Sport e movimento

Sono necessarie migliori partnership tra medici e professionisti della danza per rivelare i benefici per la salute del ballo 

Secondo un nuovo rapporto, sono necessarie partnership più efficaci che coinvolgano personale medico e sanitario, insieme a professionisti del settore della danza, affinché gli esperti comprendano meglio come la danza può aiutare a promuovere la buona salute.

Sostienici con un acquisto o donazione

I ricercatori hanno lavorato per identificare l’impatto della danza come forma d’arte sulla salute e sul benessere e per trovare i metodi migliori per esplorarlo.

Il progetto, Danza, salute e benessere: discutere e avanzare metodologie, è stato una partnership tra l’Università di Exeter, il Trinity Laban Conservatoire of Music and Dance e Dance in Devon. La ricerca è stata finanziata dall’Università di Exeter Wellcome Center for Cultures and Environments of Health e si è svolta tra settembre 2019 e aprile 2021.

La ricerca ha incluso una revisione sistematica della letteratura, focus group con persone che lavorano per promuovere la danza per la salute e un simposio.

La ricerca ha scoperto che il carattere creativo e artistico della danza ha un impatto sulla salute e sul benessere, contribuendo in aree chiave tra cui il senso di identità, appartenenza e sentimenti di autostima. Coloro che hanno preso parte allo studio hanno affermato che i collegamenti tra questi impatti e fattori come il tatto, la vulnerabilità, l’affetto, la presenza, la fiducia e l’incarnazione sono questioni chiave nella danza per la salute, ma non ben comprese e meritevoli di maggiore attenzione. Hanno chiesto più lavoro per sviluppare metodi e vocabolari appropriati per affrontare questi argomenti.

Gli intervistati hanno affermato che dovrebbe esserci un maggiore riconoscimento della fisicità combinata, dell’abilità artistica e dell’espressione di sé che la danza comporta durante la ricerca futura. Hanno chiesto una maggiore collaborazione con i ballerini in modo che la loro esperienza possa supportare questo, più ricerche e valutazioni con i partecipanti per includere le loro voci e prospettive e più ricerca intersettoriale che coinvolga partner di danza e salute rispettati.

Il rapporto chiede inoltre l’uso di nuove scale e metodologie da parte dei ricercatori che misurino e catturino la danza nei suoi stessi termini, e un migliore uso del film e delle testimonianze individuali per illustrare i vantaggi della danza a un pubblico più ampio.

La professoressa Emma Redding, Head of Dance Science presso Trinity Laban, ha dichiarato: “Siamo stati lieti di intraprendere questo progetto di collaborazione con i colleghi dell’Università di Exeter e Dance nel Devon, studiando il contributo che la danza apporta alla salute e al benessere. Lavori come questo si allinea sia con l’enorme programma di danza partecipativa che offriamo alle comunità locali , sia con la significativa ricerca che intraprendiamo nel campo della scienza della danza.Questa ricerca è stata un viaggio entusiasmante di cui far parte poiché ha evidenziato risultati importanti e rivelando lacune in letteratura che giustificano ulteriori indagini.”

La dott.ssa Sue Smith, direttrice esecutiva di Dance in Devon, ha aggiunto: “È stato un privilegio lavorare con l’Università di Exeter e il Trinity Laban su questo progetto per comprendere più profondamente l’impatto della danza sulle nostre comunità. Vediamo gli effetti positivi di ballare in studio, all’aperto e sullo schermo con le nostre comunità settimana per settimana, quindi è stato affascinante lavorare con i colleghi accademici per approfondire i modi in cui l’arte della danza contribuisce alla salute e al benessere.Il nostro approccio collaborativo ha consentito ampie prospettive ed esperienze per informare il processo e la ricerca ha suscitato alcune importanti piste per ulteriore attenzione.”

Il professore associato Kerry Chappell, della Graduate School of Education, University of Exeter, e ricercatore principale del progetto, ha dichiarato: “Questa ricerca, inclusa la revisione sistematica della letteratura, ci ha permesso di mettere il contributo della danza alla salute in modo più rigoroso sulle arti e mappa della salute. Siamo grati all’Università di Exeter Wellcome Center for Cultures and Environments of Health per questo supporto positivo in tutto. Questo lavoro è basato su partnership con Trinity Laban e Dance nel Devon che risalgono a vent’anni e rappresenta competenze all’avanguardia nel campo; ora abbiamo una base entusiasmante e solida per sviluppare ricerche e pratiche future che possono evidenziare e catalizzare l’impatto dei contributi estetici, artistici e creativi della danza sulla salute in generale».


Kerry Chappell et al, The aesthetic, artistic and creative contributions of dance for health and wellbeing across the lifecourse: a systematic review, International Journal of Qualitative Studies on Health and Well-being (2021). DOI: 10.1080/17482631.2021.1950891

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Sport e movimento

Con tag: