Benessere

OMS: Il mondo deve imparare dalle lezioni della pandemia per evitare catastrofi future

OMS nuage de mots

Milioni di vite potrebbero essere salvate attraverso un maggiore uso delle prove

Centinaia di leader ed esperti sanitari si incontrano oggi per raccomandare alla comunità internazionale di fornire urgentemente risposte più forti basate sull’evidenza alle emergenze sanitarie globali.

Sostienici con un acquisto o donazione

Guidato da Cochrane, co-sponsorizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS ) e co-organizzato con i partner di COVID-END (COVID-19 Evidence Network per supportare il processo decisionale), Cochrane Convenes riunisce i leader nell’assistenza sanitaria e nella sintesi delle prove per discutere le sfide sanitarie globali create da COVID-19.

Il COVID-19 ha creato un focus unico sulle prove sanitarie per i governi, le imprese e le organizzazioni non governative, nonché per molti tipi di professionisti e il pubblico. La pandemia ha accelerato la collaborazione tra decisori e ricercatori, ma ha anche messo a nudo le carenze nei sistemi di produzione e condivisione delle prove.

Presentando oggi Cochrane Convenes, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato:

“Durante la pandemia di COVID-19, la Divisione scientifica dell’OMS ha lavorato a stretto contatto con il Programma per le emergenze sanitarie per produrre e garantire la qualità di oltre milleseicento documenti di orientamento. Ciò non sarebbe stato possibile senza la nostra partnership con Cochrane, i partner della rete COVID-END e il nostro WHO Evidence Collaborative for COVID-19”.

Le raccomandazioni e l’apprendimento di Cochrane Convenes formeranno un piano d’azione per sostenere il cambiamento nella comunità globale di prove sanitarie, compresi coloro che producono prove, condividono messaggi sulla salute e coloro che utilizzano le prove per prendere decisioni nella politica e nella pratica. I partecipanti includono scienziati, ricercatori, finanziatori, decisori e professionisti della salute pubblica, sostenitori dei pazienti e dei consumatori, nonché redattori di salute e scienza.

Le raccomandazioni includono:

  • La risposta alle prove pandemiche è stata ponderata verso i paesi ad alto reddito. I finanziatori dovrebbero investire di più nella ricerca svolta dai paesi a basso e medio reddito, sostenere le esigenze di formazione e comunicazione e affrontare le disuguaglianze in ciò che viene finanziato
  • Costruire competenze nel trasmettere l’incertezza su ciò che è noto e non noto durante un’emergenza sanitaria
  • Sono necessarie connessioni più forti tra i settori ciò comporta la costruzione e l’incentivazione di istituzioni, partenariati e reti per essere meglio preparati alle emergenze future

Alla guida del coinvolgimento dell’OMS in Cochrane Convenes, il Dr. John Grove, Direttore dell’assicurazione della qualità, norme e standard dell’OMS ha spiegato,

“Come comunità di produttori e utenti di prove, avevamo una quantità enorme di cui fare il punto. Avevamo bisogno di raccogliere ciò che abbiamo appreso e Cochrane Convenes ci ha dato l’opportunità di iniziare. È emerso chiaramente che dobbiamo rimanere connessi come comunità attorno al nostro obiettivo di sostenere le buone pratiche nella produzione e nell’uso delle prove, per il bene di tutta la nostra salute in tutto il mondo.

In modo promettente, i partecipanti hanno dimostrato che esiste la volontà collettiva di renderci adatti allo scopo e ora dobbiamo muoverci verso l’attuazione di queste raccomandazioni”.

La direttrice capo di Cochrane, la dott.ssa Karla Soares-Weiser, ha dichiarato:

“La prospettiva unica di Cochrane ci ha permesso di ospitare queste discussioni strategiche e siamo stati lieti di vedere riunirsi una comunità globale di produttori e utenti di prove. Sappiamo di dover supportare l’Organizzazione Mondiale della Sanità e i suoi Stati membri con le migliori prove e indicazioni possibili per garantire che i decisori locali e gli operatori sanitari in prima linea abbiano le prove e le informazioni più affidabili e di alta qualità di cui hanno bisogno, ma la domanda ha stato come migliorare e farlo meglio.

Ha aggiunto: “Quello che abbiamo imparato oggi è che l’obiettivo non risiede solo nel mantenere il rigore della scienza, ma anche nell’investire nelle nostre reti e partnership globali. Dobbiamo costruire un sistema di cui tutti possiamo fidarci, che si rivolga a tutti gli utenti delle prove ovunque si trovino nel mondo”.

Un riepilogo delle raccomandazioni informerà un piano d’azione che uscirà entro la fine dell’anno e sarà utilizzato per sostenere il cambiamento garantendo una migliore preparazione per future emergenze sanitarie globali.

Puoi unirti a Cochrane Convenes il 14 ottobre alle 09:30 UTC.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Benessere

Con tag: