Assistenza sociosanitaria

I target del diabete costano di più ma l’impatto ne vale la pena: ecco perché e come

La diagnosi precoce del diabete è importante nella definizione degli obiettivi di trattamento Xinhua/Mohamed Khidir tramite Getty Images

La definizione di obiettivi sanitari globali, che spesso viene effettuata da organizzazioni multinazionali, come le Nazioni Unite o l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è comunemente utilizzata per migliorare i risultati sanitari. Ad esempio, l’ obiettivo delle Nazioni Unite di migliorare l’accesso alle cure per l’HIV ha portato molte più persone a ricevere le cure di cui hanno bisogno, il che ha salvato vite umane.

Sostienici con un acquisto o donazione

Ora è in fase di sviluppo l’OMS Diabetes Compact per supportare le persone che vivono con il diabete. Il contenuto del Compact non sarà finalizzato fino al 2022. Tuttavia, per aiutare a informare se gli obiettivi dovrebbero essere parte del Compact, abbiamo chiesto quali sarebbero i benefici per la salute derivanti dal raggiungimento di vari obiettivi per le persone con diabete e se questi potrebbero essere costo- effettivo nei prossimi 10 anni.

L’OMS sta valutando l’opportunità di fissare obiettivi e la nostra analisi si inserisce in tale processo in quanto vi erano poche prove precedenti per indicare quali dovrebbero essere gli obiettivi. Siamo stati coinvolti in alcuni dei processi dell’OMS per il Compact e i nostri risultati sono stati condivisi con l’OMS, ma l’analisi che abbiamo fatto è stata indipendente. Analogamente agli obiettivi delle Nazioni Unite per l’HIV/AIDS, gli obiettivi che abbiamo considerato erano le percentuali di persone con diabete e fattori di rischio di malattie cardiovascolari associati (ad esempio ipertensione e colesterolo) diagnosticate, trattate e controllate.

Il nostro studio si è basato sui dati di 23.678 persone con diabete che vivono in 67 paesi a basso o medio reddito. Questi paesi sono stati scelti perché disponevano di dati e ospitano l’ 80% delle persone con diabete nel mondo.

Abbiamo scoperto che fissare obiettivi per l’80% delle persone con diabete per la diagnosi, il trattamento e il controllo della condizione (e di altri fattori di rischio) ridurrebbe sostanzialmente la morte e migliorerebbe gli anni vissuti in buona salute. E sarebbe anche molto conveniente.

Il diabete è spesso trascurato

La forma più comune di diabete, il diabete di tipo 2, è spesso associata all’obesità e di solito inizia in età avanzata. Raramente viene notato a meno che non venga prelevato da un medico. Nel tempo provoca complicazioni come malattie cardiovascolari (come infarti e ictus), malattie renali e cecità. È molto più probabile che queste complicazioni si verifichino se una persona con diabete ha anche la pressione alta (ipertensione), un’altra condizione che spesso passa inosservata.

Il trattamento del diabete e dell’aumento della pressione sanguigna riduce notevolmente il rischio di complicazioni future. Indipendentemente dal fatto che il colesterolo sia aumentato o meno, la somministrazione di un farmaco chiamato statina per abbassarlo riduce anche il rischio. Questi trattamenti per ridurre il rischio nelle persone con diabete sono raccomandati anche dall’OMS.

Tuttavia, la nostra ricerca ha precedentemente dimostrato che meno del 6% delle persone con diabete riceve tutto il trattamento di cui ha bisogno per ridurre il rischio di complicazioni future.

Tre obiettivi

Abbiamo quindi posto due domande. In che modo il raggiungimento di determinati obiettivi ridurrebbe le future complicanze del diabete? E, guardando ai costi relativi ai benefici per la salute, il raggiungimento di questi obiettivi potrebbe essere conveniente?

La riduzione delle complicanze del diabete richiede interventi per ridurre l’aumento della glicemia, della pressione sanguigna e del colesterolo. Abbiamo chiesto quali benefici si sarebbero visti, ea quale costo, per tutti e tre questi interventi messi insieme.

Abbiamo studiato combinazioni di tre obiettivi. Il primo è che i pazienti con diabete vengono effettivamente diagnosticati e viene diagnosticata anche la loro ipertensione, se presente. In secondo luogo, sono in trattamento per la glicemia, la pressione sanguigna e il colesterolo utilizzando un farmaco a base di statine. E terzo, che la loro glicemia e la pressione sanguigna siano controllate al di sotto dei livelli raccomandati a livello internazionale. Li abbiamo testati con obiettivi del 60%, 70% o 80% per ciascuna diagnosi, trattamento o controllo. In altre parole, cosa accadrebbe se l’80% delle persone con diabete e ipertensione fosse diagnosticato, l’80% di quei pazienti fosse curato e l’80% di loro fosse controllato.

Abbiamo confrontato questo con uno scenario di base in cui la diagnosi, il trattamento e il controllo continuavano ai livelli attuali.

Abbiamo scoperto che il raggiungimento di ciascuno di questi obiettivi riduce drasticamente i decessi e migliora il numero di anni in cui le persone possono vivere in buona salute. Il numero di anni in cui le persone possono vivere in buona salute viene rilevato da una misura chiamata Disability Adjusted Life Years o DALY . Un DALY equivale alla perdita di un anno in piena salute, quindi cattura sia la morte prematura che il malessere dovuto a una malattia.

Abbiamo scoperto che l’impatto maggiore del raggiungimento degli obiettivi sarebbe la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. Altri rischi come la cecità e le malattie renali sarebbero meno colpiti dal raggiungimento degli obiettivi.

Inoltre, la maggior parte dei benefici derivava dal miglioramento del trattamento dell’ipertensione e dalla somministrazione di una statina per il colesterolo, piuttosto che dal trattamento o dal controllo della glicemia alta.

Nel complesso, al più alto obiettivo dell’80% di diagnosi, 80% di trattamento e 80% di controllo, abbiamo scoperto che gli anni di vita sani erano migliorati di circa il 6%. Ciò significa che circa il 6% in più di persone con diabete dovrebbe vivere una vita più sana. Anche il raggiungimento degli obiettivi inferiori del 60% ha portato a miglioramenti sostanziali.

Abbiamo anche dimostrato che il raggiungimento degli obiettivi dell’80% ridurrebbe notevolmente i decessi, in particolare quelli dovuti a malattie cardiovascolari.

C’era una variazione sostanziale nei benefici per le regioni del mondo. Ad esempio, la riduzione dei decessi dovuti a malattie cardiovascolari è stata maggiore nell’Africa subsahariana orientale. In questa regione, i decessi scenderebbero da circa 46 per 1.000 persone nello scenario di base a 27 per 1.000 con un obiettivo dell’80% per la diagnosi, il trattamento e il controllo. Nell’America Latina centrale i decessi sono scesi da circa 18 per 1.000 persone al basale a 14 per 1.000 con questo obiettivo.

Raggiungere gli obiettivi è conveniente

Nel nostro studio , abbiamo considerato i costi della diagnosi e del trattamento del diabete e dell’ipertensione e della somministrazione di una statina, e i costi del trattamento delle complicanze del diabete, per lo scenario di base (diagnosi attuale, trattamento e livelli di controllo continuati per i prossimi 10 anni ) e ciascuno degli obiettivi.

Nello scenario di base, i costi della gestione del diabete nei paesi dello studio sarebbero di $ 2.222.882 per 1.000 persone con diabete nei prossimi 10 anni.

Se la diagnosi, il trattamento e il controllo fossero aumentati per raggiungere obiettivi dell’80% per ciascuno, i costi aumenterebbero di un piccolo importo, fino a $ 2.832.000 per 1.000 persone con diabete. La maggior parte dei maggiori costi deriverebbe dal raggiungimento dell’obiettivo di aumentare il trattamento dell’ipertensione. Ma i costi del trattamento delle complicanze delle malattie cardiovascolari diminuirebbero.

Nel complesso questo ha dato un rapporto costo-efficacia incrementale (effettivamente i costi per anno di vita in più sano vissuto, o DALY evitato) di $ 1.362. Questi costi sono ben al di sotto delle soglie dell’OMS per l’efficacia dei costi pari a tre volte il PIL pro capite per ciascun paese. Quindi, ogni anno in più di vita sana costerebbe $ 1.362, ma l’OMS ha un punto di riferimento di tre volte il PIL pro capite come investimento utile in un anno di vita sana. Ad esempio, il PIL pro capite in Angola è di $ 2.790, quindi un intervento sarebbe considerato redditizio (dall’OMS) se costasse meno di $ 8.370 per DALY.

Abbiamo dimostrato che gli obiettivi per il diabete migliorerebbero una vita sana e ridurrebbero i decessi e che sarebbero convenienti. Ma questi obiettivi non dovrebbero essere solo per la gestione dell’elemento glicemico del diabete; devono includere il trattamento dell’ipertensione e la somministrazione di statine ai pazienti con diabete.


L’articolo originale è stato pubblicato su Conversation, la sua pubblicazione e traduzione e commisurata alla citazione dello stesso.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione