Batticuore

I minuti contano: le politiche da adottare per migliorare l’assistenza verso gli attacchi di cuore potenzialmente fatali

Segnali di avvertimento comuni di infarto:
Dolore o fastidio al petto
Vertigini, nausea o vomito
Dolore a mascella, collo o mal di schiena
Disagio o dolore al braccio o alla spalla
Fiato corto
Scopri di più su Heart.org/HeartAttack
copyright American Heart Association 2021

L’American Heart Association raccomanda approcci politici per migliorare i sistemi di cura cardiaci
Il tempo che intercorre dal momento in cui inizia un attacco di cuore alla consegna del trattamento definitivo è un fattore determinante nella capacità di sopravvivenza di un paziente. L’American Heart Association, la principale organizzazione sanitaria volontaria dedicata a un mondo di vite più lunghe e più sane per tutti, ha pubblicato oggi una guida politica pubblica per affrontare i cambiamenti dei sistemi per i pazienti con il tipo più grave di infarto.

La dichiarazione politica, “Systems of Care for ST-Segment-Elevation Myocardial Infarction (STEMI),” pubblicata oggi sulla rivista di punta dell’Associazione Circulation , stabilisce raccomandazioni su come il sistema di cura cardiaco ideale dovrebbe essere progettato e implementato per garantire che i pazienti con STEMI ricevono la migliore assistenza basata sull’evidenza in ogni fase della loro malattia.

Sono necessari miglioramenti nei sistemi di cura cardiaci per garantire progressi scientifici nel trattamento e nella cura dei pazienti per migliorare i risultati dei pazienti. La dichiarazione della politica arriva quando i sistemi di cura STEMI hanno visto un miglioramento significativo derivante dal programma Mission: Lifeline dell’American Heart Association , un’iniziativa nazionale per far progredire i sistemi di cura per i pazienti con STEMI e altri stati di malattia acuta. Da quando Mission: Lifeline è stata fondata nel 2007, ha notevolmente aumentato l’accesso tempestivo all’intervento coronarico percutaneo per i pazienti con STEMI, con conseguente diminuzione dei tassi di morbilità e mortalità e aumento della ricerca che ha migliorato la comprensione dei sistemi di cura STEMI efficaci.

Tuttavia, permangono barriere e opportunità significative che richiedono cambiamenti e miglioramenti nelle politiche pubbliche.

“Possiamo salvare più vite dagli attacchi di cuore più gravi e conosciamo i cambiamenti politici che ci permetteranno di farlo”, ha affermato Alice Jacobs, MD, FAHA, autrice principale della dichiarazione e vicepresidente per gli affari clinici nel Dipartimento di Medicina presso il Boston University Medical Center. “Dal garantire che i pazienti colpiti da un infarto possano accedere ai servizi di emergenza 9-1-1, al garantire che ricevano i servizi necessari, tra cui il triage EMS e l’assistenza post-acuta, le soluzioni politiche possono migliorare l’efficienza dei protocolli di assistenza e risparmiare tempo nei momenti critici per garantire ogni paziente STEMI ha le migliori possibilità di sopravvivenza”.

L’85% della popolazione statunitense vive alla portata di un sistema di assistenza STEMI. [1] Tuttavia, il 40% dei pazienti non chiama il 9-1-1 e si reca invece al pronto soccorso locale. [2] [3] Ciò può ritardare in media l’intervento medico salvavita di oltre 30 minuti, diminuendo la capacità di risposta coordinata e di cura tra tutti i team di intervento e aumentando la probabilità di insufficienza cardiaca acuta o arresto cardiaco. [4]Gli studi dimostrano che sebbene il 41% dei pazienti che arrivano al pronto soccorso con dolore toracico/sintomi equivalenti all’angina riceva un ecocardiogramma (ECG) entro 10 minuti, le donne subiscono ritardi significativi (quasi 20 minuti in più rispetto agli uomini). I sistemi STEMI regionali hanno prestazioni migliori nel ridurre le disparità di sesso ed età. [5] [6] , [7]

“Il nostro sistema sanitario impiega in media quasi 20 minuti in più per fornire alle donne le stesse cure cardiache di emergenza che forniscono agli uomini. Questo è inaccettabile, in un momento di vita o di morte”, ha affermato Jessica Zègre-Hemsey, Ph.D., co-autrice della dichiarazione RN e professore associato di infermieristica presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill. “Prendersi la migliore cura dei pazienti richiede un playbook strategico che garantisca che tutti i membri del team di assistenza sappiano massimizzare le possibilità di sopravvivenza di un paziente e ridurre le disuguaglianze sanitarie”.

Le raccomandazioni politiche specifiche della dichiarazione includono:

  • Consapevolezza pubblica ed educazione della comunità: aumentare i programmi di educazione della comunità culturalmente diversi e le comunicazioni di massa su segni e sintomi di attacchi di cuore, la necessità di chiamare immediatamente il 9-1-1 e l’importanza della RCP da parte degli astanti.
  • Punti di ingresso e trasporti: i protocolli statali per il trasporto EMS dovrebbero includere pratiche di destinazione e formazione per il supporto STEMI e le agenzie EMS dovrebbero essere impegnate nel miglioramento della qualità ed essere rappresentate alle riunioni regionali per il miglioramento della qualità.  
  • Diretto al laboratorio di emodinamica: migliorare i piani per gli ospedali di riferimento e di accoglienza e il trasporto tra gli ospedali per eseguire in modo collaborativo protocolli salvavita basati sull’evidenza per attivare il laboratorio di cateterizzazione cardiaca, prima dell’arrivo, quando appropriato.
  • Transizioni nell’assistenza: esistono opportunità di miglioramento in ogni momento dell’assistenza di un paziente, dall’assistenza pre-ospedaliera alla dimissione, ai piani di riabilitazione cardiaca e le modifiche ai sistemi salveranno vite umane.
  • Assistenza post-infarto: la cura del recupero e la prevenzione di ulteriori attacchi di cuore dovrebbero essere una pratica standard all’interno di tutti i sistemi sanitari e in conformità con le linee guida per la responsabilità e il miglioramento della qualità. I piani di assicurazione sanitaria e altri contribuenti di terze parti dovrebbero fornire incentivi per la partecipazione alla riabilitazione cardiaca.
  • Considerazioni speciali per la telemedicina e la salute rurale: per raggiungere al meglio il 15% delle persone in America che non sono alla portata di un sistema di assistenza STEMI, in particolare nelle aree rurali, i protocolli di telemedicina possono accelerare l’assistenza appropriata. Gli ospedali rurali dovrebbero collaborare con i centri regionali di accoglienza STEMI per l’accesso alle competenze e al supporto, sviluppare la risposta preospedaliera e i protocolli di triage e dovrebbero stabilire meccanismi di trasporto di interfaccia rapida per livelli più elevati di cure acute.
  • Considerazioni finanziarie: dovrebbe esserci un supporto per il rimborso globale del sistema di assistenza per i pazienti con STEMI con riconoscimento di ciascuna delle componenti, inclusi ospedale di riferimento, centro di accoglienza, trasporto e trasferimento EMS e servizi accessori.

Questa dichiarazione politica è stata preparata dall’Advocacy Coordinating Committee dell’American Heart Association.

Categorie:Batticuore

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.