Complicanze varie/eventuali

In che modo la gastroparesi colpisce le persone con diabete?

Le persone con diabete sono a maggior rischio di gastroparesi, un disturbo digestivo che può causare sintomi gravi e influire sulla qualità della vita.

Sostienici con un acquisto o donazione

Il diabete è la causa nota più comune di gastroparesi, un disturbo digestivo che può portare a una cattiva alimentazione, problemi di gestione della glicemia e una ridotta qualità della vita. Qui, il dottor Adil E. Bharucha, uno degli autori del capitolo “Manifestazioni gastrointestinali del diabete”, nella pubblicazione NIDDK Diabetes in America, 3a edizione, discute come gli operatori sanitari possono diagnosticare e trattare la gastroparesi nei pazienti con diabete.

D: Cos’è la gastroparesi? Quanto è comune la gastroparesi nelle persone che hanno il diabete di tipo 1 o di tipo 2?

R: La gastroparesi è una condizione in cui i muscoli della parete dello stomaco funzionano male o non funzionano affatto, rallentando o ritardando la velocità con cui il cibo si svuota dallo stomaco all’intestino. Questo è chiamato svuotamento gastrico ritardato. Nella gastroparesi, lo svuotamento gastrico è ritardato perché i muscoli non funzionano in modo efficace, non perché un blocco impedisce al cibo di spostarsi dallo stomaco all’intestino.

Mentre lo svuotamento gastrico ritardato è relativamente comune nelle persone con diabete di tipo 1 o di tipo 2, che colpisce fino alla metà di questa popolazione in alcuni studi, una diagnosi di gastroparesi richiede sia uno svuotamento gastrico ritardato che sintomi digestivi da moderati a gravi, come sensazione di sazietà poco dopo iniziare un pasto, nausea o vomito, dolore addominale o gonfiore. Sulla base di questa definizione, la gastroparesi è rara.

In uno studio, in un periodo di 10 anni, circa il 5% delle persone con diabete di tipo 1 e circa l’1% delle persone con diabete di tipo 2 hanno sviluppato gastroparesi. Meno dell’1% delle persone senza diabete ha sviluppato gastroparesi durante lo studio.

D: Nelle persone con diabete, qual è la relazione tra gastroparesi e livelli di glucosio nel sangue?

R: Esiste una relazione bidirezionale tra la glicemia e lo svuotamento dello stomaco, ovvero i livelli di glucosio nel sangue influenzano le funzioni dello stomaco e viceversa. Alcuni studi suggeriscono che alti livelli di glucosio nel sangue aumentano il rischio di gastroparesi. Al contrario, la gastroparesi può rendere difficile per alcune persone con diabete la gestione dei livelli di glucosio nel sangue.

Detto questo, ci sono diverse domande senza risposta sulla relazione tra glicemia e svuotamento dello stomaco, e la ricerca è in corso in questo settore.

D: Quando gli operatori sanitari dovrebbero sospettare che un paziente con diabete abbia la gastroparesi?

R: È importante che gli operatori sanitari chiedano alle persone con diabete se hanno alcuni dei sintomi digestivi della gastroparesi, come

  • la sensazione di pienezza poco dopo aver iniziato a mangiare un pasto
  • l’incapacità di completare un pasto regolare
  • un senso di pienezza che persiste a lungo dopo aver terminato un pasto
  • altri sintomi come dolore addominale, nausea, gonfiore, vomito, bruciore di stomaco e mancanza di appetito

In alcuni studi, fino al 50% delle persone con diabete ha ritardato lo svuotamento gastrico, ma la maggior parte di queste persone non ha sintomi digestivi o ha solo sintomi lievi. In alcuni pazienti, problemi nella gestione dei livelli di glucosio nel sangue possono essere un segno di uno svuotamento gastrico ritardato. Gli operatori sanitari potrebbero prendere in considerazione la valutazione dello svuotamento dello stomaco nei pazienti che hanno problemi a gestire il diabete.

Le persone che hanno il diabete e le complicanze correlate al diabete, come neuropatia periferica o autonomica, retinopatia o nefropatia, hanno una maggiore probabilità di avere complicazioni allo stomaco. Tuttavia, le persone senza altre complicanze legate al diabete possono anche sviluppare uno svuotamento gastrico ritardato. Quindi, gli operatori sanitari non possono fare affidamento sulla presenza o assenza di queste complicazioni per determinare efficacemente se i pazienti hanno ritardato lo svuotamento gastrico.

D: Come viene diagnosticata la gastroparesi?

R: Gli operatori sanitari non possono diagnosticare la gastroparesi sulla base dei soli sintomi. Uno studio sullo svuotamento gastrico, utilizzando la scintigrafia dello svuotamento gastrico, un test del respiro per lo svuotamento gastrico o una capsula di motilità wireless, è necessario per determinare se lo stomaco si svuota normalmente, lentamente o rapidamente. Se uno studio sullo svuotamento gastrico mostra che lo stomaco si svuota lentamente, gli operatori sanitari potrebbero dover ordinare un’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore (GI) per assicurarsi che nulla blocchi fisicamente il movimento del cibo dallo stomaco all’intestino tenue.

D: In che modo la gastroparesi influisce sulla salute e sulla qualità della vita?

R: Molte persone con gastroparesi si sentono a disagio, hanno una forte nausea o vomitano dopo aver mangiato. Questi sintomi possono essere devastanti per alcuni pazienti. La maggior parte delle persone con gastroparesi tende a consumare meno nutrienti del necessario. Quindi, la gastroparesi può compromettere notevolmente la qualità della vita di una persona.

D: Quali sono le opzioni di trattamento per la gastroparesi?

R: Il trattamento in genere inizia apportando modifiche alla dieta del paziente , che spesso è efficace. Le modifiche includono

  • limitare l’assunzione di grassi dal 25% al ??30% delle calorie totali
  • limitare l’assunzione di fibre a 15 grammi per ogni 1.000 calorie consumate
  • mangiare cibi come purè di patate che sono facili da schiacciare con una forchetta in piccole particelle

Se cambiare la dieta di un paziente non funziona, gli operatori sanitari possono consigliare farmaci per ridurre la nausea o migliorare lo svuotamento gastrico. Gli operatori sanitari dovrebbero anche rivedere l’elenco dei farmaci che un paziente sta assumendo e, se possibile, interrompere i farmaci che potrebbero ritardare lo svuotamento dello stomaco, in particolare gli oppioidi.

Per aiutare a prevenire livelli di glucosio nel sangue alti o bassi nei pazienti con diabete e gastroparesi, gli operatori sanitari possono raccomandare cambiamenti nel modo in cui i pazienti gestiscono il loro diabete, inclusi cambiamenti nel modo in cui assumono insulina o altri medicinali per il diabete. In genere, le persone assumono una dose di insulina regolare da 15 a 20 minuti prima di un pasto. Con quel tempismo, l’insulina dovrebbe essere efficace quando il cibo si svuota dallo stomaco, i nutrienti vengono assorbiti e il glucosio entra nel flusso sanguigno. Tuttavia, se lo stomaco si svuota lentamente e i nutrienti impiegano più tempo per essere assorbiti, l’insulina può iniziare a esercitare il suo effetto prima che il glucosio entri nel flusso sanguigno.

D: Quali ricerche vengono condotte sulla gastroparesi nelle persone che hanno il diabete?

R: Gli entusiasmanti studi di ricerca in corso stanno indagando sul motivo per cui le persone con diabete sviluppano la gastroparesi. Ad esempio, alcuni studi stanno studiando se le cellule immunitarie chiamate macrofagi potrebbero danneggiare i muscoli dello stomaco e ritardare lo svuotamento dello stomaco nelle persone con diabete. Comprendere il processo attraverso il quale i macrofagi danneggiano i muscoli dello stomaco potrebbe portare a nuovi trattamenti che affrontano quel processo.

Il mio gruppo di ricerca sta valutando se i cambiamenti epigenetici, cioè i cambiamenti che influenzano l’espressione dei geni, non i geni stessi, potrebbero influenzare lo svuotamento dello stomaco nelle persone con diabete. Diversi farmaci sicuri e approvati per l’uso nell’uomo possono influenzare questi cambiamenti epigenetici e questi farmaci sono in fase di sperimentazione clinica.


Informazioni sull’esperto

Adil E. Bharucha, MBBS, MD, è un gastroenterologo presso la Mayo Clinic. Conduce ricerche su molti disturbi digestivi, inclusa la gastroparesi diabetica. La sua ricerca cerca di comprendere meglio i meccanismi e la gestione dei sintomi gastrointestinali legati al diabete, inclusa la relazione tra lo svuotamento dello stomaco e la gestione dei livelli di glucosio nel sangue.
Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione