Donne e diabete

Colesterolo materno durante la gravidanza collegato alla gravità dell’infarto nella prole adulta

pregnant woman, pregnancy, pregnant

Un piccolo studio ha suggerito che il colesterolo materno alto in gravidanza è associato ad attacchi di cuore più gravi nella prole giovane adulta. La ricerca è pubblicata oggi sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).1

Sostienici con un acquisto o donazione

“Il colesterolo non viene misurato di routine durante la gravidanza nella maggior parte dei paesi, quindi ci sono pochi studi sulla sua associazione con la salute della prole”, ha affermato l’autore dello studio, il dott. Francesco Cacciatore dell’Università di Napoli Federico II, in Italia.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare i nostri risultati”, ha continuato. “Se confermata, questa associazione indicherebbe che il colesterolo alto in gravidanza dovrebbe essere considerato un segnale di avvertimento e le donne dovrebbero essere incoraggiate a fare esercizio e a ridurre l’assunzione di colesterolo. Inoltre, ai bambini affetti potrebbero essere fornite indicazioni dietetiche e di stile di vita volte a prevenire le malattie cardiache più avanti nella vita”.

Lo studio retrospettivo ha incluso 310 pazienti che sono stati ricoverati in ospedale tra il 1991 e il 2019. Di questi, 89 pazienti sono stati ricoverati per infarto e 221 controlli sono stati ricoverati per altri motivi. Per tutti i 310 partecipanti, sono stati ottenuti dati sul colesterolo della madre durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza con quell’individuo.

L’età media degli 89 pazienti con infarto era di 47 anni e l’84% erano uomini. I pazienti sono stati classificati come affetti da infarto grave o non grave in base a: 1) numero di arterie coronarie coinvolte (attacco grave = coinvolge tre arterie); 2) funzione di pompa del cuore (attacco grave = frazione di eiezione ventricolare sinistra 35% o meno); 3) livelli di picco degli enzimi creatinina chinasi (CK) e CK-MB, con livelli più alti che indicano un danno cardiaco più esteso (attacco grave = picco di CK superiore a 1200 mg/dL o picco di CK-MB superiore a 200 mg/dL). L’infarto è stato considerato grave quando almeno uno dei criteri è stato soddisfatto.

Il colesterolo materno durante la gravidanza era significativamente correlato con ciascuna misura della gravità dell’infarto (numero di vasi, frazione di eiezione, CK e CK-MB).

I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra il colesterolo materno durante la gravidanza e la gravità dell’infarto dopo aver aggiustato per età, sesso, indice di massa corporea (BMI), numero di fattori di rischio cardiovascolare (obesità, fumo, ipertensione, storia familiare di malattie cardiache o colesterolo alto , diabete, angina precedente) e colesterolo sierico misurato dopo il ricovero per infarto.

Il colesterolo materno durante la gravidanza prevedeva la gravità dell’infarto indipendentemente da età, sesso, indice di massa corporea, numero di fattori di rischio e colesterolo sierico dopo il ricovero, con un odds ratio di 1.382 (intervallo di confidenza 95% 1.046–1.825; p=0.023).

In una seconda analisi che includeva tutti i 310 pazienti, i ricercatori hanno esaminato l’associazione tra il colesterolo materno durante la gravidanza e l’aterosclerosi nella prole adulta. Poiché per la maggior parte dei controlli non erano disponibili misurazioni dell’aterosclerosi, sono state utilizzate due misurazioni sostitutive. Questi erano: 1) numero di fattori di rischio cardiovascolare; e 2) numero di fattori di rischio cardiovascolare più manifestazioni cliniche come infarto o ictus.

Il livello di colesterolo delle madri in gravidanza era significativamente correlato con entrambe le misure del rischio di aterosclerosi, anche dopo aggiustamento per età, sesso e fattori di rischio cardiovascolare.

Il dottor Cacciatore ha dichiarato: “Le nostre osservazioni suggeriscono che il livello di colesterolo di una madre durante la gravidanza influisce sulla programmazione dello sviluppo della prole e sulla gravità dell’infarto in età adulta. Tuttavia, lo studio non stabilisce la causalità, né ci consente di stimare quanto colesterolo materno possa contribuire alla gravità dell’infarto».

Ha concluso: “Sono necessari studi prospettici per valutare meglio l’entità con cui il colesterolo materno può influenzare lo sviluppo dell’aterosclerosi nella prole e l’effetto combinato dei fattori di rischio per tutta la vita”.


Riferimenti

1Cacciatore F, Bruzzese G, Abete P, et al. Maternal hypercholesterolaemia during pregnancy affects severity of myocardial infarction in young adults. Eur J Prev Cardiol. 2021. doi:10.1093/eurjpc/zwab152.
Link will go live on publication:
https://academic.oup.com/eurjpc/article-lookup/doi/10.1093/eurjpc/zwab152

About the European Society of Cardiology
The European Society of Cardiology brings together health care professionals from more than 150 countries, working to advance cardiovascular medicine and help people lead longer, healthier lives.

About the European Journal of Preventive Cardiology
The European Journal of Preventive Cardiology is the world’s leading preventive cardiology journal, playing a pivotal role in reducing the global burden of cardiovascular disease.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione