Batticuore

I cardiopatici si mettono in movimento, grazie all’innovazione digitale

Una piattaforma digitale pionieristica è destinata a migliorare i risultati per i pazienti cardiopatici, consentendo loro di svolgere programmi di esercizi di riabilitazione supervisionati dalla propria casa, grazie alla ricerca della Deakin University.

Il professor Ralph Maddison e il dottor Jonathan Rawstorn dell’Istituto per l’attività fisica e la nutrizione di Deakin hanno sviluppato una piattaforma digitale per consentire agli operatori sanitari alleati di monitorare i programmi di riabilitazione domiciliare.

L’intervento di riabilitazione cardiaca per smartphone, autogestione assistita (SCRAM) consente a medici e specialisti della riabilitazione di ricevere dati elettronicamente per monitorare le prestazioni degli esercizi e fornire un coaching personalizzato. Possono monitorare più persone contemporaneamente. Il concetto di monitoraggio remoto, con feedback immediato a medici e specialisti della riabilitazione è pionieristico.

“La riabilitazione cardiaca salva la vita, ma molte persone perdono perché non possono frequentare i programmi ospedalieri e relativamente pochi servizi di riabilitazione australiani offrono alternative”, ha detto il dott. Rawstorn.

“La piattaforma SCRAM è fondamentale per aiutare più persone ad accedere ai benefici che cambiano la vita della riabilitazione cardiaca. La ricerca mostra che coloro che intraprendono un programma di esercizi di riabilitazione cardiaca hanno il 30% di rischio ridotto di morte per cause cardiovascolari e il 20% di rischio di essere ricoverato in ospedale, ma i tassi di frequenza sono bassi Anche prima del COVID, solo il 20-30 percento delle persone idonee ha preso parte a programmi di riabilitazione ospedalieri.

“Alternative come la piattaforma SCRAM sono diventate ancora più importanti durante la pandemia, quando molti programmi ospedalieri sono stati chiusi, in particolare nel Victoria e nel NSW. Molti servizi hanno lanciato programmi telefonici ma non possono fornire un monitoraggio o un coaching accurati. La piattaforma SCRAM risolve questi problemi i problemi.”

La piattaforma SCRAM di facile utilizzo è costituita da un’app per cellulare e da un sensore di frequenza cardiaca posizionato sul torace del paziente, che invia i dati tramite il Cloud per essere monitorati in tempo reale dal medico. SCRAM fornisce anche supporto/consigli sullo stile di vita tramite notifiche push.

I ricercatori hanno sviluppato la piattaforma dopo aver riconosciuto che i medici e gli specialisti della riabilitazione cardiaca non disponevano di mezzi indipendenti per monitorare la conformità dei pazienti ai piani di riabilitazione postoperatoria . Sapevano che la conformità ha vantaggi significativi per il recupero del paziente e si sono resi conto che la tecnologia moderna potrebbe fornire la risposta.

Finanziata dal National Health and Medical Research Council, la piattaforma SCRAM è attualmente in fase di sperimentazione da parte di Western Health e altri servizi sanitari per monitorare la compliance della riabilitazione cardiaca dei pazienti. È in fase di sperimentazione in regioni tra cui Geelong, Ballarat, Bendigo e all’estero in Svezia, e ora viene utilizzato in studi con Barwon Health e l’Università di Melbourne per aiutare le persone con cancro prima e dopo aver ricevuto il trattamento.

SCRAM ha anche il potenziale per il monitoraggio remoto di altre malattie e condizioni post-operatorie e pre-operatorie, come ad esempio persone con diabete, problemi di peso o malattie polmonari ostruttive croniche.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.