due ore prevede il declino della memoria episodica

Sostienici con un acquisto o donazione

Il diabete è un fattore di rischio per il declino cognitivo. In uno studio dell’Università di Turku e dell’Istituto finlandese per la salute e il benessere, i ricercatori hanno osservato che già un livello di glucosio di due ore più alto nel test di tolleranza al glucosio prevede prestazioni peggiori in un test che misura la memoria episodica dopo dieci anni. Il declino della memoria episodica è uno dei primi sintomi della malattia di Alzheimer.

Il diabete è noto per essere un fattore di rischio indipendente per i disturbi della memoria. Precedenti studi hanno dimostrato che i fattori di rischio per il diabete, come l’obesità, la sindrome metabolica e la ridotta sensibilità all’insulina sono associati al declino delle funzioni cognitive e all’aumento del rischio di sviluppare disturbi della memoria. La glicemia a digiuno non è uno strumento altrettanto valido per misurare il rischio e, secondo un precedente rapporto dello studio Health 2000, non prevedeva il declino delle funzioni di memoria.

Il glucosio a due ore in un test di tolleranza al glucosio è un test comunemente usato nei servizi sanitari, dove viene utilizzato per studiare se la persona sottoposta a test ha il diabete o una ridotta tolleranza al glucosio. Secondo la definizione, una persona ha una ridotta tolleranza al glucosio quando il livello di glucosio nel test di tolleranza al glucosio di due ore è elevato, ma i criteri diagnostici per il diabete non sono soddisfatti. 

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno studiato se i livelli di glucosio del test di tolleranza al glucosio di due ore sono collegati alle funzioni cognitive dopo un periodo di follow-up di dieci anni. Le indagini sono state condotte nel 2000-2002 e nel 2011 per un totale di 961 partecipanti. La memoria e altre funzioni cognitive sono state misurate con tre test comunemente usati, ad esempio, nella diagnostica e nel follow-up di pazienti affetti da disturbi della memoria. 

Lo studio ha suggerito che un livello di glucosio nel sangue più alto misurato in un test di tolleranza al glucosio nel 2001-2002 era associato a prestazioni più deboli in un test di memoria condotto nel 2011, in cui i partecipanti avevano bisogno di ricordare un elenco di parole precedentemente apprese dopo un ritardo. 

– Il livello di glucosio misurato nel test di tolleranza al glucosio di due ore è stato anche associato a un maggiore calo dei risultati del test durante il periodo di follow-up. Le analisi hanno preso in considerazione i più importanti fattori di rischio noti dei disturbi della memoria come l’età, il livello di istruzione, la pressione sanguigna elevata, il livello di colesterolo elevato, l’obesità, il diabete di tipo 2 e il fumo, afferma il primo autore, il dottorando Sini Toppala dell’Università di Turku. 

Lo studio si basa sul sondaggio Health 2000 basato sulla popolazione dell’Istituto finlandese per la salute e il benessere e sui suoi dati supplementari raccolti nel 2001-2002, nonché sul suo follow-up, lo studio Health 2011. Durante la prima indagine, i partecipanti avevano un’età compresa tra 45 e 74 anni (media 55,6 anni).

– Lo studio mostra che il test di tolleranza al glucosio aiuta a identificare i pazienti con ridotta tolleranza al glucosio che hanno un aumentato rischio di declino cognitivo. Questo è importante per mirare gli interventi, spiega Toppala. 

L’articolo di ricerca è stato pubblicato come versione online prima della stampa il 15 agosto 2021. La pubblicazione dello studio è prevista in un prossimo numero di Diabetes Care , attualmente disponibile online all’indirizzo: https://care.diabetesjournals.org/content /inizio/2021/08/09/dc21-0042 .

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Benessere

Con tag:,