Benessere

I cambiamenti nella durata del ciclo mestruale prima della menopausa possono predire il rischio di malattie cardiache

amar El Khoudary, Ph.D., professore associato di epidemiologia presso la Graduate School of Public Health dell’Università di Pittsburgh.
CREDITO: Per gentile concessione di Samar El Khoudary

Man mano che le donne si avvicinano alla menopausa, la durata del loro ciclo mestruale spesso diventa più lunga. La tempistica di questi cambiamenti potrebbe fornire indizi sul rischio di una persona di sviluppare malattie cardiache, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Pittsburgh .

Pubblicato oggi su Menopause , lo studio caratterizza i cambiamenti della lunghezza del ciclo durante la transizione della menopausa e ha scoperto che le donne il cui ciclo è aumentato di lunghezza due anni prima del loro periodo mestruale finale avevano misure migliori della salute vascolare rispetto a quelle che avevano lunghezze del ciclo stabili durante questa transizione. In combinazione con altre caratteristiche e misure sanitarie legate alla menopausa, i cambiamenti nella lunghezza del ciclo potrebbero aiutare i medici a prevedere quali pazienti potrebbero essere a rischio maggiore o minore di malattie cardiovascolari e raccomandare strategie preventive.

“Le malattie cardiovascolari sono il killer numero 1 delle donne e il rischio aumenta significativamente dopo la mezza età, motivo per cui pensiamo che la menopausa potrebbe contribuire a questa malattia”, ha affermato l’autore principale Samar El Khoudary , Ph.D., professore associato di epidemiologia alla Graduate School of Public Health di Pitt . “La menopausa non è solo un clic di un pulsante. È una transizione a più stadi in cui le donne sperimentano molti cambiamenti che potrebbero metterle a maggior rischio di malattie cardiovascolari. Il cambiamento nella durata del ciclo, che è legato ai livelli ormonali, è una semplice metrica che potrebbe dirci chi è più a rischio”.

La durata media di un ciclo mestruale è di circa 28 giorni, ma può variare notevolmente tra le donne. Quelli con frequenti cicli brevi trascorrono più tempo con alti livelli di estrogeni rispetto a quelli con meno cicli lunghi, e questa variazione nei livelli ormonali potrebbe spiegare perché i cicli lunghi e irregolari durante gli anni riproduttivi sono stati collegati a malattie cardiovascolari, cancro al seno, osteoporosi e altre condizioni .

El Khoudary e il suo team si sono chiesti se i cambiamenti nella lunghezza del ciclo durante la transizione alla menopausa potrebbero anche prevedere la futura salute cardiovascolare. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno analizzato i dati di 428 partecipanti iscritti allo studio in corso sulla salute delle donne in tutta la nazione . Lo studio ha seguito donne di età compresa tra 45 e 52 anni al momento dell’arruolamento fino a 10 anni o fino alla postmenopausa. I ricercatori hanno raccolto dati sul ciclo mestruale durante la transizione della menopausa e hanno valutato il rischio cardiovascolare dopo la menopausa misurando la rigidità arteriosa o lo spessore dell’arteria.

I ricercatori hanno notato tre traiettorie distinte nella lunghezza del ciclo mestruale durante la transizione della menopausa. Circa il 62% dei partecipanti ha avuto cicli stabili che non sono cambiati in modo apprezzabile prima della menopausa, mentre circa il 16% e il 22% hanno sperimentato un aumento precoce o tardivo, definito come un aumento della lunghezza del ciclo rispettivamente cinque o due anni prima del loro periodo mestruale finale .

Rispetto alle donne con cicli stabili, quelle nel gruppo di aumento tardivo avevano misure significativamente più favorevoli di durezza e spessore dell’arteria, indicando un minor rischio di malattie cardiovascolari. Le donne nel gruppo di aumento precoce avevano le misure più scarse di salute delle arterie.

“Questi risultati sono importanti perché mostrano che non possiamo trattare le donne come un unico gruppo: le donne hanno diverse traiettorie del ciclo mestruale durante la transizione della menopausa e questa traiettoria sembra essere un indicatore della salute vascolare”, ha affermato El Khoudary. “Queste informazioni si aggiungono al kit di strumenti che stiamo sviluppando per i medici che si prendono cura delle donne di mezza età per valutare il rischio di malattie cardiovascolari e ci avvicina alla personalizzazione delle strategie di prevenzione”.

I ricercatori ipotizzano che le traiettorie del ciclo mestruale durante la menopausa riflettano i livelli ormonali, che a loro volta contribuiscono alla salute cardiovascolare. Nel lavoro futuro, hanno in programma di valutare i cambiamenti ormonali per testare questa ipotesi.

Secondo El Khoudary, non è chiaro il motivo per cui il rischio di malattie cardiovascolari fosse più elevato nei partecipanti con cicli stabili rispetto al gruppo con aumento tardivo. Sebbene la ricerca suggerisca che l’alto contenuto di estrogeni può proteggere il cuore nelle giovani donne con cicli brevi, questo ormone può essere meno protettivo in età avanzata. 

El Khoudary vuole anche esplorare se i modelli del ciclo mestruale sono collegati ad altri fattori di rischio cardiovascolare come il grasso addominale , che in precedenza aveva scoperto essere associato al rischio di malattie cardiache nelle donne in menopausa.

Categorie:Benessere

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.