Terapie

L’ipoglicemia notturna nel diabete di tipo 1 e di tipo 2

Un aggiornamento su prevalenza, prevenzione, fisiopatologia e consapevolezza del paziente.

Sostienici con un acquisto o donazione

Nonostante i notevoli progressi nel trattamento del diabete, la prevalenza di ipoglicemia notturna e nel diabete mellito di tipo 1 (T1DM) e  nel tipo 2 (T2DM) trattati in modo intensivo con insulina rimane alto.

Il presente lavoro sviluppato da un gruppo di medici USA, descrive la prevalenza dell’ipoglicemia notturna come riportato in studi osservazionali e controllati randomizzati. Vengono evidenziati i fattori che influenzano il rischio di ipoglicemia. Gli autori descrivono anche una ridotta consapevolezza dell’ipoglicemia e dei metodi di prevenzione disponibili.

Opinione degli esperti: la prevenzione dell’ipoglicemia notturna comprende interventi comportamentali, dietetici e farmacologici. Lo sviluppo più recente con il tasso più basso di ipoglicemia sono le pompe potenziate da sensori con tecnologia di sospensione predittiva a basso contenuto di glucosio. Queste pompe combinano l’infusione continua di insulina sottocutanea con il monitoraggio continuo del glucosio e utilizzano vari algoritmi per prevedere e arrestare l’ipoglicemia prima che si sviluppi.

Pubblicato in: Expert Review of Endocrinology & Metabolism 

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Terapie

Con tag: