Terapie

Indicatore di gestione del glucosio e il tempo nell’intervallo possono essere strumenti preziosi nella cura del diabete

path, feet, shoes

Photo by geralt on Pixabay

Utilizzando l’indicatore di gestione del glucosio, il monitoraggio continuo del glucosio e il tempo nell’intervallo possono migliorare il controllo glicemico e gli esiti di salute per le persone con diabete, secondo un relatore al Cardiometabolic Health Congress.

Sostienici con un acquisto o donazione

Grazia Aleppo, MD , professore di endocrinologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, ha affermato che l’indicatore di gestione del glucosio può essere un buon complemento all’HbA1c nella misurazione del controllo glicemico e che il tempo nell’intervallo può essere utilizzato come predittore per le complicanze del diabete.

“HbA1c non è l’unica cosa là fuori per capire lo stato del glucosio”, ha detto Aleppo durante la presentazione. “Puoi usare l’indicatore di gestione del glucosio. Puoi ancora usare HbA1c, ma devi stare attento quando usi HbA1c in pazienti che sono più avanzati con comorbidità, come la malattia renale.

Indicatore di gestione del glucosio vs HbA1c

L’HbA1c è stato il gold standard per la misurazione delle complicanze legate al diabete da quando è stato completato il Diabetes Control and Complications Trial (DCCT). Tuttavia, l’HbA1c non è una metrica perfetta perché può fluttuare in risposta all’eritropoiesi, alla modifica dell’emoglobina, alla glicazione, alla distruzione degli eritrociti e alle interferenze analitiche, ha affermato Aleppo.

Ciascun livello di HbA1c ha un ampio intervallo di glicemia media stimata. Secondo i dati pubblicati su Diabetes Care , un HbA1c del 7% ha un range medio di glucosio stimato da 123 mg/dL a 185 mg/dL. Questo si sovrappone a un HbA1c del 6%, che ha un intervallo medio di glucosio da 100 mg/dL a 152 mg/dL, e un HbA1c dell’8%, che ha un glucosio medio da 147 mg/dL a 217 mg/dL.

Parte della variabilità tra i livelli medi di glucosio e HbA1c può essere attribuita al gap di glicazione, che è la differenza tra HbA1c e HbA1c prevista dalla fruttosamina sierica.

“Ci sono differenze genetiche che spiegano questo divario di glicazione, e anche molte discordanza di HbA1c più glucosio sono presenti nelle differenze razziali”, ha detto Aleppo.

I fornitori consigliati da Aleppo utilizzano l’indicatore di gestione del glucosio come complemento all’HbA1c durante la regolazione della terapia. L’indicatore di gestione del glucosio è un HbA1c stimato dal CGM basato su una formula derivata dalla linea di regressione dei punti medi di concentrazione del glucosio e dei valori di HbA1c. I dati da 14 a 30 giorni possono essere utilizzati per calcolare l’indicatore di gestione del glucosio. La maggiore correlazione tra HbA1c, indicatore di gestione del glucosio e glicemia media è per il glucosio compreso tra 144 mg/dL e 160 mg/dL.

“Ci sarà sempre un po’ di discrepanza, è tra lo 0,2% e lo 0,6%, a seconda dei livelli”, ha detto Aleppo. “La cosa buona è che la discrepanza rimane la stessa nel tempo. Quindi possiamo vedere se, ad esempio, l'[indicatore di gestione del glucosio] è più alto e l’HbA1c è più basso, dobbiamo fare qualcosa per abbassare il livello di glucosio.

Prevedere le complicazioni con il tempo nell’intervallo

I dati CGM sono efficaci per misurare il controllo glicemico nel diabete di tipo 2 e di tipo 1. Negli studi Diamond 2 e Mobile, le persone con diabete di tipo 2 hanno avuto maggiori riduzioni di HbA1c durante l’utilizzo del CGM rispetto all’automonitoraggio della glicemia. In Mobile, i partecipanti hanno avuto un aumento del 16% nel tempo nell’intervallo e una diminuzione del 15% nel tempo al di sopra dell’intervallo durante l’utilizzo di CGM rispetto a prima di iniziare il CGM ( P <.001 per entrambi).

Il tempo nell’intervallo sta diventando una metrica importante per prevedere le complicazioni, secondo Aleppo. Nel DCCT, ogni HbA1c inferiore del 10% era associato a una riduzione del rischio di retinopatia del 44%. Quando correlato con il tempo nell’intervallo, ogni aumento del 10% nel tempo nell’intervallo era associato a un rischio ridotto del 64% di retinopatia.

Risultati simili sono stati riportati con lo spessore dell’intima-media carotidea e la malattia arteriosa degli arti inferiori, con aumenti del tempo nell’intervallo associati a minori rischi per entrambi nel diabete di tipo 2. Il minor tempo nell’intervallo è anche associato ad un aumento dei rischi di mortalità per tutte le cause (HR = 1,08; 95% CI, 1,05-1,12) e mortalità cardiovascolare (HR = 1,05; 95% CI, 1-1,11) nel diabete di tipo 2, secondo a uno studio pubblicato su Diabetes Care .

“Il tempo nell’intervallo è diventato una metrica di risultato emergente e davvero buona da utilizzare negli studi clinici e nella pratica clinica”, ha affermato Aleppo.

Riferimenti:


Fonte: 

Aleppo G. Sessione III: Diabete. Presentato a: Congresso sulla salute cardiometabolica; 14-17 ottobre 2021; National Harbor, Md. (incontro ibrido).

Divulgazioni: Aleppo riferisce di aver ricevuto sovvenzioni di supporto da AstraZeneca, Eli Lilly, Dexcom, Insulet e Novo Nordisk e spese di consulenza da Insulet e Dexcom.
Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Terapie

Con tag:,