Benessere

#EASD2021 No demenza

head, brain, man

Photo by geralt on Pixabay

I cambiamenti dello stile di vita e l’adesione agli obiettivi di trattamento possono ridurre notevolmente il rischio di demenza in eccesso nelle persone con diabete di tipo 2, suggerisce uno studio condotto nel Regno Unito e nei Paesi Bassi

Sostienici con un acquisto o donazione

Uno studio su quasi 88.000 persone suggerisce che affrontare sette fattori di rischio per diabete di tipo 2 – fumo, aumento della glicemia, ipertensione, obesità, mancanza di esercizio fisico, dieta malsana e assenza di albuminuria (un segno di danno renale) può ridurre sostanzialmente il rischio di sviluppare demenza nei soggetti con diabete di tipo 2.

Le persone con diabete di tipo 2 hanno un aumentato rischio di demenza, ma cambiamenti nello stile di vita come smettere di fumare e seguire una dieta sana, insieme all’aderenza agli obiettivi terapeutici come il controllo della glicemia, possono essere in grado di di ridurre tale eccesso di rischio , secondo una nuova ricerca di essere presentata al l’Associazione europea per lo Studio del diabete (EASD), che si tiene in linea di quest’anno (27 settembre – 1 ottobre).

Analizzando le scansioni cerebrali e le informazioni mediche di quasi 88.000 volontari (oltre 10.000 con diabete di tipo 2 e più di 77.000 controlli, età media 57 anni) nel database UK Biobank per una media di 9 anni, i ricercatori hanno scoperto che il rischio di demenza era progressivamente inferiore nei soggetti con diabete di tipo 2 che presentavano un numero maggiore di fattori di rischio entro i livelli target raccomandati dalle linee guida (p. es., non fumare, un peso sano e livelli raccomandati di zucchero nel sangue e pressione sanguigna), rispetto ai controlli senza diabete – con un Rischio di demenza inferiore del 20% per ogni fattore di rischio aggiuntivo all’interno dell’intervallo target.

Inoltre, anche le differenze nelle prestazioni cognitive e nelle anomalie strutturali del cervello erano progressivamente più piccole con una maggiore aderenza a questi obiettivi. I risultati sono stati replicati nello studio di Maastricht, una coorte indipendente basata sulla popolazione dei Paesi Bassi.

Il mantenimento dei livelli raccomandati di zucchero nel sangue, l’essere un non fumatore e l’assenza di albuminuria ( un segno di danno renale) sembravano essere i più potenti fattori di riduzione del rischio.

Lo studio è il primo a indagare i collegamenti tra una gamma così ampia di fattori di rischio e il rischio di demenza e la presenza di disfunzioni cognitive e anomalie strutturali del cervello nel diabete di tipo 2.

“I nostri risultati supportano le attuali strategie di trattamento dei fattori di rischio e apportano cambiamenti nello stile di vita “, afferma il co-autore principale Dr April van Gennip del Centro medico dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi. “Questi fattori di rischio non hanno solo un impatto sul rischio di sviluppare demenza, ma hanno anche un impatto sulla struttura cerebrale e sui livelli attuali delle funzioni cognitive. Inoltre, sono modificabili, il che li rende importanti obiettivi di prevenzione”.

Il diabete di tipo 2 non è solo associato ad un aumentato rischio di demenza, ma anche a un maggior rischio di disfunzione cognitiva e cambiamenti strutturali nel cervello che sono importanti fattori di rischio per la demenza . Questa malattia progressiva può iniziare a svilupparsi da 15 a 20 anni prima che compaiano i sintomi, quindi è importante identificare i fattori che potrebbero prevenire l’insorgenza della demenza. Tuttavia, non è chiaro fino a che punto l’adozione di misure per modificare i fattori di rischio nel diabete di tipo 2 possa aiutare a ridurre il rischio di declino cognitivo.

Per fornire ulteriori prove, i ricercatori hanno esaminato l’incidenza della demenza e la presenza di disfunzione cognitiva (prestazioni inferiori nei compiti che valutano la velocità di elaborazione, la memoria e la capacità di controllare il comportamento, nota come funzione esecutiva) e le anomalie strutturali del cervello (cioè, sostanza bianca iperintensità e volume cerebrale totale). Hanno esaminato se queste associazioni differivano in base al numero di fattori di rischio sull’obiettivo (cioè, non fumare e livelli raccomandati dalle linee guida di zucchero nel sangue, pressione sanguigna, indice di massa corporea, albuminuria, attività fisica e dieta). I ricercatori hanno aggiustato i risultati per tenere conto di fattori di confusione come età, sesso e livello di istruzione. Dopo un follow-up medio di 9 anni, 147 (1,4%) soggetti con diabete e 412 (0,5%) controlli hanno sviluppato demenza.

I ricercatori hanno scoperto che quando gli individui con diabete avevano da 5 a 7 fattori di rischio all’interno dell’intervallo target raccomandato, l’eccesso di rischio di demenza associato al diabete di tipo 2 era sostanzialmente inferiore. Allo stesso modo, le differenze nella velocità di elaborazione, nella funzione esecutiva e nei volumi del cervello erano progressivamente più piccole per un numero maggiore di fattori di rischio sull’obiettivo.

” Anche se non esiste ancora una cura o un modo per invertire la maggior parte delle malattie da demenza, i nostri risultati suggeriscono che ci sono modi per le persone con diabete di tipo 2 che possono ridurre il loro rischio di demenza in eccesso”, afferma il co-autore principale, il dott. Thomas van Sloten dell’Università di Maastricht. Centro medico nei Paesi Bassi. “Inoltre, i cambiamenti che le persone con diabete di tipo 2 possono apportare per ridurre il rischio di demenza e mantenere il cervello sano offrono una miriade di benefici per la salute “.

Gli autori riconoscono che i loro risultati mostrano associazioni osservative piuttosto che causa ed effetto e, pertanto, non sono stati in grado di fare un confronto completo dell’effetto del trattamento dei fattori di rischio perché alcuni individui potrebbero aver avuto un fattore di rischio all’interno dell’intervallo target senza trattamento. Inoltre, i risultati sulle prestazioni cognitive e sulle anomalie strutturali del cervello erano basati su dati trasversali. Inoltre, una parte dell’eccesso di rischio di demenza, prestazioni cognitive peggiori e anomalie strutturali del cervello è rimasta inspiegabile dopo aver preso in considerazione tutti i fattori di rischio e questa associazione residua potrebbe essere dovuta ad altri fattori che i ricercatori non hanno affrontato. Infine, notano che lo studio includeva per lo più individui caucasici di mezza età, quindi i risultati non possono essere generalizzati ad altre età o gruppi etnici.


Questa ricerca è stata condotta utilizzando la risorsa pubblica della biobanca britannica ( www.ukbiobank.ac.uk/ ). Lo studio di Maastricht è stato sostenuto dal Fondo europeo di sviluppo regionale tramite OP-Zuid, Stichting De Weijerhorst, Pearl String Initiative Diabetes, CVC Maastricht, CARIM Maastricht, Perimed, CAPHRI Maastricht, NUTRIM Maastricht, Stichting Annadal, Health Foundation Limburg, Janssen- Cilag BV, Novo Nordisk Farma BV, Sanofi-Aventis Netherlands BV, Organizzazione olandese per la ricerca e lo sviluppo della salute (ZonMW), il Consorzio olandese delle coorti di demenza e il programma Memorabel. Thomas van Sloten èsostenuto da una borsa di ricerca VENI dell’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica e dell’Organizzazione olandese per la ricerca e lo sviluppo della salute e una borsa di ricerca della Fondazione olandese per il cuore.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione