AGD

Centenario Insulina: le nostre forti radici per costruire un ponte verso la cura del diabete tipo 1

 

La nostra missione era, è e sarà rivolta a impegnare ogni risorsa intellettuale e fisica nell’offrire la migliore cura, assistenza sanitaria e umana per i nostri bambini, ragazzi e famiglie con diabete tipo 1 e contestualmente sostenere l’impegno corale del nostro personale medico, sanitario e paramedico, dei ricercatori scientifici per raggiungere traguardi rivolti a semplificare la vita quotidiana con la malattia.

Ecco il senso e il cuore, la passione e l’energia che c’è e mettiamo nell’aver sviluppato un calendario di eventi, non solo celebrativi, del centenario della scoperta dell’insulina. Assieme al nostro blog Il Mio Diabete abbiamo definito una “impalcatura” di iniziative, a cominciare dal Simposio scientifico per il centenario e il Forum delle Associazioni svolte lo scorso 24 e 25 settembre, e il 12 novembre prossimo il Comune di Bologna inaugurerà, a pochi metri di distanza dalla nostra sede sociale, il Parco pubblico sulla riva del fiume Reno dedicato agli scopritori dell’insulina, il primo in Italia, voluto con istanza ufficiale da AGD Bologna.

Questo è un passaggio importante non solo per onorare la memoria di quei scienziati che, un secolo fa con la loro scoperta resero possibile salvare la vita di milioni di bambini e ragazzi, esseri umani, colpiti dal diabete, e che senza questa creazione sarebbero andati incontro alla morte, ma per farlo dobbiamo impegnarci ancora di più a cogliere l’eredità di Banting, il quale al momento del discorso per la consegna del premio Nobel per la Medicina nel 1923 ebbe a dire “l’insulina non è la cura per il diabete, ma un trattamento base per poter alimentarsi senza perire”. Ecco il parco rappresenta e rappresenterà un luogo della memoria, dell’incontro e di amicizia aperto a tutte le persone di buona volontà per andare oltre.

Assieme dobbiamo essere capaci di costruire connessioni, ponti, difendere la vita e abbattere i muri, visibili e invisibili, che impediscono il dialogo sincero e la vera comunicazione tra le persone e le comunità, per far crescere la conoscenza e riconoscenza, solo così si può trasformare la speranza in realtà. La via migliore verso la cura, le cure per il diabete parte da qui, dalla consapevolezza che insieme, forti delle nostre energie e dalla voglia di stare raggiungeremo l’obiettivo finale.

A volte il destino ha dei percorsi singolari ma avvincenti: la nostra sede sociale era nel passato il luogo della Guardia idrica che doveva vigilare sullo stato dell’alveo del fiume Reno, a pochi metri c’è anche il ponte storico sul tracciato della via Emilia che lo attraversa, e fino al 1930 segnava il confine municipale del Comune di Bologna. Oggi in via della Guardia 28/2 ci siamo noi e “facciamo buona guardia” sulla vita dei nostri giovani, che scorre come un fiume diretto verso il mare immenso della conoscenza, superando muri e limiti.

“Le nostre scelte hanno futuro solo se abbiamo cura della vita”

Salvatore Santoro

Presidente AGD Bologna

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.