EASD2021

#EASD2021 Un sondaggio negli Stati Uniti evidenzia notevoli lacune nella cura del diabete durante la pandemia di COVID-19

  •  Un’indagine su quasi 800 americani con diabete di tipo 1 e di tipo 2 rivela carenze sostanziali nella cura e nella gestione del diabete durante la pandemia che mettono a rischio la salute.
  •  I risultati suggeriscono che un quarto dei diabetici ha faticato a permettersi forniture di base come l’affitto e un quinto ha riferito di non avere cibo sano a sufficienza per evitare l’ipoglicemia (livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi) .
  •  Inoltre, 1 su 6 ha avuto difficoltà a pagare i propri farmaci per il diabete, mentre 1 su 10 ha riferito di aver razionato i propri farmaci o di sentirsi meno in controllo della propria ipoglicemia.

La pandemia di COVID-19 ha portato a un peggioramento della cura e della gestione del diabete negli Stati Uniti nei soggetti con e senza infezioni da COVID-19, secondo il primo sondaggio nel suo genere che esamina l’impatto della pandemia su aspetti socioeconomici, clinici e sullo stile di vita. aspetti della gestione del diabete.

Sostienici con un acquisto o donazione

I ricercatori dicono che i risultati, di essere presentati al Meeting annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD), che si tiene in linea di quest’anno (27 settembre-1 ottobre), indicano un urgente bisogno di aumentare il sostegno per le persone con diabete, e offrire preziose lezioni per la gestione del diabete durante le crisi di salute pubblica attuali e future.

“I nostri risultati ci aiutano a comprendere il tributo nascosto che la pandemia di COVID-19 ha assunto su coloro che soffrono di malattie croniche come il diabete”, afferma l’autore principale Alexandria Ratzki-Leewing della Western University, Londra, Canada . “Le misure di contenimento della comunità, sebbene progettate per mantenere le persone al sicuro, hanno gravemente interrotto l’assistenza di routine e l’erogazione dei servizi. Gli individui con diabete hanno avuto difficoltà ad accedere a fornitori di cure, farmaci e forniture per i test. La pandemia ha anche portato a stress psicosociali, come sentimenti di impotenza e una mancanza di supporto sociale. Tutte queste interruzioni possono compromettere la gestione ottimale del diabete e, di conseguenza, aumentare il rischio di esiti negativi a breve e lungo termine”.

Oltre 34 milioni di americani, poco più di 1 su 10, hanno il diabete di tipo 1 (T1D) o di tipo 2 (T2D), con un trattamento che costa più di 230 miliardi di dollari all’anno [1]. Tutte le persone con diabete devono testare i loro livelli di glucosio (zucchero) più volte al giorno e ogni pochi mesi hanno testato l’emoglobina A1c (una misura dei loro livelli di zucchero nei tre mesi precedenti). Il diabete incontrollato può causare danni a vari organi e portare a condizioni invalidanti e pericolose per la vita , come malattie cardiache, ictus, cecità, malattie renali e problemi ai piedi che possono portare ad amputazioni.

Il COVID-19 ha ucciso più di 670.000 persone negli Stati Uniti e ha avuto un impatto particolarmente devastante sui milioni di americani con diabete. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che almeno il 40% di coloro che sono morti con COVID-19 aveva anche il diabete. Tuttavia, queste cifre non riflettono l’interruzione che la pandemia ha causato alla cura e alla gestione del diabete nella comunità.

Per saperne di più su come e in che misura la pandemia ha avuto un impatto sulla gestione del diabete negli americani, i ricercatori hanno analizzato i dati dello studio iNPHORM nel mondo reale, un sondaggio panel di 12 mesi su oltre 1.200 adulti statunitensi (di età compresa tra 18 e 90 anni) con T1D o T2D che hanno assunto insulina e/o secretagoghi (farmaci per il diabete) nell’ultimo anno. I partecipanti sono stati reclutati da un panel online rappresentativo e gli è stato chiesto di completare sondaggi mensili sulle loro esperienze di ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) e iperglicemia (alto livello di zucchero nel sangue), vari aspetti della gestione della glicemia e della salute generale.

Per questa analisi descrittiva, i ricercatori hanno utilizzato i risultati del sondaggio di un campione di 772 partecipanti (età media 52 anni; di cui il 19% aveva il diabete di tipo 1; e poco più della metà [51%] erano donne) raccolti nel gennaio 2021, quasi un anno dopo il primo È stato rilevato un caso negli Stati Uniti. Tra marzo 2020 e gennaio 2021, il 9% dei partecipanti aveva confermato dal punto di vista medico COVID-19.

L’analisi ha rilevato che 1 persona su 4 (T1D 25%, T2D 23%) ha riferito che la pandemia ha reso l’affitto o le spese di soggiorno un po’ o molto più difficile, mentre circa 1 su 5 (T1D 21%, T2D 18%) ha avuto difficoltà. per assicurarsi che avessero cibo a sufficienza per evitare l’ipoglicemia.

Un altro dato allarmante è stato che circa 1 su 6 ha avuto difficoltà a pagare i farmaci per il diabete (T1D 20%, T2D 17%) o le strisce reattive/sensori necessari per gestire le iniezioni giornaliere di insulina (T1D 17%, T2D 16%), mentre più di 1 in 5 problemi segnalati nel ritiro dei farmaci (T1D 24%, T2D 22%). Oltre il 10% ha anche affermato di aver razionato i farmaci per il diabete per estendere le forniture (T1D 16%, T2D 11%) o per evitare l’ipoglicemia (T1D 17%, T2D 9%).

Alcuni intervistati hanno anche riferito di aver trovato difficile ricordare di prendere i farmaci per il diabete come prescritto (T1D 8%, T2D 12%), testare la glicemia (T1D 10%, T2D 13%) o monitorare il rischio di ipoglicemia ( D1D 10%, D2D 13%). Nel complesso, circa 1 su 10 si sentiva meno nel controllo della propria ipoglicemia (T1D 16%, T2D 10%) con 1 su 6 che affermava di non avere abbastanza supporto sociale per aiutarli a gestire un cosiddetto incidente “ipo” (T1D 16 %, T2D 16%).

L’analisi ha anche rilevato che 1 su 4 pensava che la pandemia avesse impedito loro di consultare i fornitori di cure per il diabete (T1D 26%, T2D 25%). E più di 1 su 3 ha faticato a rimanere fisicamente attivo come al solito (T1D 38%, T2D 37%).

Secondo Ratzki-Leewing, “COVID-19 ha causato effetti a catena devastanti che si estendono ben oltre la sola infezione. Non da ultimo sono gli impatti che ha avuto sugli americani con diabete, molti dei quali ora stanno lottando per mantenere il controllo della loro malattia. Questo è il primo studio del mondo reale a quantificare questi diversi impatti in una popolazione generale degli Stati Uniti con diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2 e mette in evidenza le pressanti lacune nelle cure causate dalla pandemia. avanti. Non dobbiamo lasciare che questi pazienti cadano nelle fessure”.

Gli autori notano diversi limiti dello studio, incluso il fatto che la selezione e il pregiudizio del volontario possono aver influenzato i risultati dello studio, e questo. le risposte auto- segnalate potrebbero essere state soggette a bias di desiderabilità sociale e/o errore di richiamo.


[1] Rapporto nazionale sulle statistiche sul diabete, 2020 | Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie

Lo studio è stato finanziato da Sanofi Global. Gli autori non dichiarano conflitti di interesse.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:EASD2021

Con tag:,