Equilibrio

Rispettare le raccomandazioni sul sonno potrebbe portare a spuntini più intelligenti

Lo studio collega meno sonno a una maggiore assunzione di calorie non alimentari

Sostienici con un acquisto o donazione

Perdere le sette o più ore di sonno raccomandate per notte potrebbe portare a maggiori opportunità di fare scelte di spuntini più scarse rispetto a quelle fatte da persone che rispettano le linee guida per gli occhi chiusi, suggerisce un nuovo studio.

L’analisi dei dati su quasi 20.000 adulti americani ha mostrato un legame tra il mancato rispetto delle raccomandazioni sul sonno e il consumo di più carboidrati, zuccheri aggiunti, grassi e caffeina legati agli snack.

Si scopre che le categorie di alimenti non alimentari preferite – snack salati, dolci e bevande analcoliche – sono le stesse tra gli adulti indipendentemente dalle abitudini del sonno, ma coloro che dormono meno tendono a mangiare più calorie degli snack in un giorno in generale.

La ricerca ha anche rivelato quella che sembra essere un’abitudine popolare americana non influenzata da quanto dormiamo: fare spuntini durante la notte.

“Di notte, beviamo le nostre calorie e mangiamo molti cibi pronti”, ha detto  Christopher Taylor , professore di  dietetica medica  presso la  School of Health and Rehabilitation Sciences  presso l’Ohio State University e autore senior dello studio.

“Non solo non stiamo dormendo quando stiamo alzati fino a tardi, ma stiamo facendo tutti questi comportamenti legati all’obesità: mancanza di attività fisica, aumento del tempo davanti allo schermo, scelte alimentari che consumiamo come spuntini e non come pasti. Quindi crea questo impatto maggiore di incontrare o non soddisfare le raccomandazioni sul sonno.

L’American Academy of Sleep Medicine and Sleep Research Society raccomanda che gli adulti dormano regolarmente sette ore o più a notte per promuovere una salute ottimale. Dormire meno di quanto raccomandato è associato a un rischio più elevato di una serie di problemi di salute, tra cui aumento di peso e obesità, diabete, ipertensione e malattie cardiache.

“Sappiamo che la mancanza di sonno è collegata all’obesità su una scala più ampia, ma sono tutti questi piccoli comportamenti che sono ancorati a come ciò accade”, ha detto Taylor.

L’abstract dello studio è pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics e la ricerca sarà presentata in una sessione poster il 18 ottobre alla Food & Nutrition Conference & Expo 2021 .

I ricercatori hanno analizzato i dati di 19.650 adulti statunitensi di età compresa tra 20 e 60 anni che avevano partecipato dal 2007 al 2018 al National Health and Nutrition Examination Survey .

L’indagine raccoglie richiami dietetici nelle 24 ore di ciascun partecipante – dettagliando non solo cosa, ma anche quando, tutto il cibo è stato consumato – e interroga le persone sulla quantità media di sonno notturno durante la settimana lavorativa.

Il team dello stato dell’Ohio ha diviso i partecipanti in coloro che hanno soddisfatto o meno le raccomandazioni sul sonno in base al fatto che abbiano riferito di dormire sette o più ore o meno di sette ore ogni notte. Utilizzando i database del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti , i ricercatori hanno stimato l’assunzione di nutrienti legata agli snack dei partecipanti e hanno classificato tutti gli snack in gruppi di alimenti. Per l’analisi sono stati stabiliti tre intervalli di tempo per lo spuntino: 2:00-11:59 per la mattina, mezzogiorno-17:59 per il pomeriggio e 18:00-1:59 per la sera.

L’analisi statistica ha mostrato che quasi tutti – il 95,5% – hanno mangiato almeno uno spuntino al giorno e oltre il 50% delle calorie degli spuntini tra tutti i partecipanti proveniva da due ampie categorie che includevano bibite gassate ed energetiche e patatine, salatini, biscotti e pasticcini.

Rispetto ai partecipanti che dormivano sette o più ore a notte, quelli che non rispettavano le raccomandazioni sul sonno avevano maggiori probabilità di mangiare uno spuntino mattutino e meno probabilità di mangiare uno spuntino pomeridiano, e mangiavano quantità maggiori di snack con più calorie e meno valore nutritivo.

Sebbene ci siano molti fattori fisiologici in gioco nella relazione del sonno con la salute, Taylor ha affermato che cambiare il comportamento evitando in particolare il cibo notturno potrebbe aiutare gli adulti non solo a soddisfare le linee guida del sonno, ma anche a migliorare la loro dieta.

“Soddisfare le raccomandazioni sul sonno ci aiuta a soddisfare quella specifica esigenza di sonno correlata alla nostra salute, ma è anche legata al non fare cose che possono nuocere alla salute”, ha affermato Taylor, un dietista registrato. “Più a lungo siamo svegli, più opportunità abbiamo di mangiare. E di notte, quelle calorie provengono da snack e dolci. Ogni volta che prendiamo queste decisioni, introduciamo calorie e prodotti correlati all’aumento del rischio di malattie croniche e non riceviamo cereali integrali, frutta e verdura.

“Anche se sei a letto e cerchi di addormentarti, almeno non sei in cucina a mangiare, quindi se riesci a metterti a letto, questo è un punto di partenza”.

I coautori dello studio includono Emily Potosky, Randy Wexler e Keeley Pratt, tutti dello stato dell’Ohio.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Equilibrio

Con tag:,