Donne e diabete

La pillola contraccettiva può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico

contraceptive pills, cops, contraception

Photo by Anqa on Pixabay

Uno studio condotto dall’Università di Birmingham ha rivelato per la prima volta che la pillola contraccettiva può ridurre di oltre un quarto il rischio di diabete di tipo 2 nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

Sostienici con un acquisto o donazione

Uno studio condotto dall’Università di Birmingham ha rivelato per la prima volta che la pillola contraccettiva può ridurre di oltre un quarto il rischio di diabete di tipo 2 nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). 

I risultati della ricerca mostrano anche che le donne con PCOS hanno il doppio del rischio di sviluppare diabete di tipo 2 o pre-diabete (disglicemia), evidenziando l’urgente necessità di trovare trattamenti per ridurre questo rischio.

Oltre al rischio di diabete di tipo 2, la PCOS – che colpisce il 10% delle donne in tutto il mondo – è anche associata a una serie di altre condizioni a lungo termine, come il cancro dell’endometrio, le malattie cardiovascolari e le malattie non legate all’alcol. steatosi epatica (NAFLD) .

I sintomi della PCOS includono periodi irregolari o nessun ciclo, che può portare a problemi di fertilità e molti soffrono di crescita indesiderata dei peli (nota come “irsutismo”) sul viso o sul corpo, perdita di capelli sul cuoio capelluto e pelle grassa o acne . Questi sintomi sono causati da alti livelli di ormoni chiamati androgeni nel sangue delle donne con PCOS.

Le donne con PCOS spesso lottano con l’aumento di peso e le cellule del loro corpo sono spesso meno sensibili all’insulina, l’ormone che consente al corpo di assorbire il glucosio (zucchero nel sangue) nelle cellule per produrre energia. Questa ridotta risposta all’insulina può portare a livelli elevati di glucosio nel sangue e può indurre il corpo a produrre più insulina, che a sua volta fa sì che il corpo produca più androgeni. Gli androgeni aumentano ulteriormente i livelli di insulina, guidando un circolo vizioso.

Il team di scienziati dell’Università di Birmingham ha condotto due studi per identificare in primo luogo il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e pre-diabete nelle donne con PCOS, e in secondo luogo per studiare l’impatto dell’uso di contraccettivi orali combinati, spesso indicati come ‘la pillola’, sul rischio di diabete di tipo 2 e pre-diabete nelle donne con PCOS. La pillola viene spesso somministrata alle donne con PCOS per migliorare la regolarità dei sanguinamenti mestruali.  

Utilizzando record di pazienti GP del Regno Unito di 64.051 donne con PCOS e 123.545 donne di controllo abbinate senza PCOS, hanno prima effettuato un ampio studio di coorte basato sulla popolazione per analizzare il rischio di diabete di tipo 2 e pre-diabete. Hanno scoperto che le donne con PCOS erano due volte a rischio di diabete di tipo 2 o pre-diabete, rispetto a quelle senza PCOS. Hanno anche identificato l’irsutismo (eccessiva crescita dei capelli) – un segno clinico di alti livelli di androgeni – come un fattore di rischio significativo per il diabete di tipo 2 e il pre-diabete tra le donne con PCOS.

Per indagare l’impatto della pillola sul diabete di tipo 2 o pre-diabete, i ricercatori, tra cui esperti dell’Università di Medicina e Scienze della Salute RCSI, hanno quindi condotto un ulteriore studio caso-controllo nidificato su 4.814 donne con PCOS. Gli scienziati hanno scoperto che l’uso di contraccettivi orali combinati riduce del 26% le probabilità di sviluppare diabete di tipo 2 e pre-diabete nelle donne con PCOS.

I ricercatori dietro lo studio, pubblicato oggi su Diabetes Care , stanno ora pianificando di condurre una sperimentazione clinica per dimostrare ulteriormente i loro risultati nella speranza che porti a cambiamenti nella politica sanitaria globale.

Il co-autore senior, il professor Wiebke Arlt, direttore dell’Istituto di ricerca sul metabolismo e sui sistemi dell’Università di Birmingham, ha dichiarato: “Sapevamo da studi precedenti e più piccoli che le donne con PCOS hanno un aumentato rischio di diabete di tipo 2. Tuttavia, ciò che è importante nella nostra ricerca è che siamo stati in grado di fornire nuove prove da uno studio molto ampio basato sulla popolazione per dimostrare per la prima volta che abbiamo una potenziale opzione di trattamento – contraccettivi orali combinati – per prevenire questo gravissimo rischio di salute.”

Il primo autore congiunto Dr Michael O’Reilly, Health Research Board Emerging Clinician Scientist e Clinical Associate Professor presso l’Università di Medicina e Scienze della Salute RCSI, ha aggiunto: “Ipotizziamo che la pillola riduca il rischio di diabete smorzando l’azione degli androgeni. Come funziona? La pillola contiene estrogeni che aumentano una proteina nel sangue chiamata globina legante gli ormoni sessuali (SHBG). SHBG lega gli androgeni e, quindi, li rende inattivi. Quindi, se si prende la pillola, l’SHBG aumenta. Ciò riduce la quantità di androgeni attivi non legati, diminuendo il loro impatto sull’insulina e sul rischio di diabete”.

Il primo autore congiunto Anuradhaa Subramanian, anch’egli dell’Università di Birmingham, ha aggiunto: “Con una donna su 10 che vive con la PCOS, che è un disordine metabolico permanente, è incredibilmente importante trovare modi per ridurre i rischi per la salute associati”.

Il co-autore senior Krish Nirantharakumar, professore di Health Data Science e Public Health presso l’Institute of Applied Health Research dell’Università di Birmingham, ha aggiunto: “È importante sottolineare che i nostri dati evidenziano che le donne normopeso con PCOS erano anche a maggior rischio di diabete di tipo 2 e pre-diabete. Ciò è in parallelo con la nostra precedente scoperta di un aumento del rischio di NAFLD nelle donne normopeso con PCOS, sfidando ulteriormente l’idea che le complicanze metaboliche correlate alla PCOS siano rilevanti solo nel contesto dell’obesità. Questi dati suggeriscono che, piuttosto che l’obesità isolatamente, i fattori specifici della PCOS, incluso l’eccesso di androgeni, sono alla base dell’aumento del rischio metabolico.

Lo studio è stato supportato da finanziamenti di Health Data Research UK, Wellcome Trust, Health Research Board e National Institute for Health Research Birmingham Biomedical Research Center, che ha sede presso l’Università di Birmingham e gli ospedali universitari Birmingham NHS Foundation Trust.

La ricerca è stata condotta anche in collaborazione con l’Università di Colombo in Sri Lanka e la McGill University in Canada.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione