Donne e diabete

Neonati colpiti dalla mancanza di alfabetizzazione sanitaria delle mamme

Mamma sana, bambino sano.

Il concetto sembra abbastanza semplice, ma un recente studio della Northwestern Medicine ha scoperto che il livello di alfabetizzazione sanitaria – il modo in cui qualcuno ottiene, utilizza e comprende le informazioni sanitarie – tra le persone incinte non è dove dovrebbe essere e sta avendo un impatto negativo sui bambini in utero e dopo la nascita, specialmente tra le persone di colore.

Dei 9.341 partecipanti che hanno completato il sondaggio dello studio, 1.638 partecipanti (17,5%) avevano punteggi indicativi di alfabetizzazione sanitaria inadeguata. Ciò includeva, ad esempio, avere difficoltà a comprendere le loro prescrizioni o le istruzioni del medico; mancanza della capacità di interpretare le etichette nutrizionali per prendere decisioni salutari sulla propria dieta; avere difficoltà a determinare se un sito Web forniva informazioni sanitarie affidabili; o avere difficoltà a partecipare alla consulenza sulle decisioni mediche.

Questa mancanza di comprensione su come prendersi cura al meglio della propria alimentazione, peso e salute generale durante la gravidanza sembra avere un effetto a cascata negativo sulla madre e sul bambino, secondo lo studio.

I partecipanti allo studio che avevano insufficiente alfabetizzazione sanitaria avuto maggiori probabilità di avere il loro bambino con taglio cesareo ( taglio cesareo ), avendo grandi lacrime vaginale, ed i loro bambini avevano una maggiore probabilità di essere nato in un basso peso alla nascita e la ricezione di punteggi bassi di Apgar subito dopo consegna.

“Riteniamo che la nostra ricerca faccia luce sull’importante ruolo dell’alfabetizzazione sanitaria come determinante sociale della salute, ma è necessario fare molta più ricerca per comprendere il meccanismo sottostante e i modi in cui possiamo migliorare l’alfabetizzazione sanitaria”, ha affermato l’autore principale dello studio, il dott. Lynn Yee, assistente professore di medicina materno-fetale presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e medico della Northwestern Medicine.

Un’alfabetizzazione sanitaria inadeguata potrebbe includere:

  • Avendo difficoltà a comprendere le prescrizioni o le istruzioni del medico
  • Mancanza della capacità di interpretare le etichette nutrizionali per prendere decisioni salutari sulla dieta
  • Avere difficoltà a determinare se un sito Web fornisce informazioni sanitarie affidabili
  • Avendo difficoltà a partecipare alla consulenza sulle decisioni mediche

“Le disparità razziali nella medicina materna sono profonde”

Dei partecipanti allo studio con un’alfabetizzazione sanitaria inadeguata, il 30,9% ha riferito di essere nero non ispanico e il 31,5% ha riferito di essere ispanico. In altre aree della medicina, l’alfabetizzazione sanitaria inadeguata è stata più comune anche tra le persone con un’istruzione inferiore e un reddito più basso, nonché tra le persone di colore. Si pensa che l’alfabetizzazione sanitaria sia un altro determinante sociale, come dove si vive o quali risorse si hanno, che può essere sproporzionatamente impegnativo per le persone con meno risorse.

“Le disparità razziali nella medicina materna sono profonde ed è possibile che le differenze nell’alfabetizzazione sanitaria possano essere uno dei tanti fattori di tali disparità”, ha affermato Yee. “Riteniamo che affrontare l’alfabetizzazione sanitaria tra le persone in età riproduttiva e incinte possa essere una strada per migliorare la salute di tutti, ma soprattutto delle persone che sono state più colpite dalle conseguenze sulla salute del razzismo”.

La gravidanza è poco studiata, portando a più domande che risposte

L’alfabetizzazione sanitaria è stata ben studiata nelle popolazioni adulte come le popolazioni geriatriche e i genitori di bambini piccoli, ma la gravidanza è un’area relativamente poco studiata. Una ragione di ciò è che le persone incinte sono in gran parte giovani e sane, e quindi il complesso ruolo dei determinanti sociali nella salute della gravidanza sta appena iniziando a essere compreso, ha detto Yee.

“Anche se non siamo rimasti sorpresi di quanto fosse comune l’alfabetizzazione sanitaria inadeguata, poiché è noto che è comune tra gli americani in generale, sono rimasto in qualche modo sorpreso dalle associazioni con esiti neonatali negativi”, ha detto Yee.

Yee ha detto che le piacerebbe capire meglio la salute delle persone con diabete durante la gravidanza. Il diabete durante la gravidanza richiede complessi cambiamenti comportamentali e l’adozione di una nuova dieta, nuovi farmaci e un frequente coinvolgimento con il sistema medico, che richiedono competenze di alfabetizzazione sanitaria.

“Sono rimasto in qualche modo sorpreso dal fatto che nel nostro studio l’alfabetizzazione sanitaria non fosse associata al diabete gestazionale, ma fosse invece associata a risultati relativi al parto e al bambino”, ha detto Yee.

Dove andiamo da qui?

Una strategia importante per migliorare la salute, non solo in questo periodo critico ma per tutta la vita, sarebbe quella di migliorare l’alfabetizzazione sanitaria durante tutto il corso della vita, iniziando con i giovani e poi riadattandola durante importanti eventi della vita come la gravidanza, ha detto Yee.

“Un importante obiettivo educativo e di salute pubblica sarebbe quello di migliorare l’alfabetizzazione sanitaria degli adolescenti e dei giovani prima che rimangano incinta”, ha detto Yee. “La gravidanza è ancora un’importante finestra di opportunità per migliorare la salute della madre e dei suoi figli, ma il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di aiutare le persone a essere il più sane possibile prima di raggiungere la gravidanza”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.