Batticuore

L’aumento del rischio di malattie cardiache può essere collegato alla sensibilità all’ormone dello stress

stress, relaxation, relax

Photo by geralt on Pixabay

Le persone particolarmente sensibili agli ormoni dello stress mostrano anche marcatori che suggeriscono che sono a maggior rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, secondo una ricerca presentata al 59° incontro annuale della Società europea di endocrinologia pediatrica . Lo studio mirava a creare un test che potesse distinguere tra persone sensibili e resistenti agli ormoni dello stress, per aiutare i medici a determinare meglio i risultati terapeutici e ridurre al minimo gli effetti avversi in coloro che richiedono un trattamento con glucocorticoidi. È interessante notare che il profilo proteico associato alla sensibilità ai glucocorticoidi includeva un aumento dei marcatori di rischio di disturbi legati allo stress come ictus e infarto e potrebbe indicare nuove possibilità per la diagnostica o la terapia in queste aree.

I glucocorticoidi (GC) sono un gruppo di ormoni prodotti naturalmente nel corpo, uno dei quali è il cortisolo, l’ormone dello stress, e sono essenziali per il metabolismo e per una sana funzione immunitaria. Agiscono come antinfiammatori e sono abitualmente usati per trattare allergie, asma e altre condizioni che coinvolgono un sistema immunitario iperattivo. Tuttavia, le persone rispondono in modo diverso ai GC. Un test che distingua tra persone sensibili e resistenti sarebbe molto utile per migliorare gli esiti del trattamento. Le proteine ??nel nostro corpo sono responsabili del riconoscimento, del trasporto e dell’azione degli ormoni come i GC, quindi è possibile che i profili proteici delle persone sensibili e resistenti possano indicare l’efficacia dei GC.  

In questo studio, il dott. Nicolas Nicolaides e i suoi colleghi ad Atene, in Grecia, hanno studiato se fosse possibile identificare un insieme di proteine ??in grado di distinguere tra persone sensibili al GC e resistenti. 101 volontari sani hanno ricevuto una bassa dose di GC, desametasone, quindi classificati dal più sensibile al più resistente, in base ai loro livelli di cortisolo nel sangue la mattina seguente. I campioni dal 10% superiore e inferiore sono stati quindi analizzati utilizzando la spettrometria di massa con cromatografia liquida per identificare le differenze nel profilo proteico tra questi gruppi. Il gruppo sensibile aveva 110 proteine ??sovraregolate e 66 sottoregolate rispetto al gruppo resistente. Delle proteine ??sovraregolate nel gruppo sensibile, molte erano associate a una maggiore coagulazione del sangue, alla formazione di placche amiloidi nel morbo di Alzheimer e alla funzione immunitaria.

Il dottor Nicolaides afferma: “I nostri risultati mostrano, per la prima volta, come una maggiore sensibilità ai glucocorticoidi possa essere associata a disturbi legati allo stress, inclusi infarti del miocardio e del cervello, che potrebbero portare a nuovi interventi terapeutici”.

Sebbene il dottor Nicolaides metta in guardia: “Questo era uno studio piccolo, quindi sono necessari ulteriori studi più ampi per confermare le differenze osservate tra le persone sensibili ai glucocorticoidi e resistenti”.

Questo studio faceva parte di un progetto più ampio, che prevedeva analisi genetiche e metaboliche in soggetti sani con differenze nella sensibilità dei tessuti ai glucocorticoidi. Il team ora prevede di eseguire studi più ampi per confermare questi risultati e sviluppare un profilo distintivo per identificare questi gruppi di pazienti, che potrebbero anche avere una maggiore suscettibilità ai disturbi legati allo stress.

Il dott. Nicolaides commenta: “Ipotizziamo che se le persone più sensibili ai glucocorticoidi sono esposte a uno stress eccessivo o prolungato, l’aumento dell’attivazione delle cellule del sangue potrebbe predisporle alla formazione di coaguli nel cuore e nel cervello, portando ad infarti o ictus. Potremmo potenzialmente identificare quelli più a rischio e che necessitano di gestione dello stress”.

Categorie:Batticuore

Con tag:,,