Benessere

#EASD2021 Lo studio scopre perché COVID-19 è più mortale per alcune persone con diabete rispetto ad altre

3D print of a spike protein of SARS-CoV-2, the virus that causes COVID-19–in front of a 3D print of a SARS-CoV-2 virus particle. The spike protein (foreground) enables the virus to enter and infect human cells. On the virus model, the virus surface (blue) is covered with spike proteins (red) that enable the virus to enter and infect human cells. Credit: NIH

Una nuova ricerca presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), tenutasi online quest’anno, ha esplorato se il COVID-19 è più mortale per alcune persone con diabete che per altre.

Sostienici con un acquisto o donazione

Ha scoperto che il diabete di tipo 2 è associato a un rischio di mortalità più elevato nei  pazienti COVID ospedalizzati rispetto al diabete di tipo 1.

Anche la combinazione di un’età avanzata e di un’elevata proteina C-reattiva (CRP) è stata collegata a un rischio più elevato di morte.

Anche i giovani (sotto i 70 anni) con malattia renale cronica, una comune complicanza a lungo termine del diabete, avevano una maggiore probabilità di morire.

Il BMI, tuttavia, non era legato alla sopravvivenza.

Le informazioni sono state utilizzate per creare un modello semplice che può essere utilizzato per prevedere quali pazienti sono a più alto rischio di morte.

Mentre le persone con diabete non hanno maggiori probabilità di contrarre COVID-19 rispetto ad altre, hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente se lo prendono.    Non è stato chiaro, tuttavia, se determinate caratteristiche mettano alcune persone con diabete a un rischio maggiore di malattie gravi e morte rispetto ad altre.

Lo studio ACCREDIT, condotto dal dott. Daniel Kevin Llanera e dalla dott.ssa Rebekah Wilmington, presso il Countess of Chester NHS Foundation Trust, Inghilterra, Regno Unito, e colleghi, ha cercato collegamenti tra una serie di caratteristiche cliniche e biochimiche e il rischio di mortalità entro sette giorni dal ricovero ospedaliero in pazienti affetti da COVID-19 con diabete.

I 1.004 pazienti di sette ospedali nel nord-ovest dell’Inghilterra avevano un’età media di 74,1. La maggior parte (60,7%) era di sesso maschile e il 45% viveva in aree classificate come le più svantaggiate del Regno Unito (in base all’indice di deprivazione multipla del governo).

L’IMC mediano era 27,6 e il 56,2% presentava complicanze macrovascolari del diabete (ad es. infarto o ictus) e il 49,6% presentava complicanze microvascolari (ad es. neuropatia o retinopatia).

Il 7,5% è stato ricoverato in terapia intensiva e il 24% è deceduto entro sette giorni dal ricovero in ospedale .   La maggiore deprivazione socioeconomica e l’età avanzata dei pazienti studiati possono aiutare a spiegare perché la mortalità a sette giorni era più alta rispetto ad altri studi, afferma il dott. Llanera. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

Circa un paziente su dieci (9,8%) ha richiesto infusioni di insulina, il che significa che sono passati da altri trattamenti all’insulina per via endovenosa per controllare meglio la glicemia.

L’analisi ha mostrato che quelli con diabete di tipo 2 avevano 2,5 volte più probabilità di morire entro sette giorni dal ricovero rispetto a quelli con altri tipi di diabete.   Gli autori dello studio affermano che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il diabete di tipo 2 di solito si verifica nelle persone anziane e può essere accompagnato da altre condizioni di salute di vecchia data, esponendole a un rischio maggiore di esiti peggiori.

Coloro che avevano infusioni di insulina avevano, tuttavia, la metà delle probabilità di morire di quelli che non avevano bisogno di insulina per via endovenosa. Gli autori dello studio affermano che questo potrebbe essere un indizio del fatto che un migliore controllo della glicemia può migliorare i risultati nei pazienti con grave COVID e diabete.

Anche il rischio di morte era più alto tra gli under-70 con malattia renale cronica. Avevano 2,74 volte più probabilità di morire rispetto agli under 70 senza malattia renale cronica.

La dottoressa Llanera, che si è recentemente trasferita dalla Countess of Chester NHS Foundation Trust all’Imperial College di Londra, afferma: “Secondo diversi studi, i pazienti con malattia renale diabetica hanno uno stato pro-infiammatorio cronico e una disregolazione immunitaria, che rende difficile combattere off’ il virus rispetto a qualcuno che ha un sistema immunitario che funziona correttamente.

“Inoltre, i recettori ACE2 sono sovraregolati nei reni dei pazienti con malattia renale diabetica. Si tratta di molecole che facilitano l’ingresso di SARS-COV-2 nelle cellule . Ciò può portare all’attacco diretto dei reni da parte del virus, portando eventualmente a risultati complessivi peggiori”.

La combinazione di età avanzata e alta PCR (un marker di infiammazione) è stata collegata a un rischio di morte più di tre volte (3,44) più elevato entro il giorno 7. Gli autori dello studio affermano che una PCR più elevata è correlata a un alto grado di infiammazione, che può eventualmente portare a insufficienza d’organo.

I dati sono stati utilizzati per creare un modello che, se applicato a un paziente con caratteristiche demografiche simili, può prevedere un rischio più elevato di morte in 7 giorni utilizzando solo l’età e la PCR come variabili.

Il dottor Llanera afferma: “Entrambe queste variabili sono facilmente disponibili durante il ricovero in ospedale. Ciò significa che possiamo facilmente identificare i pazienti all’inizio della loro degenza ospedaliera che probabilmente richiederanno interventi più aggressivi per cercare di migliorare la sopravvivenza”.

A differenza di alcuni studi precedenti, BMI e HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue) non sono stati associati alla morte.

Né è stata osservata alcuna associazione significativa con le complicanze del diabete, a parte la malattia renale cronica, o l’uso di ACE-inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB) – tipi di farmaci per la pressione sanguigna.

La percentuale di pazienti (9,8%) passati alle infusioni di insulina è superiore alla cifra tipica dell’8%, suggerendo che i pazienti Covid richiedono livelli più elevati di input da parte dei team per il diabete ricoverati.

Il dottor Llanera conclude: “Per aiutare i nostri pazienti con diabete a sopravvivere a questa pandemia, avevamo bisogno di esplorare ulteriormente ciò che li rende a rischio di esiti peggiori.

“Questi risultati consentiranno ad altri ricercatori e medici di scoprire come possiamo intervenire al meglio, permettendoci di fornire ai nostri pazienti il ??trattamento più appropriato”.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Benessere, EASD2021

Con tag:,