Reni

Finerone: fa bene qui, fa bene lì

Finerenone inaugura ‘momento emozionante’ al crocevia tra cardio-renale, cura del diabete

Sostienici con un acquisto o donazione

Secondo un relatore al Cardiometabolic Health Congress, i risultati degli studi FIDELIO-DKD e FIGARO-DKD sul finerenone, nonché l’imminente analisi FIDELITY-DKD, potrebbero avviare una nuova era nel trattamento delle malattie cardio-renali.

Durante la sua presentazione, George L. Bakris , MD , professore di medicina e direttore del Comprehensive Hypertension Center accreditato dall’American Heart Association presso l’Università di Chicago Medicine e autore senior dello studio FIDELIO, ha discusso di questi studi e di ciò che i loro risultati possono indicare per il futuro trattamento della malattia renale cronica e del diabete.

“Negli ultimi 20 anni, non c’è stato nulla di grave nelle malattie renali. Abbiamo avuto gli ACE e i [bloccanti del recettore dell’angiotensina], e poi abbiamo avuto esplosioni a partire dal 2018 e 2019 con gli inibitori SGLT2 “, ha detto Bakris durante la presentazione. “Ora abbiamo una nuova classe di agenti, i non steroidei [recettori mineralcorticoidi]. Stiamo cercando di raggiungere il livello dei cardiologi dello scompenso cardiaco, dove possiamo avere pilastri della terapia, e ci stiamo lentamente arrivando”.

A luglio, la FDA ha approvato l’antagonista del recettore dei mineralcorticoidi finerenone (Kerendia, Bayer) per ridurre il rischio di complicanze renali e cardiache negli adulti con malattia renale cronica associata al diabete di tipo 2.

“Alcuni [recettori mineralcorticoidi] sono in fase di sviluppo e sono stati approvati in Giappone per l’ipertensione”, ha detto Bakris. “KBP-5074 (KBP Biosciences) è stato sviluppato qui negli Stati Uniti per l’ipertensione resistente e il finerenone è quello con i migliori dati sui reni e non ha quasi effetti sulla pressione sanguigna”.

L’approvazione del finerenone da parte della FDA si è basata sui dati dello studio sugli esiti renali FIDELIO-DKD. Bakris ha anche citato i dati dello studio FIGARO-DKD che ha valutato gli esiti CV tra i pazienti con malattia renale cronica e diabete e l’analisi combinata FIDELITY-DKD di entrambi gli studi, attualmente in fase di revisione.

Nello studio FIDELIO-DKD, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 5.734 adulti con malattia renale cronica e diabete di tipo 2 a cui era già stata prescritta la massima terapia guidata dalle linee guida tollerata al finerenone orale o al placebo. L’esito primario era un composito di tempo all’insufficienza renale, riduzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata sostenuta (eGFR) del 40% o più rispetto al basale o morte renale.

Come riportato in precedenza da Il Mio Diabete, i partecipanti al braccio finerenone hanno manifestato un rischio inferiore per l’endpoint primario composito durante un periodo di almeno 4 settimane e un rischio inferiore del 18% per la morte renale durante una mediana di 2,6 anni di follow-up. I pazienti in trattamento con finerenone hanno anche sperimentato una riduzione del 31% dell’albuminuria.

Lo studio sui risultati FIGARO-DKD CV ha arruolato 7.400 partecipanti con malattia renale cronica e diabete già prescritta la terapia massima tollerata. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a finerenone orale 10 mg o 20 mg una volta al giorno o placebo.

Come precedentemente riportato da Il Mio Diabete, il finerenone ha ridotto il rischio per l’endpoint composito del tempo alla prima occorrenza di morte CV o eventi CV non fatali, definiti come infarto miocardico, ictus o ospedalizzazione per scompenso cardiaco.

L’analisi combinata FIDELITY-DKD ha combinato i dati degli studi FIDELIO-DKD e FIGARO-DKD e ha incluso pazienti in un ampio spettro di eGFR e categorie di malattia renale cronica. I risultati finali sono attualmente in fase di revisione tra pari e dovrebbero essere pubblicati sull’European Heart Journal , secondo Bakris.

L’analisi aggregata ha indicato che il finerenone ha ridotto significativamente il rischio per l’esito CV composito di tempo alla morte CV, infarto miocardico non fatale, ictus non fatale o ospedalizzazione per HF del 14% ( P = 0,0018), rispetto al placebo, ha detto Bakris.

Inoltre, il finerenone ha anche ridotto il rischio per l’esito renale composito primario del tempo all’insufficienza renale, una diminuzione sostenuta dell’eGFR del 57% o più o la morte renale ( P = .0002). Il numero necessario per il trattamento dopo 3 anni era di 60, ha detto Bakris.

“Queste analisi e prove mostrano che questo farmaco è un ottimo complemento agli ACE-inibitori e ai [bloccanti del recettore dell’angiotensina]”, ha detto Bakris. “Probabilmente, sarà anche un ottimo complemento se usiamo tutti e tre: SGLT2, ACE-inibitori e [bloccanti del recettore dell’angiotensina]. Questo in termini non solo di rallentare la progressione della malattia renale, ma anche di ridurre il rischio cardiovascolare.

“Prevedo che i prossimi 5-7 anni saranno un periodo molto emozionante nell’area cardio-renale, sovrapponendosi al diabete”, ha detto Bakris.

Riferimento:


Fonte: 

Bakris GL. Osservazioni di apertura e aggiornamento della FDA e prove tardive. Presentato a: Congresso sulla salute cardiometabolica; 14-17 ottobre 2021; National Harbor, Md. (incontro ibrido).

Divulgazioni: Bakris è consulente per Alnylam, AstraZeneca, Bayer, Horizon, Ionis, Merck, Novo Nordisk e Vifor.
Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Reni

Con tag:,,,